Condividi su

14 febbraio 2017 • 14:50 • Scritto da Lorenzo Pedrazzi

Arrival – Il finale è stato modificato a causa di Interstellar

Lo sceneggiatore Eric Heisserer rivela che l'epilogo di Arrival è stato cambiato dopo l'uscita di Interstellar: scopriamo cosa prevedeva inizialmente.
0

LEGGI ANCHE: La recensione di Arrival dalla Mostra del Cinema di Venezia

Arrival di Denis Villeneuve è stato spesso paragonato a Interstellar di Christopher Nolan, e anche se i due film sono evidentemente diversi, non c’è dubbio che entrambi condividano una concezione del tempo piuttosto simile, almeno da quanto emerge nei rispettivi finali: in ambedue i casi, infatti, c’è un’idea di tempo come dimensione non “consequenziale” (quindi composta da un prima, un adesso e un dopo), ma “contemporanea” (come se gli eventi di passato, presente e futuro si svolgessero tutti nello stesso momento). Da questo punto di vista, Mattatoio n° 5 di Kurt Vonnegut costituisce un precedente importante per entrambi.

In origine, però, le similitudini erano anche maggiori, e lo sceneggiatore Eric Heisserer ha svelato a Collider che l’uscita di Interstellar lo ha spinto a cambiare l’epilogo del film.

Posso dire che l’unico cambiamento significativo è stato il dono che ci lasciano gli eptapodi. Nelle prime versioni ci donavano gli schemi di costruzione di un’astronave interstellare, come una specie di arca. E poi è uscito Interstellar di Chris Nolan, quindi ci siamo riuniti e abbiamo detto “Beh, ora questo non funziona più” [ride]. Quindi ci siamo focalizzati su ciò che avevamo di fronte a noi, che era il potere del loro linguaggio.

In realtà, l’idea degli schemi di costruzione per l’astronave avrebbe reso Arrival fin troppo simile a Contact, ma Heisserer ha avuto l’intuizione giusta quando ha deciso di concentrarsi sul linguaggio: quest’ultimo è un dono che permette all’umanità di emanciparsi come specie, acquisendo una conoscenza più esaustiva dell’universo, all’interno di un percorso formativo che passa dall’individuale all’universale. La specificità del film – ma anche la sua complessità – è proprio questa.

arrival-renner-adams

LEGGI ANCHE:

Denis Villeneuve, Amy Adams e Jeremy Renner presentano Arrival alla Mostra del Cinema di Venezia

Ed ecco la sinossi ufficiale:

Quando misteriose astronavi atterrano da un capo all’altro del mondo, una squadra d’elite – guidata dall’esperta linguista Louise Banks (Amy Adams) – viene messa insieme per investigare. Mentre l’umanità vacilla sull’orlo di una guerra globale, Banks e la squadra lottano contro il tempo per avere delle risposte; ma, per trovarle, la donna correrà un rischio che metterà in pericolo la sua vita, e probabilmente l’umanità intera.

Denis Villeneuve, reduce da Sicario e attualmente impegnato con le riprese di Blade Runner 2, propende per una fantascienza contemplativa, a metà fra Stanley Kubrick e Steven Spielberg.

La fotografia di Arrival è opera di Bradford Young, lo stesso di Selma e A Most Violent Year, mentre il cast comprende anche Forest Whitaker e Michael Stuhlbarg.

Fonte: Independent

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *