Condividi su

24 marzo 2012 • 10:13 • Scritto da Leotruman

Box Office Italia, Ghost Rider – Spirito di Vendetta in testa di venerdì

Ghost Rider - Spirito di Vendetta ha conquistato la prima posizione ieri in Italia, ma è tallonato da Quasi Amici e da È Nata una star?. Ecco gli incassi di venerdì:
Post Image
10

Se negli Stati Uniti gli incassi sono bollenti grazie a The Hunger Games, con 66 milioni di dollari incassati in 24 ore (qui i dettagli), in Italia, che è tra i pochissimi paesi al mondo nei quali il kolossal non arriva in contemporanea, non si può dire lo stesso.

Solo 1.3 milioni di euro sono stati incassati complessivamente nella giornata di ieri in tutto il paese, corrispondente a 200mila spettatori. Aspettiamoci però incassi in forte salita dal prossimo weekend con La Furia dei Titani e nelle successive (stanno per arrivare Titanic 3D, Battleship, The Avengers e appunto The Hunger Games!).

gr2_1080p_screenGrab_3

Ieri è Ghost Rider: Spirito di vendetta, il sequel di Ghost Rider diretto da Mark Neveldine e Brian Taylor (Crank) e sempre con protagonista Nicolas Cage, ad aver conquistato la vetta del botteghino con 248mila euro in poco meno di 300 sale monitorate e una media di circa 800 euro, aiutata anche dal sovrapprezzo 3D. Ancora una volta una pellicola distribuita da Medusa Cinema raggiunge la prima posizione, leader assoluto di questa prima parte del 2012.

I fan potrebbero aver scelto di andare nelle sale il primo giorno di programmazione e la pellicola, anche per un probabile passaparola negativo come avvenuto nel resto del mondo, potrebbe non crescere particolarmente oggi. Questo lo scopriremo solo domani mattina, in ogni caso il film è tallonato dalla commedia Quasi Amici, con 191mila euro incassati ieri per un totale che si avvicina ai 9 milioni di euro. Anche questa settimana il calo è ridottissimo: circa il 13% rispetto allo scorso venerdì.

Terza posizione per È nata una Star?, nuovo film di Lucio Pellegrini con protagonisti Luciana Littizzetto e Rocco Papaleo, che ieri ha incassato 176mila euro nelle poco meno di 400 sale monitorate con una media che sfiora i 500 euro. Cambierà marcia a partire da oggi, come avviene per la maggior parte delle commedie italiane? Proseguendo troviamo Magnifica Presenza di Ozpetek, con un tenuta a dir poco deludente: -42% e solo 125mila euro incassati per un totale che in otto giorni non ha ancora raggiunto i due milioni.

Quinto posto per The Raven, pellicola diretta da James McTeigue interpretata da John Cusack. Sono 116mila gli euro incassati ieri in 260 sale circa, con una media di 450 euro. Dietro troviamo Carlo Verdone ed il suo Posti in Piedi in Paradiso (83mila euro) e l’horror L’Altra Faccia del Diavolo con 82mila euro circa (totale che supera il milione e mezzo).

Tra le altre pellicole esordienti, decima posizione per la commedia Take Me Home Tonight con 26mila euro incassati in una sessantina di schermi, e quindi con una media che compete con le altre pellicole, mentre The Lady di Luc Besson, il biopic sulla vita di Aung San Suu Kyi ha aperto il Festival di Roma, ne ha incassati 16mila e lo ritroviamo in 13esima posizione. Ne ha raccolti invece 11.200 17 ragazze di Delphine e Muriel Coulin, che aveva a disposizione circa 15 schermi.

Continuate a seguirci in questi giorni per aggiornamenti costanti sugli incassi delle pellicole in sala, che troverete nella nostra sezione dedicata al Boxoffice e sulla bacheca della nostra pagina Facebook.

Condividi su

10 commenti a “Box Office Italia, Ghost Rider – Spirito di Vendetta in testa di venerdì

  1. Probabile che a fine weekend “Quasi amici” si riconfermi in prima posizione. Comunque in Italia il cinema è in crisi nera, sembra proprio che a gran parte del pubblico sia passata la voglia. Non credo che le uscite delle prossime settimane cambieranno drasticamente la situazione: forse, e sottolineo forse, solo “The Hunger Games” avrebbe il potenziale per superare i 10 milioni, cifra vista ormai come una chimera dalla maggior parte dei distributori.

  2. concordo con roublev,ma la distribuzione italiana lascia cmq a desiderare,

    ovviamente spero che il botteghino si rialzi, perchè poi se devono tagliare , a chi tocca??non certo a manager,attori ecc,

    oltre chiaramente alla crisi,del resto ,sono molte le persone (famiglie, ma anche giovani)che non possono piu abbinare una serata con pizza,o cena ,e dopo cinema ,

  3. Se il pubblico non si sveglia neanche coi blockbuster di Aprile e Maggio allora la vedo brutta….
    Prevedo un futuro nero fatto solo di Brizzi, Bisio, Papalei e Zaloni vari….

    Ma come non si fa a fremere per prodotti come Hunger Games, Dark Shadows e The Avengers?

  4. Sono piuttosto fiducioso negli incassi di aprile/maggio… bisogna esserlo, anche perché in caso contrario possiamo davvero chiudere questo 2012 qui.

  5. anche io credo che con l’arrivo di certi film tutto si rialzerà,papaleo dopo basilicata, è ovunque,

    da notare anche il grande calo delel tv generaliste, con un pubblico che scappa, si salvano solo le partite, sky con gli abbonati, e realtime ,

    è solo cinema o un paese che non ha piu voglia(visto la crisi)anche di cose leggere(che cmq servono un po x rilassarsi e staccarsi da tutto)???

  6. E’ abbastanza incredibile, qualsiasi cosa passi Medusa ottiene un pur minimo risultato. Persino Ghost Rider. E’ chiaro che possiedono canali privilegiati per pompare i loro film

  7. Ma cosa c’è prima del 25 aprile che valga la pena di vedere? Tavanate inguardabili come La furia dei Titani e Battleship, commediacce italiane come Buona giornata oppure fondi di magazzino tirati fuori per cercare di ravvivare la situazione come Spia contro spia e Bel Ami? Da qui a un mese l’unica volta che andrò al cinema sarà per vedere DIAZ.

  8. Parlare di crisi ormai è una moda, capisco anche che per alcuni “boxofficeofili” è importante vedere tanti incassi a prescindere da come sono distribuiti… ma se Ghost rider 2 è in testa per me è la dimostrazione che molta gente ha ancora soldi da buttare e che soprattutto Medusa sa come convincere la gente a spenderli… per il resto, per quanto possa dispiacere vedere dati così bassi o che premiano i film sbagliati, anche Upper ha ragione, per ritrovare film da un certo appeal commerciale o artistico bisogna aspettare un bel po’ e nel frattempo non si può pretendere che la gente vada al cinema perchè “deve”….come al solito la distribuzione italiana alterna periodi ad altri vuoti, senza considerare le uscite in ritardo di mesi e il danno è per tutti.

  9. Gli incassi e gli spettatori sono in calo rispetto ad un anno fa: questo è un dato concreto, non una moda. Che poi la colpa sia della distribuzione, del clima, dei film o del pubblico, questo è un altro discorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *