Condividi su

19 dicembre 2017 • 11:15 • Scritto da Lorenzo Pedrazzi

Stranger Things 2 – I gatti di Netflix reagiscono a “quella” scena con Mews

In Stranger Things 2 c'è una scena difficile da sopportare per i gatti: Netflix ha puntato le telecamere sui mici dei suoi dipendenti per registrarne le reazioni...
0

LEGGI ANCHE: Netflix annuncia ufficialmente la terza stagione di Stranger Things

Sono tempi duri per i gatti del piccolo e del grande schermo, soprattutto nelle storie che coinvolgono il sovrannaturale: i felini domestici, infatti, cadono spesso preda del mostro di turno, che li ghermisce in attesa di rivolgere le sue attenzioni su obiettivi più grandi (cioè, noi umani). Stranger Things 2 non fa eccezione: quando Dustin (Gaten Matarazzo) prende in casa il piccolo Dart, lo spettatore più smaliziato sa bene che il povero Mews non avrà scampo. E infatti, non appena la creatura del Sotto Sopra cresce abbastanza da diventare aggressiva, a farne le spese è proprio il micio di casa.

È una scena disturbante per ogni gattaro, ma immaginate come può reagire un vero e proprio gatto di fronte a una simile brutalità… ebbene, Netflix ha pensato di mostrarcelo: in questo nuovo video, la piattaforma on-line ha registrato le reazioni di alcuni mici che guardano proprio quella scena, giusto per confermare il netto predominio felino sulla rete.

Potrete vederlo qui di seguito:

I gatti appartengono ai dipendenti di Netflix, i quali furono sottoposti a un simile trattamento con una scena de Il gioco di Gerald:

Ecco la sinossi di Stranger Things 2

È il 1984, e i cittadini di Hawking, Indiana, sono ancora sotto shock a causa degli orrori del malvagio Demogorgone e dei segreti nascosti nel Laboratorio di Hawkings. Will Byers è stato portato in salvo lontano dal Sottosopra, ma non c’è pace: c’è un entità sinistra, ancora più grande, che minaccia i sopravvissuti.

LEGGI ANCHE:

La recensione di Stranger Things 2

Il nostro incontro con David Harbour a Milano per l’anteprima di Stranger Things 2

I character poster di Stranger Things 2

La recensione della prima stagione di Stranger Things

Creata dai fratelli Matt e Ross Duffer (Wayward Pines), la prima stagione è ambientata nel 1983: a Hawkins, in Indiana, il piccolo Will Byers sparisce in circostanze misteriose, e i suoi migliori amici s’imbarcano in una grande avventura per ritrovarlo, scoprendo un’inquietante trama che coinvolge spaventose forze sovrannaturali, esperimenti governativi top secret e una ragazzina molto strana. Anche Joyce (Winona Ryder), madre del piccolo disperso, comincia a indagare insieme alla polizia. Insomma, Stranger Things è un’appassionata lettera d’amore ai film con cui molti di noi sono cresciuti, ma è anche il racconto formativo di tre bambini che si inoltrano in un mondo enigmatico e minaccioso.

Nel cast figurano anche Matthew Modine (Dr. Brenner), David Harbour (Chief Hopper), Charlie Heaton (Jonathan Byers), Natalia Dyer (Nancy Wheeler), Millie Bobby Brown (Eleven), Finn Wolfhard (Mike Wheeler), Caleb McLaughlin (Lucas Sinclair), Gaten Matarazzo (Dustin Henderson), Noah Schnapp (Will Byers) e Cara Buono (Karen Wheeler). Nella seconda stagione si aggiungeranno Sadie Sink (Max), Dacre Montgomery (Billy), Paul Reiser (Dottor Owens), Sean Astin (Bob Newby), Linnea Berthelsen (Roman), Brett Gelman (Murray Bauman) e Will Chase (Neil Mayfield). Gli episodi saranno 9 e si svolgeranno nel 1984, a un anno di distanza dalla prima stagione.

La regia degli episodi è curata da Matt e Ross Duffer, Shawn Levy, Andrew Stanton e Rebecca Thomas.

Fonte: Netflix

Se le serie TV sono il tuo pane quotidiano e non puoi farne a meno, non perderti #BingeLove, la sketch comedy targata ScreenWEEK.it, e iscriviti al nostro gruppo dedicato alle serie TV, costantemente aggiornato con tutte le novità legate al mondo del piccolo schermo!

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *