Condividi su

10 novembre 2017 • 16:30 • Scritto da Lorenzo Pedrazzi

Star Trek: Discovery – Data e sinossi per la seconda parte della stagione

Il "Capitolo 2" di Star Trek: Discovery debutterà su CBS All Access il prossimo 7 gennaio: ecco la breve sinossi della seconda parte di questa stagione.
0

GUARDA ANCHE: Gli attori di Star Trek: Discovery incontrano i fan a Lucca

Star Trek: Discovery è stata già rinnovata per la stagione 2, ma la prima non si è ancora conclusa: dopo nove episodi, infatti, la serie si è presa una pausa, e la seconda parte (denominata Chapter 2) debutterà su CBS All Access il prossimo 7 gennaio. Non sappiamo se la prima puntata di questo nuovo “lotto” (composto da sei episodi) arriverà in Italia su Netflix il giorno successivo, lunedì 8 gennaio, ma è probabile. Comunque, per ora non ci sono conferme ufficiali da parte del servizio streaming.

L’episodio s’intitolerà Despite Yourself, e sarà il decimo della stagione corrente. Ritroveremo Michael Burham (Sonequa Martin-Green), il Capitano Lorca (Jason Isaacs) e il resto dell’equipaggio alle prese con uno scontro frontale con i Klingon, che vogliono mettere le mani sulla rivoluzionaria tecnologia della Discovery. Qui di seguito troverete la breve sinossi del Capitolo 2:

Nel Capitolo 2, mentre si trova in un territorio sconosciuto, l’equipaggio della USS Discovery è costretto a trovare soluzioni creative per sopravvivere contro forze mai viste prime, in modo da poter tornare a casa.

LEGGI ANCHE: L’equipaggio di Star Trek: Discovery atterra a Lucca

Ecco la sinossi ufficiale:

Ambientato circa dieci anni prima degli eventi della serie originale, Star Trek: Discovery si sviluppa in un’epoca sconosciuta agli spettatori che ha plasmato il destino della Federazione. Il primo ufficiale Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) entra in contatto con nuove astronavi, altri mondi e avversari malvagi, mentre la minaccia della guerra incombe.

LEGGI ANCHE:

Undici poster dedicati ai personaggi di Star Trek: Discovery

La sigla d’apertura di Star Trek: Discovery

Bryan Fuller spiega per quale motivo ha lasciato Star Trek: Discovery

I protagonisti di Star Trek: Discovery sono Jason Isaacs nel ruolo del Capitano Lorca e Sonequa Martin-Green in quello di Michael Burham; dell’equipaggio della Discovery fanno parte anche Doug Jones (l’ufficiale scientifico Tenente Saru) e Anthony Rapp (l’astromicologo Tenente Stamets), mentre Michelle Yeoh è il Capitano Georgiou della Starship Shenzhou; James Frain è Sarek, il padre di Spock. Terry Serpico interpreta l’Ammiraglio Anderson, un alto ufficiale della Flotta Spaziale; Maulik Pancholy presta il volto al Dr. Nambue, Capo Ufficiale Medico della Starship Shenzhou; Sam Vartholomeos è Ensign Connor, Ufficiale Junior che, appena uscito dall’Accademia, viene assegnato alla Starship Shenzhou; Shazad Latif interpreta il Tenente Tyler, un ufficiale della Flotta Stellare nella Federazione; Rekha Sharma presta il volto al Comandante Landry, ufficiale della sicurezza sulla Starship Discovery; Kenneth Mitchell è Kol, Ufficiale Comandante dell’Impero Klingon; Clare McConnell interpreta Dennas, una leader nell’Impero Klingon; Damon Runyan presterà il volto a Ujilli, altro leader dell’Impero Klingon. Il cast comprende inoltre Mary Chieffo e Chris Obi nella parte di altri due Klingon.

Bryan Fuller (Dead Like Me, Pushing Daisies, Hannibal) ha creato questa nuova versione della serie, per poi lasciare il ruolo di showrunner in favore di Aaron Harberts e Gretchen Berg. CBS Television Studios si occupa della produzione con la supervisione di Alex Kurtzman, Heather Kadin, strong>Rod Roddenberry e Trevor Roth; i veterani Nicholas Meyer (Star Trek: L’ira di Khan) e Kirsten Beyer figurano invece tra gli sceneggiatori.

star-trek-discovery-poster-copertina

Fonte: Heroic Hollywood

Se le serie TV sono il tuo pane quotidiano e non puoi farne a meno, non perderti #BingeLove, la sketch comedy targata ScreenWEEK.it, e iscriviti al nostro gruppo dedicato alle serie TV, costantemente aggiornato con tutte le novità legate al mondo del piccolo schermo!

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *