Condividi su

25 marzo 2014 • 16:30 • Scritto da Filippo Magnifico

Nymphomaniac – Due nuovi spot italiani scanditi dalle musiche dei Rammstein

Due nuovi spot italiani per Nymphomaniac, il nuovo controverso film diretto da Lars von Trier, che arriverà nelle nostre sale il 3 aprile, distribuito da Good Film...
Post Image
0

nymphomaniac-charlotte-gainsbourg-foto-del-film

È stato uno dei film più chiacchierati della passata stagione cinematografica e finalmente è pronto per fare il suo ingresso nelle sale italiane. Stiamo parlando di Nymphomaniac, il nuovo controverso film diretto da Lars von Trier, che arriverà nelle nostre sale il 3 aprile, distribuito da Good Film. Per il lancio promozionale del film sono stati diffusi nel web due nuovi spot italiani, che ci presentano il cast. I Video sono scaditi dalla canzone Führe mich, del gruppo musicale industrial metal tedesco Rammstein:

Il cast di questa pellicola comprende attori come Charlotte Gainsbourg, Udo Kier, Stellan Skarsgård, Shia LaBeouf, Jamie Bell, Connie Nielsen, Christian Slater e Uma Thurman. Nymphomaniac conterrà esplicite scene di sesso, come già successo per il precedente Antichrist, realizzate con l’aiuto della grafica digitale (qui trovate maggiori informazioni). Il film racconterà la storia dell’evoluzione sessuale di una donna avvenuta dal giorno della sua nascita fino ai 50 anni.

nymphomaniac-poster.jpg

Questa la trama:

Nymphomaniac è la selvaggia e poetica storia del viaggio erotico di una donna, dalla sua nascita all’età di 50 anni, raccontato da Joe, la protagonista, che si definisce lei stessa una ninfomane.

La notte di un freddo inverno il vecchio e affascinante scapolo Seligman trova Joe, che è stata picchiata in un vicolo. La porta nel suo appartamento dove le cura le ferite e le chiede dettagli sulla sua vita. Lui ascolta molto attentamente mentre Joe, attraverso 8 capitoli, racconta la sua storia lussureggiante e multi sfaccettata, ricca di interazioni e incidenti di percorso.

La versione non censurata del film è stata proiettata fuori concorso al Festival di Berlino. Qui trovate la nostra recensione.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *