Condividi su

20 febbraio 2012 • 20:05 • Scritto da Leotruman

Oscar 2012 – Le previsioni per Migliore Sceneggiatura Originale e Adattata

Primo appuntamento con le previsioni dei premi Oscar. Chi vincerà la statuetta nelle categorie di Migliore Sceneggiatura Originale e Adattata? Ecco chi sono per noi i candidati più forti (e quali i più meritevoli):
Post Image
3

Domenica notte verranno consegnati gli Academy of motion picture arts and sciences Awards, i cosiddetti premi Oscar. La cerimonia si terrà ancora una volta (e forse per l’ultima volta) al Kodak Theatre di Hollywood e per l’84esima volta verranno premiate le pellicole, gli interpreti e tutti i collaboratori che hanno svolto un lavoro considerato il migliore dell’anno nel proprio ambito.

A questo link potete trovare la lista completa delle candidature.

Iniziamo anche noi il gioco delle previsioni, che ci accompagnerà in questi ultimi giorni che ci separano dalla Notte delle Stelle, e cominciamo con due categorie “calde” considerando che nella notte sono stati consegnati i WGA Awards

The Descendants George Clooney Shailene Woodley foto dal film 2

MIGLIOR SCENEGGIATURA ADATTATA:

Paradiso Amaro – Screenplay by Alexander Payne and Nat faxon & Jim Rash
Hugo Cabret – Screenplay by John Logan
Le Idi di Marzo – Screenplay by George Clooney & Grant Heslov and Beau Willimon
L’Arte di Vincere – Screenplay by Steven Zaillian and Aaron Sorkin Story by Stan Chervin
La Talpa -Screenplay by Bridget o’Connor & Peter Straughan

Cinque candidati fortissimi quest’anno, di cui tre hanno già vinto una statuetta (Aaron Sorkin addirittura lo scorso anno per The Social Network). Senza dubbio Alexander Payne è il candidato su cui puntare, ed è pronto a vincere il suo secondo Oscar dopo Sideways questa volta insieme a Nat Faxon e Jim Rash. Paradiso Amaro ha vinto nella notte il WGA e l’Oscar alla miglior sceneggiatura sarà probabilmente il contentino per una pellicola che rischia di uscire da quest’edizione a mani vuote nonostante sia tra le più acclamate dell’anno.

Personalmente ho trovato la sceneggiatura un po’ piatta, senza i guizzi che hanno dimostrato pellicole come Moneyball o La Talpa. Se dovesse vincere non sarebbe tuttavia uno scandalo, anche se a mio avviso sono le interpretazioni il vero punto di forza di Paradiso Amaro.

Vincerà: Paradiso Amaro

Potrebbe vincere: L’Arte di Vincere

Dovrebbe vincere: L’Arte di Vincere

Avrebbe dovuto esserci: Millennium – Uomini che Odiano le Donne

 

Esprimete la vostra preferenza nel sondaggio e nei commenti in fondo al post:



 

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE:

The Artist -Written by Michel Hazanavicius
Le Amiche della Sposa – Written by Annie Mumolo & Kristen Wiig
Margin Call – Written by J.C. Chandor
Midnight in Paris – Written by Woody Allen
Una Separazione -Written by Asghar Farhadi

A parte il sopravvalutato Le Amiche della Sposa, particolarmente meritevoli i candidati nella categoria delle sceneggiature originali. Sono molto contento che Margin Call abbia ricevuto la meritatissima nomination, così come Farhadi per Una Separazione. Woody Allen parte da favorito grazie al delizioso Midnight in Paris, tra l’altro maggiore successo economico della sua carriera.

The Artist non parte da favorito almeno in questa categoria, ma un trionfo inaspettato e travolgente potrebbe portarlo alla vittoria anche di questa statuetta. Nonostante una sceneggiatura non sia costituita da soli dialoghi ma da moltissimi elementi, mi chiedo se non sia una forzatura la nomination per Michel Hazanavicius nella categoria considerando che si tratta di un film muto.

Vincerà: Midnight in Paris

Potrebbe vincere: The Artist

Dovrebbe vincere: Midnight in Paris

Avrebbe dovuto esserci: 50/50

 

Esprimete la vostra preferenza nel sondaggio e nei commenti in fondo al post:



Tornate a trovarci domani per il secondo appuntamento con le previsioni degli Oscar, che ci accompagneranno per tutta la settimana.

Anche quest’anno seguiremo in diretta l’84esima edizione degli Academy of motion picture arts and sciences Awards. L’appuntamento è per domenica 26 febbraio, non mancate!

Condividi su

3 commenti a “Oscar 2012 – Le previsioni per Migliore Sceneggiatura Originale e Adattata

  1. Concordo al 90% con le valutazioni dell’articolo. Sono convinto che agli Oscar si avrà quasi sicuramente questo schema. Personalmente ritengo molto sopravvalutata la sceneggiatura si The artist e quella di Woody Allen. Entrambi sono film validi e ben realizzati ma il film di Allen non ha tutta questa profondità ed interesse verso i personaggi, quello che conta sono le atmosfere, le battute, le citazioni colte e surreali.
    Entrambi i film hanno una trama ed una struttura molto semplice, quasi elementare, che serve come canovaccio e pretesto per la messinscena. Non c’è una progressione narrativa e di vero approfondimento dei protagonisti e comprimari. Per me la candidatura agli Oscar in questa categoria è più dovuta che meritata. Tra i due è preferibile Allen, se non altro per il mestiere profuso. Il mio Oscar va ad Una Seprazione, in attesa di conoscere Margin Call e 50/50. Come miglior adattamento vincerà Paradiso Amaro. Difficile un bis per Aaron Sorkin. Il mio Oscar va ad Hugo Cabret. Una sceneggiatura ambiziosa, di alto livello e curata in ogni dettaglio, forse con un dislivello tra la struttura della prima e della seconda parte. Senza togliere meriti a La Talpa ed alle Idi di Marzo, che pagano una certa staticità e tempi dilatati, ma è più una questione di regia e di effetto voluto nella fase d’impostazione dei film.

  2. Nella categoria adattata, la grande sfida sarà tra il trio formato da Payne-Faxon-Wash per The Descendants (vincitore del WGA) e quello formato da Zallian-Sorkin-Chervin per Moneyball (premiato dalla critica), senza dimenticare la coppia O’Connor-Straughan premiata ai Bafta per La talpa. Io dico che vincerà il team Payne, ma il mio Oscar va a John Logan per Hugo (improbabile che vinca, ma non impossibile: la nomination è comunque una vittoria).
    Per quanto riguarda gli script originali, si sfidano 2 film magnifici ognuno a modo suo e 2 registi/sceneggiatori in gamba, uno celebre (Woody Allen) e l’altro sconosciuto (Michel Hazanavicius): dopo aver vinto il premio della critica, il Golden Globe e il WGA, Midnight in Paris sembra aver prenotato l’Oscar, ma The Artist, premiato recentemente col Bafta, potrebbe batterlo in volata. Ma tra i 2 litiganti potrebbe godere un 3° regista/sceneggiatore, Asghar Farhadi, che col suo amatissimo Una separazione (Oscar come miglior film straniero più che garantito, anche se ahimè non l’ho ancora visto) potrebbe essere un vincitore a sorpresa dell’ultimo momento.
    In conclusione, i film per cui tifo sono Hugo e The Artist, ma se dovessero vincere i favoriti The Descendants e Midnight in Paris sarei contento lo stesso.

  3. Ciao a tutti! Finalmente stasera (notte in Italia) gli Oscar 😀
    Ecco le mie previsioni per quanto riguarda queste due categorie:
    Miglior sceneggiatura adattata
    Per quanto riguarda questa categoria ho visto ben 4/5 film (non ho visto solo La talpa) e sinceramente penso che l’Oscar per la sceneggiatura di The Descedants non sia solo un premio consolazione (perchè ha poche possibilità di vincere nelle altre categorie in cui è candidato) ma sia pienamente meritato 😉 l’unico che potrebbe strappare la statuetta a Payne è la sceneggiatura di Moneyball 🙂 film che ho apprezzato poichè conosco il baseball USA rispetto invece a molti altri italiani -.-
    Miglior sceneggiatura originale
    Il favorito in questa categoriaa è chiaramente Midnight in Paris… ma io sinceramente, anche se senza dialoghi vocali, preferisco la sceneggiatura di The Artist 🙂 purtroppo non ho visto gli altri tre film, ma penso da quello che ho letto in giro che la lotta sia giustamente tra Midnight in Paris e The Artist.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *