Condividi su

16 febbraio 2014 • 16:00 • Scritto da Valentina Torlaschi

Da Claudia Gerini a Paola Cortellesi, le donne di Verdone

Dalla romana coatta di "famolo strano" Claudia Gerini in 'Viaggi di nozze' a Paola Carotellesi nell'ultimo film Sotto una buona stella passando per la cardiologa svampita Micaela Ramazzoti in 'Posti in piedi in paradiso' ed Asia Argento ragazza ribelle in carrozzina in 'Perdiamoci di vista', ripercorriamo la galleria di personaggi al femminile della trentennale carriera di Carlo Verdone
Post Image
0

verdone donne gerini cortellesi

In questi suoi 30 anni di commedia da attore e regista che ne hanno fatto uno degli autori indiscussi e tra i più popolari del nostro cinema, Carlo Verdone ha dipinto una serie di personaggi femminili indelebili nella loro unicità. Coatte, svampite, sarcastiche, sensuali, problematiche, le donne del cinema di Verdone hanno infinite sfumature e diversissime caratterizzazioni. Andiamo a riscoprirle…

NATASHA HOVEY in Acqua e Sapone (1983) e Compagni di scuola (1988)

È proprio Carlo Verdone a scegliere questa giovane ragazza di nome Natasha Hovey e a farla debuttare nel cinema. La vuole perché è la perfetta incarnazione della giovane semplice e dolce ma che dietro quella facciata acqua e sapone nasconde una certa carica sensuale. Il film, dal titolo appunto Acqua e Sapone (video in alto), racconta di una modella americana che arriva a Roma per cercare lavoro e, complice la madre, finisce sotto la protezione di un illustre sacerdote o presunto tale (interpretato da Verdone)… Natasha Hovey e Verdone lavoreranno ancora insieme per Compagni di scuola (1988).

MARGHERITA BUY in Maledetto il giorno che t’ho incontrato (1992) e Ma che colpa abbiamo noi (1996)

Come in quasi tutti i suoi personaggi, anche per Verdone Margherita Buy è una donna problematica ed ansiogena. Per Maledetto il giorno che ti ho incontrato l’attrice si cala nei panni di Camilla Landolfi, un’attrice dalla grande depressione e dalla poca fama che, dall’analista, incontra tale Bernardo (Verdone, appunto): un critico e giornalista americano anche lui travolto dai problemi e dall’abuso di psicofarmaci. Tra i due, tra crisi, risate e spacci di tranquillanti, nasce un legame molto movimentato e speciale.

ORNELLA MUTI in Io e mia sorella (1987) e Stasera a casa di Alice (1990)

Dopo averla voluta in Io e mia sorella, Verdone fa di Ornella Muti la sensuale e irresistibile protagonista di Stasera a casa di Alice. Nei panni di un’attrice porno, la Muti fa perdere la testa a due amici nonché soci in affari (Sergio Castellitto e Verdone) in un’agenzia di viaggi religiosi “Urbi et Orbi”. Tra tentativi di redimersi e una passione travolgente, ne nasce un divertente ménage à trois.

CLAUDIA GERINI in Viaggi di nozze (1995), Sono pazzo di Iris Blond (1996) e Grande, grosso e Verdone (2008)

Se si pensa alla musa per eccellenza di Carlo Verdone, inevitabilmente il nome che viene in mete è il suo: Claudia Gerini. Con lei tre film, ma soprattutto un personaggio esilarante e indelebile della commedia recente: la sposina coatta e tammarra Jessica, degna compare di Ivano (Verdone) che, dopo la cerimonia in chiesa con velo rosso in testa e chewing-gum in bocca, parte col marito in un viaggio di nozze costellato dalla battuta-tormentone: «Lo famo strano?»

ASIA ARGENTO in Perdiamoci di vista (1994)

Verdone prende Asia Argento, ne mantiene l’appeal ribelle e la lingua tagliente, e le costruisce addosso un personaggio azzeccato, scorretto e anche molto divertente: quello di una ragazza costretta su una sedia rotelle che, ospite di una trasmissione di tv spazzatura, smaschera un conduttore dalla morale molto dubbia (Verdone). Tra i due nascerà una bella amicizia e forse qualcosa di più… Una prova attoriale, quella di Asia Argento, apprezzata anche dalla critica e premiata con un David di Donatello.

FRANCESCA NERI in Al lupo al lupo (1992)

In questo Al lupo al lupo, che è uno dei film più autobiografici e forse anche malinconico di Verdone, l’attore-regista coinvolge Francesca Neri per il ruolo di sua sorella: con lei, come del resto con l’altro fratello, scorre un rapporto problematico, ma tutti dovranno mettere da parte le incomprensioni per affrontare un’emergenza non da poco. Ovvero, la scomparsa nel nulla di loro padre…

LAURA CHIATTI in Io, loro e Lara (2010)

In una famiglia allo sbando con un fratello cocainomane e una sorella ricattata dai figli adolescenti, don Carlo (Verdone) deve cercare di rimettere ordine in una situazione che è ormai degenerata. Il padre, morto, ha lasciato infatti la casa di famiglia in mano alla badante, o meglio alla figlia di lei: la sensuale Lara, ovvero Laura Chiatti, che arrotonda le sue entrate con chat erotiche sul web.

MICAELA RAMAZZOTTI in Posti in piedi in paradiso (2012)

A causa della crisi economica, un produttore musicale fallito (Verdone), non potendo permettersi un appartamento tutto per sé, è costretto a condividere la casa con un ex critico cinematografico e un agente immobiliare. Il rapporto forzato tra tre uomini così diversi scatenerà situazioni esplosive ed esilaranti ma, dietro l’angolo, c’è anche posto per una seconda chance… E questa nuova ipotesi di felicità, per il personaggio di Verdone, ha lo sguardo più dolce e più svampito che mai della cardiologa Micaela Ramazzotti.

PAOLA CORTELLESI in Sotto una buona stella (2014)

Per il suo ultimo film ora nelle nostre sale, l’autore romano ha costruito una storia tagliata addosso alla comicità di Paola Cortellesi. Vicina di casa di Federico (Verdone), ossia un uomo divorziato che da ricco broker si ritrova da un giorno all’altro squattrinato e costretto a tornare a vivere coi figli, la Cortellesi è una tagliatrice di teste che, a discapito del suo terribile lavoro, è una donna sensibile e con un gran senso dell’ironia. Sarà difficile, dunque, non innamorarsene…

Sotto una buona stella è ora nelle nostre sale. QUI la nostra recensione.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *