Condividi su

27 giugno 2018 • 16:00 • Scritto da Lorenzo Pedrazzi

Swamp Thing – James Wan non dirigerà il pilot della serie

Contrariamente ai rumor dei giorni scorsi, James Wan non dirigerà il pilot di Swamp Thing, ma ricoprirà un importante ruolo creativo come produttore.
0

LEGGI ANCHE: Il casting call di Swamp Thing svela due nuovi personaggi, tra cui l’antagonista

Di recente è circolata una notizia secondo cui James Wan e Deran Sarafian avrebbero diretto insieme l’episodio pilota di Swamp Thing, ma ora Bloody-Disgusting smentisce questo rumor: il regista di The Conjuring e Aquaman non dirigerà il pilot, ma in compenso sarà un “produttore creativo a pieno titolo”, quindi contribuirà a sviluppare lo show in ogni suo aspetto, compresi lo stile visivo, la storia e i personaggi. Le riprese dovrebbero cominciare il prossimo novembre, mentre l’uscita è attesa per il 2019 sulla piattaforma streaming DC Universe.

Ovviamente Swamp Thing è basata sull’eponimo personaggio creato da Len Wein (scomparso l’anno scorso) e Berni Wrightson nel 1971. La produzione sarà curata dallo stesso James Wan, mentre gli showrunner saranno Mark Verheiden (Battlestar Galactica, Daredevil) e Gary Dauberman (It). Ecco la sinossi ufficiale:

Abby Arcane, ricercatrice del Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie, ritorna nella sua città natale di Houma, Louisiana, per indagare su un mortale virus originato dalla palude. Durante la sua permanenza, Abby intreccia una sorprendente relazione con lo scienziato Alec Holland, che muore in tragiche circostanze. Ma quando Houma viene invasa da forze potenti, determinate a sfruttare le misteriose proprietà della palude per i propri fini, la ricercatrice scopre che la palude stessa cela mistici segreti, al contempo terrificanti e meravigliosi… e che l’amore della sua vita potrebbe non essere affatto morto.

LEGGI ANCHE:

La descrizione dei personaggi di Swamp Thing

La DC annuncia Swamp Thing

Il personaggio è molto amato dai fan, soprattutto grazie alle gestioni di autori prestigiosi come Alan Moore, Brian K. Vaughan, Mark Millar e Scott Snyder. In seguito alla mutazione, Alec Holland diventa una sorta di pianta umanoide, fortissima e invulnerabile, capace di respirare sott’acqua, rigenerarsi e controllare la vegetazione. È stato già trasposto in live-action da Wes Craven nel film Il mostro della palude (1982), che ha generato un sequel nel 1989 e una serie tv all’inizio degli anni Novanta.

Fonte: ComicBookMovie

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *