Condividi su

25 marzo 2012 • 16:53 • Scritto da Leotruman

The Hunger Games, mostruoso esordio da 152.5 milioni negli USA! [UPDATE]

Esordio a dir poco incredibile per The Hunger Games negli Stati Uniti: si parla di 155 milioni di dollari di incasso nel weekend, terzo miglior risultato di sempre dietro all'ultimo Harry Potter e Il Cavaliere Oscuro (record per un non-sequel):
Post Image
27

6°UPDATE lunedì 26 marzo, @21.09: Il dato definitivo è lievemente più basso. Si parla di 152.5 milioni di dollari nei tre giorni, sempre valido come terzo miglior esordio di sempre e record per un non-sequel. [UPDATE]

Ripercorrendo la classifica dei maggiori incassi d’esordio della storia del box office americano, non si riesce a trovare una pellicola a cui paragonare il mostruoso esordio di The Hunger Games, anche perché nelle prime 30 posizioni troviamo solamente tre film che non sono sequel (Alice in Wonderland, Spider-Man e Iron Man) e tutti molto distanti.

Fino ad un paio di mesi fa non tutti scommettevano sul successo del film prodotto dalla Lionsgate, primo romanzo della trilogia fantascientifica firmata da Suzanne Collins. Da qualche settimana le previsioni sono state gradualmente e costantemente elevate, ma la realtà supera nettamente ogni più roseo pronostico.

La prima stima ufficiale per l’incasso del weekend che è stata diffusa poco fa parla chiaro: 155 milioni di dollari incassati in 4137 cinema (10mila schermi), con una folle media di oltre 37mila dollari. Solamente nel primo giorno di programmazione aveva raccolto oltre 68 milioni, ma è la tenuta nell’intero weekend a sorprendere ed è particolarmente anomala per un blockbuster di questo tipo (anche dopo l’opening day si parlava di non più di 138 milioni, ma il calo atteso non è arrivato).

The Hunger Games Banner Orizzontale USA 01

La pellicola, che ricordo è costata solamente 78 milioni di dollari, ha fatto registrare il terzo miglior dato di sempre dietro a Harry Potter e i Doni della Morte: Parte 2 (169 milioni, anche grazie al 3D) e Il Cavaliere Oscuro (158 milioni). Per ora possiamo dire solo che ha frantumato il record per il miglior esordio di un film non-sequel, per il mese di marzo e per la stagione primaverile. Probabile record per le giornate di sabato e domenica, ma dobbiamo aspettare qualche dato in più.

2° UPDATE @17.19: Ora BoxofficeMojo parla di 51 milioni nella giornata di sabato e 36 milioni per la domenica, per un totale appunto di 155 milioni.

Con i dati definitivi di domani potrebbe superare i 51.33 milioni di Spider-Man 3 e far registrare il nuovo record assoluto per la giornata del sabato, mentre per la domenica si posiziona al quarto posto poco dietro a Shrek 3 (36.12 milioni), e distante da Il Cavaliere Oscuro (43.5 milioni) e Spider-Man 3 (39.9 milioni)

3° UPDATE @17.45: Iniziano ad arrivare i primi dati internazionali. Si parla di 58.7 milioni di dollari incassati nel resto del mondo, per un totale approssimativo di 213.7 milioni di dollari in un weekend. La cifra è molto buona anche se non sembra particolarmente elevata (considerando il numero di mercati a disposizione), e probabilmente sarà aggiornata anche perché nella sola Australia si era parlato di risultato eccellente ai limiti del record.

Inoltre qualche dato preliminare sul pubblico. Il 61% è stato di sesso femminile, ma il 56% del totale ha più di 25 anni (è questa la vera differenza con la saga di Twilight). Questo significa che dobbiamo aspettarci per le prossime settimane sempre più pubblico adulto e anche maschile, grazie ad un passaparola che sembra fin da ora a dir poco eccellente: Cinemascore A (A+ nei giovanissimi), e il 95% degli utenti di Flixster ha espresso un giudizio positivo.

Da notare come la Lionsgate abbia in soli tre giorni fatto registrare il maggiore incasso totale dello studio, visto che ha superato i 119 milioni di Fahrenheit 9/11.

4° UPDATE @18.14: Incasso international ora lievemente ritoccato. Si parla di 59.25 milioni di dollari in 69 paesi, per un totale globale di 214.25 milioni.

5° UPDATE @19.50: Vediamo qualche dato in particolare in arrivo dall’estero:

– Australia: poco sotto i 10 milioni

– Regno Unito: 7.5 milioni

– Russia: 6.5 milioni

– Nuova Zelanda: 1.27 milioni

– Scandinavia: 3.7 milioni

– Germania: 3.9 milioni

– Francia: 3.75 milioni

– Messico: 3.59 milioni

– Brasile: 2.6 milioni

Continueremo ad aggiornare l’articolo con i vari dati che verranno diffusi nelle prossime ore.

Proseguendo con il resto della classifica troviamo 21 Jump Street, che cala ma non crolla a causa del ciclone Hunger Games: altri 21.3 milioni incassati per un ottimo totale di 71 milioni in 10 giorni. Perde il 40% anche Lorax – Il Guardiano della Foresta, il cartoon della Illumination che grazie ai 13.1 milioni del weekend arriva a quota 177.3 milioni dopo meno di quattro settimane (supererà certamente i 200). John Carter continua invece la sua discesa verso il baratro solamente 5 milioni incassati (62 il totale).

Tutti gli aggiornamenti li troverete nella nostra sezione dedicata al Boxoffice e sulla bacheca della nostra pagina Facebook.

Fonte dei dati: boxoffice.com

Condividi su

27 commenti a “The Hunger Games, mostruoso esordio da 152.5 milioni negli USA! [UPDATE]

  1. “Fino ad un paio di mesi fa non tutti scommettevano sul successo del film prodotto dalla Lionsgate” – VERO, Ma lasciatemi dire :non certo tra coloro che hanno letto i libri della Collins, miseramente pubblicizzati dalla stessa casa editrice italiana, non tra i fan che aspettano ancora la pubblicazione del terzo volume e se lo sono acquistato in lingua originale. i Fan infatti sapevano che un materiale letterario del genere non poteva fallire. Non tra quelli che hanno seguito la produzione dall’inizio, ascoltato tutte le interviste, per capire se la trasposizione aveva funzionato. Da tempo si sapeva che aveva funzionato, mancava solo la prova del nove! Non tra quelli che hanno letto tutte le reviews della première, debuttando con un 100% di apprezzamento su rotten tomatoes, tra le altre cose.

    Personalmente ero certa di questo successo, certezza che ho gia’ avuto modo di esprimere in tempi non sospetti proprio su questo blog. Non vedo piu’ in giro gli scettici e quelli che blateravano senza la minima cognizione del “nuovo Twilight” o di un “rip-off” di Battle Royale perche’ l’avevano sentito in giro da qualche parte. Ora non blaterano piu’. “Thank you for your consideration, ” I say. Then I give a slight bow…” 🙂

  2. in 72 ore hanno praticamente doppiato il costo del film, solo in america
    ,è un successo

  3. A differenza di john carter penso che the hunger games terrà meglio, e settimana prossima avremo altri 50 milioni dai dati internazionali, poi bisogna anche vedere i feriali

  4. Allora ragazzi, facciamo attenzione: c’è un grosso squilibrio tra quanto avvenuto negli Stati Uniti e nel resto del mondo proprio perché NON È NORMALE quello che è avvenuto negli USA!
    È qualcosa di assurdo… perché stiamo parlando di un incasso stratosferico per un film che parte certamente con un buon fan-base, ma allo stesso tempo era sconosciuto alle masse fino a poco fa non essendo un sequel o un reboot,

    I dati internazionali sono coerenti con un esordio molto positivo per un nuovo franchise, che tra l’altro non sfrutta il sovrapprezzo 3D. La tenuta sarà eccellente ed aspettiamoci grandi incassi, ma nonostante un incasso da “spider-man”, non ci si poteva aspettare 200-300 milioni di botto nel resto del mondo…

    Foreign: molto buono (normale) USA+Canada: stratosferico (anormale) (secondo me può fare 400 negli USA e 350/400 nel mondo)

  5. Un risultato così è davvero sorprendente! Pare sia anche un buon film, insomma un enorme passo in avanti rispetto a twilight. Io ero quello del rip-off e la mia opinione è cambiata poco. Le differenze saranno sicuramente più dei punti di contatto ma ai miei occhi resta un battle royale più stiloso, ripulito ed adattato per un pubblico occidentale. Questo non toglie che ne possa uscire comunque qualcosa di buono e sicuramente le trovate originali non mancheranno. A me continua a interessare poco, però davvero complimenti a chi è riuscito a fare questi risultati con una saga finalmente di qualità. Adesso speriamo non facciano i sequel in fretta e furia per sfruttare il momento.

  6. Osservo con piacere in particolar modo i dati che riguardano il pubblico (56% 25 anni +) ed i giudizi positivi della critica e del pubblico; ma ripeto, credo siano la conferma definitiva di qualcosa che si poteva immaginare. Questo è il motivo del dato straordinario dagli USA http://books.usatoday.com/list/index – è l’opera letteraria che ha decretato il successo del film, ed al contempo il film non ha deluso le aspettative e manterra’ molto bene. quella trilogia non puo’ fallire

  7. Si inizia a parlare di “four-quadrant movie”, un film che coinvolge tutti e quattro i target principali…(maschi-femmine-young-old). Qualcosa che pochissimi si possono permettere (Twilight è one-quadrant movie) ed è garanzia di un grandissimo e duraturo successo… credo che la tenuta sarà ottima. vediamo un po’… (forse se usciva negli altri stati giusto una settimana dopo…)

  8. A questo punto credo che l’unico dato inconfutabile sia l’idiozia dei distributori italiani che lo faranno uscire a più di un mese di distanza quando ormai sarà possibile trovarlo su internet.

  9. Un mese, effettivamente, rischia di essere davvero troppo per un titolo come questo, a maggior ragione con questo botto di incassi.

  10. @Upper – finalmente concorde con te. Lasciatemi davvero aprire l’ultima parentesi su tutte le minchiate che i distributori italiani hanno fatto per non avere capito il fenomeno HG.

    – E’ indiscutibile che il distributore italiano abbia fatto una scelta suicida, e non è neanche l’ultima purtroppo. La scelta di posticipare l’uscita di HG poichè troppo debole al 13 aprile e poi slittare fino al 1 maggio per la concorrenza di Battleship e Titanic 3d (mi pare), è suicida di per sè (dal momento che una copia pirata era disponibile 24 ore dopo l’uscita americana) ma deriva comunque dal fatto che il materiale letterario (che ripeto, convinzione personale, motiva il successo USA) non solo NON è stato pubblicizzato a dovere dalla casa di distribuzione italiana (Mondadori), ma è stato relegato nel reparto BAMBINI (56% del pubblico di HG ha piu’ di 25 anni) e comunque DIFFICILE da reperire (questo accadeva a MILANO qualche mese fa, 2 settimane di attesa con prenotazione!! ). Non male come strategia di marketing, per un besteller internazionale, con un’ottima critica “colta”.

    Inoltre Mondadori non ha ancora rilasciato il terzo episodio della saga, con il risultato che chi voleva leggere l’epilogo della saga l’ha acquistato in lingua originale/scaricato traduzioni non ufficiali).
    Oltretutto pensavano di rilasciarlo con calma in autunno 2012 e cosi’ avrebbero fatto se la loro pagina facebook non fosse stata presa d’assalto da incessanti richieste di anticipare la data di rilascio di “Mockingjay”.

    Tornando alla Waner Bros Ita l’ultima sorpresa che ci aspetta riguarda la discutibile scelta di cambiare i doppiatori, da Alessia Amendola a Joy Saltarelli per il ruolo di Katniss. Ancora una volta l’impressione è che si voglia edulcorare la storia, perche’ la Saltarelli ha una voce piuttosto infantile, a tratti civettuola, mentre la Amendola che la doppiava gia’ in un Gelido Inverno era sicuramente piu’ adatta.

    Tanto quanto ero certa del successo USA, temo un flop italiano, e visto che ormai il seguito è in cassaforte, quasi quasi glielo auguro anche.

  11. dopo aver letto il romanzo posso affermare che si tratta di un libretto per ragazzini, stupido e superficiale oltre il limite di guardia, nonostante il soggetto promettesse sviluppi potenzialmente molto interessanti.
    questo enorme successo non mi stupisce, e le critiche positive dei recensori americani son da prendere con le pinze più del solito…

  12. Chissà se il fenomeno di Hunger Games si ripeterà anche in Italia: difficile, ma possibilissimo (io scommetto di sì)!

  13. I fan del libro sono incredibili. E che sarà mai sto romanzo? La divina commedia? Tacete e aspettate. Fatevi una vita.

  14. Mi sembra che la discussione su un film possa normalmente avvenire senza aver letto il libro, senza aver letto o seguito le centinaia di pagine ( italiane o internazionali ) dedicate al fenomeno Hunger Games e senza cadere nello scontro tra fazioni pro e contro. Il percorso su come arrivare al film è diverso, e chi ama la serie lettraria, i personaggi ed il background storico avrà molti elementi in più per conoscere meglio ed apprezzare tout court l’adattamento di Gary Ross. L’attenzione enorme sul capitolo primo non vuol dire che sia solo per motivi promozionali e viceversa, non è indice automatico di qualità o di merito. Nè tantomeno come ho letto nei commenti di Lorebakery o di altri fan/intenditori della serie, una rivincita contro chi ha pareri diversi.
    Tra i vari pareri concordo appieno con Skanfalug, ( appartengo alla categoria dei San Tommaso ), Per la distribuzione italiana, il discorso per me va bilanciato con le analisi espresse da Leotruman, quindi non lo do per spacciato in Italia. Per quanto mi riguarda lo andrò a vedere, al contrario di prima, e da quello che ho letto, confido fortemente negli attori. .

  15. Secondo me va benissimo anche da noi, nonostante tutti i se e tutti i ma… lo sento ribollire indipendentemente dai libri, distribuii poco e male

  16. Sì, condivido … c’è fame di titoli nuovi, forti e con una certa presa … HG rientra tra questi ed andrà a compensare una carenza di offerta …. che si protrarrà ancora per un mese …

  17. io vorrei far notare anche che a meno di una settimana di distanza usciranno questo è the avengers. Pericolo cannibalizzazione?

  18. @Skanfalug: per me no … in parte il pubblico di riferimento è lo stesso … ma in Italia i cinecomic rispecchiano quasi sempre un gusto di nicchia … HG potrebbe intressare un pubblico numericamente più consistente … sul target … penso che l’80% di chi andrà a vederlo da noi sarà under 25.
    In ogni caso sono due titoli molto attesi e rimediare alla crisi di astinenza di marzo ed aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *