Condividi su

20 marzo 2017 • 20:30 • Scritto da Andrea Suatoni

The Walking Dead: Recensione dell’episodio 7×14, “The Other Side”

Un episodio riempitivo ma ben riuscito, che ci accompagna verso l'ormai inevitabile lotta contro Negan e che segna il fato di un personaggio in particolare in modo inaspettato.
0

LEGGI ANCHE: THE WALKING DEAD FRA I PIU’ NOMINATI AI SATURN AWARDS 2017

—–ATTENZIONE: L’ARTICOLO CONTIENE SPOILER—–

E’ andato in onda ieri sera 19 Marzo il quattordicesimo episodio della settima stagione di The Walking Dead, incentrato principalmente sui sopravvissuti di Hilltop: al centro della scena quindi Maggie, Sasha e Jesus, ma anche Daryl, arrivato dal Regno, e Rosita, che avevamo già visto arrivare per chiedere l’aiuto di Sasha nell’assassinio di Negan.

THE OTHER SIDE

Maggie e Sasha hanno iniziato l’addestramento dei residenti di Hilltop: mentre il nuovo esercito nasce, Gregory vede il suo potere scemare sempre di più. Un arrivo improvviso dei Salvatori costringe Maggie e Daryl a nascondersi: la visita ha l’obiettivo di portare al campo di Negan il dottor Carson, per rimpiazzare il precedente dottore ucciso a causa di Dwight. Gregory è riluttante all’idea di consegnare Carson, soprattutto riguardo alle conseguenze che ciò potrebbe avere sulla sua posizione; ma Simon gli risponde che se dovessero esserci problemi sarà lui ad intervenire in prima persona.

Nel frattempo Sasha e Rosita iniziano in segreto il loro viaggio verso il campo dei Salvatori: pur se inizialmente le due non riescono a trovare un punto di incontro esterno alla loro “missione”, in seguito si confrontano l’un l’altra aprendosi e trovandosi più simili di quanto avrebbero creduto. Il piano iniziale di sparare da lontano a Negan con un fucile di precisione diventa ben presto irrealizzabile: il piano B vede le due introdursi per un viaggio senza ritorno all’interno del campo.
Durante l’infiltrazione, Rosita e Sasha incontrano Eugene: l’uomo chiarisce che si trova dove vuole essere, e che non ha intenzione di tornare indietro. Sasha invece, una volta passata dall’altra parte di una recinzione, la richiude alle proprie spalle, costringendo Rosita alla fuga: sarà solamente lei a cercare vendetta, mentre le numerose abilità di Rosita secondo la donna devono essere messe al servizio degli altri: “Hanno bisogno di te”.

Durante la fuga però, Rosita incappa in una figura misteriosa…

Lauren Cohan as Maggie Greene, Tom Payne as Paul 'Jesus' Rovia - The Walking Dead _ Season 7, Episode 13 - Photo Credit: Gene Page/AMC

VERSO IL FINALE

Il lento ritmo della seconda parte della stagione prosegue secondo lo schema classico: le varie comunità si stanno avvicinando all’inevitabile guerra. Alexandria sta continuando la ricerca di armi per reclutare il gruppo di Jadis (e dovrà coinvolgere anche Oceanside per farlo), Ezekiel ha ormai capito che anche il Regno dovrà combattere (e Carol è pronta ad aiutarlo), e come già sapevamo, gli abitanti di Hilltop sono pronti a seguire Maggie. Nella pratica il quattordicesimo episodio di The Walking Dead poco o nulla aggiunge alla trama, ma si prende la briga di risolvere, seppure in sordina, alcuni dei piccoli nodi rimasti legati fin dall’inizio della stagione.

E’ il caso ad esempio del toccante confronto fra Maggie e Daryl: il secondo si addossa la colpa della morte di Glenn, ma Maggie lo libera da quella pesante responsabilità. Anche fra Rosita e Sasha i rancori cedono il posto ad un rinnovato rispetto e ad un cameratismo femminile che ci saremmo aspettati in realtà di veder costruire meno velocemente, ma l’ostinazione degli showrunner verso la costruzione di episodi dalla caratura principalmente monografica costringe la scrittura a premere l’acceleratore e a dover risolvere in puntata conflitti che meriterebbero una attenzione più dilazionata nel tempo. Da notare anche il confronto infine fra Jesus e Gregory: il leader di Hilltop sta sempre di più scoprendo le sue carte, e non ci stupiremmo se assumesse pian piano le caratteristiche di un vero e proprio villain.

Fra le righe, senza nessuna malizia ed in modo stranamente (ma positivamente) delicato, assistiamo anche al coming out di Jesus, che in effetti parlando dei suoi ex fidanzati non rivela nulla di più che il suo passato a prescindere dalla sua omosessualità, data per scontata dalle sue frasi.

Norman Reedus as Daryl Dixon - The Walking Dead _ Season 7, Episode 13 - Photo Credit: Gene Page/AMC

ADDIO SASHA?

Eravamo convinti che il viaggio suicida di Rosita sarebbe stato senza ritorno; è invece Sasha a prendere il suo posto in quello che, con tutta probabilità, si rivelerà un fallimento, portandola verosimilmente alla morte. La dipartita di Sasha in realtà era già stata ventilata da una meta-notizia esterna a The Walking Dead: l’attrice Sonequa Martin-Greene, che la interpreta, è stata scelta come protagonista della serie TV in arrivo per la prossima stagione Star Trek: Discovery, quindi è possibile che l’impegno nel nuovo progetto la sottragga al cast di TWD.

Sul finire dell’episodio però, notiamo Rosita incappare in una figura che potrebbe essere quella di Daryl, balestra in spalla: possibile che i due riescano in qualche modo a salvare l’amica? …O magari si tratta di Dwight, sempre più simile alla sua controparte, che è infine riuscito a trarre in inganno anche lo spettatore?

Solamente un episodio ci separa ormai dal finale di stagione: un episodio di durata doppia rispetto al solito che sappiamo non finirà in un cliffhanger, chiudendo quindi tutte le trame portate avanti durante la stagione. Nel prossimo rivedremo finalmente Oceanside, mentre le strade delle varie comunità si incroceranno sempre di più verso la pericolosa lotta finale.

Christian Serratos as Rosita Espinosa, Sonequa Martin-Green as Sasha Williams - The Walking Dead _ Season 7, Episode 13 - Photo Credit: Gene Page/AMC

LEGGI ANCHE: DOVE RITROVARE GLI ATTORI DI THE WALKING DEAD CHE HANNO LASCIATO LA SERIE

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati sulle principali notizie riguardanti il mondo del Cinema. È inoltre disponibile la nostra nuova App per Mobile.

Inoltre, non perdete la nuova sezione di ScreenWeek dedicata alle serie tv, dove potrete trovare informazioni e dettagli sui vostri show preferiti.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *