Condividi su

24 gennaio 2012 • 15:04 • Scritto da Leotruman

Ecco tutte le nominations per gli Oscar 2012!

Sono state annunciate da pochi minuti le nominations per l'84esima edizione degli Academy Awards, meglio conosciuti come premi Oscar. Scopriamo quali sono le pellicole nominate quest'anno:
Post Image
35

Sono state annunciate da pochi minuti le nomination per l’84esima edizione degli Academy of motion picture arts and sciences Awardsmeglio conosciuti come premi Oscar.

Le abbiamo seguite in diretta video ed ecco la lista completa di tutte le nominations:

The Artist Jean Dujardin Bérénice Bejo - Foto 1

MIGLIOR FILM:
The Artist
Paradiso Amaro
Molto Forte, Incredibilmente Vicino
The Help
Hugo Cabret
Midnight in Paris
L’Arte di Vincere
The Tree of life
War Horse

MIGLIOR REGIA:
The Artist – Michel Hazanavicius
Paradiso Amaro – Alexander Payne
Hugo Cabret – Martin Scorsese
Midnight in Paris – Woody Allen
The Tree of life –Terrence Malick

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA:
Demián bichir (A Better Life)
George Clooney (Paradiso Amaro)
Jean Dujardin (The Artist)
Gary Oldman (La Talpa)
Brad Pitt (Moneyball)

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA:
Kenneth branagh (My Week With Marilyn)
Jonah Hill (L’arte di Vincere)
Nick Nolte (Warrior)
Christopher Plummer (Beginners)
Max Von Sydow (Molto Forte, Incredibilmente vicino)

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA:
Glenn Close (Albert Nobbs)
Viola Davis (The Help)
Rooney Mara (Millennium: Uomini che Odiano le Donne)
Meryl Streep (The Iron Lady)
Michelle Williams (My Week with Marilyn)

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA:
Bérénice Bejo (The Artist)
Jessica Chastain (The Help)
Melissa McCarthy (Le Amiche della Sposa)
Janet McTeer (Albert Nobbs)
Octavia Spencer (The Help)

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE:
A Cat in Paris
Chico & Rita
Kung Fu Panda 2
Il Gatto con gli Stivali
Rango

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE:
Paradiso Amaro – Screenplay by Alexander Payne and Nat faxon & Jim Rash
Hugo Cabret – Screenplay by John Logan
Le Idi di Marzo – Screenplay by George Clooney & Grant Heslov and Beau Willimon
L’Arte di Vincere – Screenplay by Steven Zaillian and Aaron Sorkin Story by Stan Chervin
La Talpa -Screenplay by Bridget o’Connor & Peter Straughan

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE:
The Artist -Written by Michel Hazanavicius
Le Amiche della Sposa – Written by Annie Mumolo & Kristen Wiig
Margin Call – Written by J.C. Chandor
Midnight in Paris – Written by Woody Allen
Una Separazione -Written by Asghar farhadi

MIGLIORI SCENOGRAFIE:
The Artist (Production Design: Laurence Bennett Set Decoration: Robert Gould)
Harry POtter e i Doni della Morte: Parte 2 (Production Design: Stuart Craig,Set Decoration: Stephenie McMillan)
Hugo Cabret (Production Design: Dante ferretti, Set Decoration: Francesca Lo Schiavo)
Midnight in Paris (Production Design: Anne Seibel,  Set Decoration: Hélène Dubreuil)
War Horse (Production Design: Rick Carter, Set Decoration: Lee Sandales)

MIGLIOR FOTOGRAFIA:
The Artist – Guillaume Schiffman
Uomini che Odiano le Donne – Jeff Cronenweth
Hugo Cabret – Robert Richardson
The Tree of life – Emmanuel Lubezki
War horse – Janusz Kaminski

MIGLIORI COSTUMI:
Anonymous – Lisy Christl
The Artist – Mark Bridges
Hugo Cabret – Sandy Powell
Jane eyre – Michael o’Connor
W.e. – Arianne Phillips

MIGLIOR DOCUMENTARIO:
Hell and Back Again – Danfung Dennis and Mike Lerner
If a Tree Falls – Marshall Curry and Sam Cullman
Paradise Lost 3: Purgatory – Joe Berlinger and Bruce Sinofsky
Pina 3D – Wim Wenders and Gian-Piero Ringel
Undefeated – TJ Martin, Dan Lindsay and Richard Middlemas

MIGLIOR CORTO DOCUMENTARIO:
The Barber of Birmingham
God is the Bigger Elvis
Incident in New Baghdad
Saving Face
The Tsunami and The cherry blossom

Hugo Cabret Chloe Moretz Asa Butterfield foto dal film 4

MIGLIOR MONTAGGIO:
The Artist – Anne-Sophie Bion and Michel Hazanavicius
Paradiso Amaro – Kevin Tent
Uomini che Odiano le Donne -Kirk Baxter and Angus Wall
Hugo Cabret – Thelma Schoonmaker
L’Arte di Vincere – Christopher Tellefsen

MIGLIOR FILM STRANIERO:
Bullhead – Belgium
Footnote – Israel
In Darkness – Poland
Monsieur Lazhar – Canada
Una Separazione – Iran

MIGLIOR TRUCCO:
Albert Nobbs – Martial Corneville, Lynn Johnston and Matthew W. Mungle
Harry Potter e i Doni della Morte Parte 2 -Nick Dudman, Amanda Knight and Lisa Tomblin
The Iron Lady -Mark Coulier and J. Roy Helland

MIGLIOR COLONNA SONORA:
Le Avvenuture di Tintin – John Williams
The Artist – Ludovic Bource
Hugo Cabret – Howard Shore
La Talpa – Alberto iglesias
War Horse -John Williams

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE:
Man or muppet  (The Muppets) – Music and Lyric by Bret McKenzie
Real in Rio (Rio) -Music by Sergio Mendes and Carlinhos Brown Lyric by Siedah Garrett

MIGLIOR MONTAGGIO SONORO:
Drive -Lon Bender and Victor Ray ennis
Uomini che Odiano le Donne – Ren Klyce
Hugo Cabret – Philip Stockton and eugene Gearty
Transformers 3 – Ethan Van der Ryn and Erik Aadahl
War Horse -Richard Hymns and Gary Rydstrom

MIGLIOR SONORO:
Uomini che Odiano le Donne – David Parker, Michael Semanick, Ren Klyce and Bo Persson
Hugo Cabret – Tom fleischman and John Midgley
L’Arte di Vincere – Deb Adair, Ron Bochar, Dave Giammarco and ed Novick
Transformers 3- Greg P. Russell, Gary Summers, Jeffrey J. Haboush and Peter J. Devlin
War Horse – Gary Rydstrom, Andy Nelson, Tom Johnson and Stuart Wilson

MIGLIORI EFFETTI VISIVI:
Harry Potter e i Doni della Morte Parte 2 -Tim Burke, David Vickery, Greg Butler and John Richardson
Hugo Cabret – Rob Legato, Joss Williams, Ben Grossman and Alex Henning
Real Steel – Erik Nash, John Rosengrant, Dan Taylor and Swen Gillberg
L’Alba del Pianeta delle Scimmie – Joe Letteri, Dan Lemmon, R. Christopher White and Daniel Barrett
Transformers 3 -Scott farrar, Scott Benza, Matthew Butler and John Frazier

MIGLIOR CORTO ANIMATO:
Dimanche/Sunday -Patrick Doyon
The Fantastic flying booKs of Mr. Morris Lessmore – William Joyce and Brandon oldenburg
La Luna – Enrico Casarosa
A morning Stroll -Grant orchard and Sue Goffe
Wild life – Amanda forbis and Wendy Tilby

MIGLIOR CORTO LIVE-ACTION:
Pentecost -Peter McDonald and eimear o’Kane
Raju – Max Zähle and Stefan Gieren
The shore – Terry George and oorlagh George
Time freak -Andrew Bowler and Gigi Causey
Tuba Atlantic -Hallvar Witzø

 

HUGO CABRET: 11 nomination

THE ARTIST: 10

WAR HORSE: 6

L’ARTE DI VINCERE: 6

UOMINI CHE ODIANO LE DONNE: 5

PARADISO AMARO: 5

MIDNIGHT IN PARIS: 4

THE HELP: 4

LA TALPA: 3

ALBERT NOBBS: 3

TRANSFORMERS 3: 3

HARRY POTTER E I DONI DELLA MORTE PT 2: 3

THE TREE OF LIFE: 3

MOLTO FORTE, INCREDIBILMENTE VICINO: 2

THE IRON LADY: 2

UNA SEPARAZIONE: 2

LE AMICHE DELLA SPOSA: 2

DRIVE, REAL STEEL, RANGO, IL GATTO CON GLI STIVALI, … : 1

Che ne pensate delle candidature? Chi è stato meritatamente escluso e chi vincerà gli Oscar? Più tardi pubblicheremo il nostro commento a caldo.

Potete recuperare tutte le notizie sugli Awards 2012 nella nostra sezione speciale.

Condividi su

35 commenti a “Ecco tutte le nominations per gli Oscar 2012!

  1. Tutto più o meno previsto. Devo riguardarlo bene , a mio avviso nessuna sorpresa positiva. Impensabile per me che il film di Mallick abbia delle candidature.

  2. E Malick e Daldry alla fine ce l’hanno fatta, vale più per il secondo che il primo, che ottiene una ‘vittoria’ di Pirro ma intanto è in lista. Cassati Di Caprio e Gosling. Il vero shock è la bocciatura di Fassbender, a favore di Damien Bischir. Fuori Tilda Swinton e dentro Rooney Mara. Una sorpresa le candidature tecniche di Moneyball. Il resto è nelle previsioni, con il ritorno di Gary Oldman tra gli attori pro.
    E la doppia candidatura di John Williams potrà essere scalfita solo da The Artist. Molte candidature, forse troppe, per Hugo.

  3. @Tonystak
    D’accordo su colonna sonora e sul fatto che forse le candidature per Hugo sono troppe…
    Anche io penso sia una sorpresa vedere Bischir e non Fassbender… Contento per Gary Oldman, Jonah Hill, Nick Nolte 🙂 sorpreso di vedere tra gli attori non protagonisti Von Sydow invece di Albert Brook :O
    Infine penso che siano assurde nelle due candidature più importanti per The Tree of life :O bastavano quelle nei premi minori… e non ha senso dare il “contentino” a Daldry co sole due candidature e non allargare a 10 e fermarsi a 9 (fino a ieri si parlava di 8) quando in giro c’erano film come Millenium e La talpa… cosa li costava mettere un candidato in più come l’anno scorso? o fermarsi a 8 escludendo il film di Daldry? mah XD
    E poi davvero solo due le candidature nella canzone originale? XD per non parlare dell’esclusione di Tin Tin nell’animazione :O

  4. Felice per le 10 nomination ottenute dal bellissimo The Artist, superato a sorpresa da un altro film che omaggia l’arte del cinema, Hugo di Scorsese con 11 nomination.
    Mi spiace per Spielberg, snobbato sia come regista di War Horse (incluso tra i 9 candidati a miglior film dell’anno) che per Tintin tra i film d’animazione (Rango a questo punto dovrebbe vincere a mani basse).
    3 nomination per Harry Potter: speriamo che almeno una la vinca (per il makeup potrebbe avere ottime chance di vittoria).
    Doppietta Dreamworks: candidati sia Kung Fu Panda 2 che Il Gatto con gli stivali! 🙂
    La Pixar è presente tra i corti, con regista italiano: doppio tifo, speriamo vinca!! 🙂

  5. Ai detrattori di The Tree of Life…PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    (e vi ricordo che La Sottile Linea Rossa fu candidato a sette premi, compresi film e regia, quindi non parlerei di riconoscimento alla carriera).
    In quanto a Hugo…l’avete visto o no? E se la risposta è negativa, mi spiegate per favore il vostro scetticismo? Solo perché Scorsese si “abbassa” a fare un film per famiglie? Le recensioni americane non sono semplicemente buone, sono ECCEZIONALI: da amanti del cinema, mi aspetterei un po’ di sana curiosità in più…

  6. @Zodiac: forse sono gli Oscar in sè a concentrare troppe aspettative … E’ chiaro che cercano di dare il classico colpo al cerchio ed uno alla botte, e non sono mancati nella storia del premio omissioni clamorose, riconoscimenti tardivi o non per opere non così meritevoli. E tanti atti di riverenza, come in questa edizione. Del film di Malick mi aspettavo una candidatura come sceneggiatura originale, andata a Margin Call e/o Una separazione, di fatto resta un film iconoclasta, che non piace a tanti ma che ha una forte personalità. Alla fine Drive è rimasto al margine, considerato un film bello ma da art house, di nicchia, quasi fatto dall’ambiente per l’ambiente del cinema, scorrendo la lista. Idem per Shame. Gli altri titoli più o meno ottengono il numero di candidature giuste. Per le canzoni avrebbero dovuto mettere tre pezzi dei Muppet, o inserire Madonna e Cap. E non sembrava il caso, almeno per W.E. L’Academy poi non ama proprio il mocap, al massimo nella categoria effetti visivi può trovare un premio.

  7. @Roublev: la curiosità su Hugo c’è, non l’ho visto e per ora possiamo basarci appunto SOLO sulle recensioni americane e sulla carriera precedente di Scorsese, senza distruggere a priori nessuno, cosa che nessuno ha fatto. In quanto a Malick, visti i tempi e l’esiguo numero di film, e per il fatto che non è mai stato premiato prima, si può benissimo parlare di un riconoscimento che va alla sua figura ed alla sua carriera, visto che The Tree of Life, ha comunque diviso al 50% la critica. Personalmente l’ho trovato un bel film, ma non così straordinario o incredibile come scritto da molti. Un film che rimane, ma ho trovato più filosofico e ancora più profondo Fata Morgana di Herzog, per fare un esempio.

  8. @Francy
    hai ragione ! manco una nomination a Super 8 :O un po’ mi dispiace 🙁
    @Roublev
    Neanche io parlerei di riconoscimento alla carriera… però questo film non mi è piaciuto molto… mi sono piaciuti molto di più La sottile linea rossa (7 nomination tra cui doppia candidatura film e regia meritatissime, ma manco un premio) e The New World… ma per questo The Tree of life bastava la nomination per la fotografia che tra le sole 3 candidature che ha avuto e il premio che ha più possibilità di vincere… poi hai ragione su Hugo; è vero non l’abbiamo visto… a me principalmente sorprende che Scorsese abbia fatto così bene con un film di fantascienza ma visto anche l’appoggio dell’Academy sono davvero curioso di vederlo 🙂 anche perchè stiamo parlando di un film in 3D, il primo che ha avuto tante nomination dopo Avatar.
    @Damiax
    Anche a me dispiace la snobbatura di War Horse per la regia e di Tin Tin per l’animazione 🙁 però alla fine il primo ha avuto 5 candidature tra i premi tecnici e Tin Tin per la colonna sonora… meglio di niente… Comunque x l’animazione penso che vincerà facilmente Rango… per quanto riguarda HP ho paura che non vinca niente e sinceramente anche se vincesse per il trucco non la vedrei come una gran cosa… anche perchè, secondo me, non sarebbe meritatata…

  9. Alla fine ce l’ha fatta pure Molto forte, incredibilmente vicino. Ma guarda tu! E io che non gli riservavo neanche uno spazietto piccino picciò. Non c’è che dire, gli oscar sono così: strani! Segato Di Caprio, segato Fassbender, segato Gosling a favore di Bichir (ma l’avete visto A better life o parlare per partito preso: io sì e vi dico che è bravo, Fassbender cosa fa oltre a mostrare il pisello e a leccare un culo?) e di Oldman (posato, studiato, uomo di ghiaccio). Fra i non protagonisti, contento per Von Sydow ma soprattutto per Nick Nolte, bravissimo! E finalmente ho visto pure The Artist e vi dico che, reparto tecnico a parte (includo anche la regia) è un film che non se lo sarebbe filato nessuno se non fosse stato muto e ovviamente sta anche qui la sua bellezza quindi mi auguro e spero di cuore che racimoli ben poco se no l’anno prossimo ci inventiamo un’altra moda e abbiamo azzeccato il premio.
    Madonna non poteva essere candidata per la canzone per ragioni di regolamento (idiota). A questo punto, conoscendo il modello Payne, tifo Cabret avendo letto il libro e sperando nel meglio possibile.
    E la McCarthy… ragazzi, che soddisfazione vederla là in mezzo!
    W gli Oscar!

  10. L’unica critica che si può fare a The tree of life è che l’abbiano nominato solo per proteggersi da ulterioriori insulti e non perchè ci credano veramente, ma merita di stare dov’è, anzi…dovevano dargli anche la nomina per il montaggio…

  11. E dimenticavo: Una separazione è un film grandissimo, lo dicevo dal 6 novembre e tutti credevano che fossi pazzo. Le mie esatte parole erano: “Una separazione è un film stupendo e vincerà l’Oscar come miglior film straniero: ha una sceneggiatura di ferro!” Risultato: miglior film straniero e miglior sceneggiatura. Trallallà.
    E Spielberg è stato segato dai film d’animazione, questo è un peccato.

  12. Viva la diversità di pareri e di opinioni.
    Spero che a questo punto A Better Life venga distribuito.
    Fassbender non l’ho trovato affatto male e una candidadtura non era rubata, così come non sono rubate quelle di Malick. The Tree of Life ottiene tre candidature, di cui due al film ed alla regia più la fotografia.
    Segno chiaro di dare un riconoscimento oltre al film, che si distingue dalla massa e dagli altri contendenti a Malick come cineasta. Le ntre omination sono tutte molto focalizzate e questo secondo me rafforza l’idea. In tal senso concordo con Marco, non tanto per dare dignità a questa edizione.
    Su Una Separazione, non si scopre adesso.Nella lunga marcia verso l’Oscar ha centrato tutti gli obiettivi e per sottolineare il valore, lo slot come sceneggiatura.

  13. Vero, su Una separazione non si scopre adesso, si scopre dal 6 novembre, ben prima della lunga corsa agli oscar.
    @ Roublev, ma non hai ancora capito come funziona qua? Ti prendi un partito senza conoscerlo e lo proteggi o lo spernacchi, poi ti rimangi tutto appena il vento cambia direzione. E’ piuttosto facile ambientarsi.

  14. Gli oscar alla fine non mi interessano molto, ma io avrei nominato the artist anche al trucco. scrivo giusto perchè i premi minori non se li caga nessuno!
    Poi per me meritava qualcosa in più drive, e mallik sta bene dov’è.
    War house se non fosse per la regia di spielberg lo marcherei come cagata epica. Comunque anche guardando il trailer al cinema la sensazione è rimasta tale

  15. Beh, secondo me il film di Tin Tin non ha avuto la nomination nella sezione miglior film d’animazione per due ragioni, la prima che ha già vinto il Satelite Award, il Golden Globe e il premio come miglior produttore dell’anno e quindi l’oscar è quasi scontato e poi per essere sinceri il film è è animazione al 100 % visto che i personaggi sono persone in carne e ossa catturati con la modalità del Mobile Capture e poi una nomination come miglior colonna non è da buttare ! E poi come si dice, la prossima volta, quando uscirà il film con la regia di Peter, andrà meglio!!!
    E poi sono contenta così almeno quella schifezza del film dei vampiri non ha avuto nemmeno una nomitaion

  16. bene the artist come previsto, e come attrice viola davis,no a woody allen,(devono farsi perdonare qualcosa?)
    the help cala il tris di donne come ci si aspettava
    il gatto non so se sia da oscar ma è fatto molto bene e se la gioca,anche se rango secondo me vincerà
    una separazione, quotatissimo e molto apprezzato, (cosi ho letto)puo farcela

    non c’è elisabetta canalis,come miglior attrice non protagonista per

    io & george (amici di tetto e stop)

    la parte della finta fidanzata la fatta bene dai!!!!!

  17. Ragazzi non potete nemmeno immaginare quanto sono felice per la nomination del corto La Luna!
    Ho avuto la fortuna di vedere in anteprima assoluta per l’Italia il meraviglioso La Luna sia in 2D che in 3D con una straordinaria spiegazione sulla sua ideazione, sviluppo e realizzazione fatta direttamente dal suo papà… Enrico Casarosa, una persona o per meglio dire un artista fantastico che riesce facilmente a trasmettere in chi lo ascolta la passione con cui fa il suo straordinario lavoro!
    Le musiche di Michael Giacchino sono una vera delizia che accompagna magicamente lo spettatore per tutta la surata di quel bellissimo sogno!
    Purtroppo non posso raccontare il contenuto del corto ma vi garantisco che è una vera e propria Bomba!!!

  18. Annina anche a me è piaciuta molto, ma non è una colonna sonora originale ma è fatta di cover. non poteva concorrere per l’Oscar… Da notare l’assenza di Trent Reznor and Stticus Ross…

  19. @Zodiac89, non sono d’accordo sul tanto criticato (in verità molto efficace e ben realizzato) makeup di Harry Potter, che finalmente ottiene la candidatura. Secondo me ha buone chance di vincere quella categoria (secondo me, sarebbe anche una vittoria meritata), anche se battere le trasformazioni di Glenn Close e Meryl Streep rispettivamente in un cameriere e nella Thatcher non sarà facile (solo i makeup di Voldemort e UnciUnci meriterebbero di vincere). E se la saga dovesse vincere solo un premio Oscar tecnico, è un pò come hai detto sulla questione Spielberg: meglio di niente!

  20. Nel sonoro e nella colonna sonoro trovo incomprensibile la mancata presenza di Super 8… soprattutto nel sonoro e nel montaggio sonoro…
    Un’ altra colonna sonora che mi è piaciuta molto è stata quella del film Rio =) che ha avuto l’onore di avere una delle sue canzoni candidata come miglior canzone originale 😀 mi auguro che vinca in una categoria che non capisco sinceramente perchè abbia avuto solo 2 candidati :O e ritrovarci però una canzone di Rio è stata una delle cose piacevoli e inaspettate di queste candidature degli Academy 🙂

  21. @Zodiac89, concordo con te sull’immeritata assenza di Super 8 🙁 e sulla meritata presenza di una bella canzone di Rio 🙂

  22. @Chiara84: proprio per i motivi che hai elencato Tin Tin poteva ottenere la nomination …invece per il discorso del mocap e di mancato feeling tra l’audience americana ed il personaggio, non ha ottenuto i voti utili per entrare in lista.
    @Claudia: ho pensato subito al tuo articolo, speriamo di avere l’occasione di vederlo abbinato al prossimo film Pixar, magari Brave. Oltre ad Enrico Casarosa, spiccano le candidature italiane di Dante Ferretti e Francesca Loschiavo per le scenografie ed i costumi di Hugo. A questo punto auguro loro la vittoria. L’Unico film che potrebbe insidiarli è The artist, anch’ esso meritevole, e per i costumi Jane Eyre.
    Sul fatto delle liste ‘incomplete’, il regolamento è stato modificato recentemente, quindi non c’è più un numero prefissato di slot da assegnare. Altre note: la candidatura tra le attrici non pro di Janet McTeer, presente in altre premiazioni precedenti, è con all’attivo una nomination in passato. L’Arte di Vincere pesca sonoro e montaggio, un po’ a sorpresa. Per gli effetti visivi spicca Real Steel, con pieno merito.
    Sarà una bellissima lotta per la sceneggiatura originale.

  23. THE ARTIST è un film grazioso, godibile, con un protagonista eccellente (lei meno, troppo ‘moderna’), ma chiamarlo capolavoro mi pare eccessivo. Molto parac**o e un po’ fine a se stesso come ‘scommessa’ è vinta in pieno, ma l’idea (se così vogliamo chiamarla) era già stata usata in DR. PLONK di Rolf De Heer e, sopratutto, in L’ULTIMA FOLLIA di Mel Brooks. Per la precisione, tecnicamente questo è un film muto con musica e rumori sincronizzati (il primo fu DON JUAN – in Italia DON GIOVANNI E LUCREZIA BORGIA – del 1926) come lo furono i capolavori, quelli si, di Chaplin – anche loro percepiti allora come ‘roba vecchia’. LUCI DELLA CITTA’ del 1931 e TEMPI MODERNI di quattro anni dopo. Tornando al film per tutta la sua durata non viene spiegato perché Valentine si rifiuta ostinatamente a non voler parlare nei film. Non teme di fare sentire pubblicamente la sua voce, è un signor gigione e nessuno mette in discussione le sue doti attoriali. Mah!

  24. @roelbos, al contrario, è più che chiaro perché Valentin non vuole passare dal muto al sonoro, molteplici sono i motivi: lui ha un orgoglio misto a vanità e stupidità (lo ammette prima di appiccare il fuoco), e inoltre ha paura del progresso, per questo si ostina a voler rimanere nel muto (nella scena dell’incubo, dove tutto parla e ha un suono tranne la sua voce, questa paura è evidente). Solo il supporto del cane e soprattutto di Peppy lo aiuteranno ad affrontare le sue paure e a progredire, sia artisticamente che umanamente.
    Almeno io l’ho interpretata così.
    Per me The Artist è e rimane un capolavoro (anche se quei gioielli di Chaplin rimangono inarrivabili)!

  25. Evidentemente non m’è ‘arrivata’ la ragione. Va bè, capita. Riguardo il suo comportamento si sono rifatti proprio a Chaplin che inizialmente non accettò il sonoro (e infatti non lo adottò del tutto prima del 1940!). Ma ci sono ricordi di Douglas Fairbanks e, un po’, di John Gilbert. Per nessuno dei due ci sarà il lieto fino.

  26. @roelbos e damiax: io ho trovato The Artist prima di tutto un divertissment poetico e stilistico, un compendio di storia del cinema, anzi una vera e propria lezione di cinema, proposta sotto forma di ‘caso d’eccellenza’, una ricerca elegante, accademica, forse un po’ dimostrativo ed ( auto ) celebrativo. Non è un film sperimentale ma descrive una serie di passaggi , che costituiscono la dinamica del film: uno scambio continuo e rimandi incrociati tra i protagonisti, l’evoluzione cinema, colto nelle fasi di passaggio tecnologico, estetico, formale, divistico. E la capacità di costruire e di offrire uno spettacolo completo, grazie alle abilità dei due protagonisti poliedrici.

  27. OT:
    Tempo fa, tramite amici di amici, ho conosciuto un giovane uomo, Giampiero mi pare si chiami. Fa’ il modello (per davvero intendo); un fior di figlio, moro, bello, alto 1,90, col fisico da nuotatore (vedi Raoul Bova e Massimo Girotti) perché lo è (ed è anche judoka), ma appena aprì bocca… una vocetta chioccia tipo ‘gnè gnè gnè’ e non scherzo né esagero. Simpatica anche la moglie, un clone di Angelina Jolie…
    Riguardo John Gilbert si disse che non aveva le capacità di affrontare il cinema parlato anche se stando alle figlie faceva regolarmente tournée teatrali di successo (pare che un grande produttore lo abbia rovinato per via della sua relazione con la Garbo).
    fine OT.

  28. Non mi stupisce la totale assenza del 4° Pirati dei Caraibi e del 2° Cars, ma allo stesso, da buon disneyano, mi dispiace un casino! 🙁
    Felice che la Disney sia presente con I Muppet tra le canzoni (non vedo l’ora di vederlo)!

  29. ATTENZIONE! SEGUE SPOILER SUL FINALE DI “THE ARTIST”……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….
    @roelbos e Damiax: io ricordo che nel finale, dopo la scena di ballo, il protagonista parla per la prima volta e ha un evidente difetto di pronuncia. Quindi la motivazione sarebbe quella, unita certamente ad orgoglio personale e rifuto del progresso, come avete fatto notare.

  30. Quasi dimenticavo di postare le nomination della Charlie Movie Awards Academy, l’associazione che presiedo e che quest’anno è alla nona edizione. Siamo una quarantina di utenti e scegliamo da anni sia i migliori che i peggiori film e il bello è che tutti possono votare. Anche voi se volete, aggiungendovi all’evento fb “The 9th Charlie Movie Awards” o anche contattandomi a Robertoupper@gmail.com
    Si può votare entro il 19 febbraio.
    Ecco le nominations:

    Miglior Film

    • Carnage
    Produttori: Said Ben Said
    • Il discorso del re
    Produttori: Iain Canning, Emile Sherman, Gareth Unwin
    • Drive
    Produttori: Michael Litvak, John Palermo, Marc Platt, Gigi Pritzker, Adam Siegel
    • Midnight in Paris
    Produttori: Letty Aronson, Jaume Roures, Stephen Tenenbaum
    • The Tree of Life
    Produttori: Dede Gardner, Sarah Green, Grant Hill, Brad Pitt, Bill Pohlad

    Miglior Attore Protagonista

    • Colin Firth in Il discorso del re
    • Paul Giamatti in La versione di Barney
    • Ryan Gosling in Drive
    • Sean Penn in This must be the place
    • Michel Piccoli in Habemus Papam

    Miglior Attrice Protagonista

    • Annette Bening in I ragazzi stanno bene
    • Kirsten Dunst in Melancholia
    • Jennifer Lawrence in Un gelido inverno
    • Natalie Portman in Il cigno nero
    • Hailee Steinfeld in Il grinta

    Miglior Attore Non Protagonista

    • Christian Bale in The Fighter
    • Philip Seymour Hoffman in Le idi di marzo
    • John C. Reilly in Carnage
    • Geoffrey Rush in Il discorso del re
    • Christoph Waltz in Carnage

    Miglior Attrice Non Protagonista

    • Bérénice Bejo in The Artist
    • Jessica Chastain in The Tree of Life
    • Frances McDormand in This must be the place
    • Carey Mulligan in Drive
    • Kate Winslet in Carnage

    Miglior Regia

    • Roman Polanski per Carnage
    • Darren Aronofsky per Il cigno nero
    • Nicolas Winding Refn per Drive
    • Paolo Sorrentino per This must be the place
    • Terrence Malick per The Tree of Life

    Miglior Sceneggiatura

    • Roman Polanski, Yasmine Reza per Carnage
    • Andrés Heinz, Mark Heyman, John McLaughlin per Il cigno nero
    • Hossein Amini per Drive
    • George Clooney, Grant Heslov, Beau Willimon per Le idi di marzo
    • Woody Allen per Midnight in Paris

    Miglior Colonna Sonora

    • Ludovic Bource per The Artist
    • Cliff Martinez per Drive
    • Stephane Wrembel per Midnight in Paris
    • David Byrne, Will Oldham per This must be the place
    • Alexandre Desplat per The Tree of Life

    Miglior Fotografia

    • Guillaum Schiffman per The Artist
    • Matthew Libatique per Il cigno nero
    • Newton Thomas Sigel per Drive
    • Darius Khondji per Midnight in Paris
    • Emmanuel Lubezki per The Tree of Life

    Miglior Montaggio

    • Andrew Weisblum per Il cigno nero
    • Matthew Newman per Drive
    • Stephen Mirrione per Le idi di marzo
    • Alisa Lepselter per Midnight in Paris
    • Hank Corwin, Jay Rabinowitz, Daniel Rezende, Billy Weber, Mark Yoshikawa per The Tree of Life

    Miglior Scenografia

    • Austin Buchinsky, Robert Gould per The Artist
    • Tora Peterson per Il cigno nero
    • Judy Farr per Il discorso del re
    • Stephenie McMillan per Harry Potter e i doni della morte – Parte II
    • Hélène Dubreuil per Midnight in Paris

    Migliori Costumi

    • Lisy Christl per Anonymous
    • Amy Westcott per Il cigno nero
    • Jenny Beavan per Il discorso del re
    • Lidiya Kryukova per Faust
    • Mary Zophres per Il grinta

    Peggior Film

    • Box Office 3D – Il film dei film
    Produttori: Andrea Borella
    • Che bella giornata
    Produttori: Pietro Valsecchi
    • Ex – Amici come prima
    Produttori: Federica Lucisano, Fulvio Lucisano
    • Femmine contro maschi
    Produttori: Federica Lucisano, Fulvio Lucisano
    • The Twilight Saga – Breaking Dawn – Parte 1
    Produttori: Wyck Godfrey, Stephenie Meyer, Karen Rosenfelt

    Peggior Attore Protagonista

    • Fabrigio Biggio in I soliti idioti – Il film
    • Raoul Bova in Immaturi
    • Ezio Greggio in Box Office 3D – Il film dei film
    • Robert Pattinson in The Twilight Saga – Breaking Dawn – Parte 1
    • Brandon Routh in Dylan Dog – Il film

    Peggior Attrice Protagonista

    • Paola Cortellesi in C’è chi dice no
    • Anna Faris in (S)ex list
    • Keira Knightley in A Dangerous Method
    • Mila Kunis in Amici di letto
    • Kristen Stewart in The Twilight Saga – Breaking Dawn – Parte 1

    Peggior Attore Non Protagonista

    • Raoul Bova in Nessuno mi può giudicare
    • Taye Diggs in Dylan Dog – Il film
    • Taylor Lautner in The Twilight Saga – Breaking Dawn – Parte 1
    • Enzo Salvi in Box Office 3D – Il film dei film
    • Emilio Solfrizzi in Femmine contro maschi

    Peggior Attrice Non Protagonista

    • Serena Autieri in Femmine contro maschi
    • Monica Bellucci in Manuale d’amore 3
    • Astrid Bergès-Frisbey in Pirati dei Caraibi – Oltre i confini del mare
    • Anita Briem in Dylan Dog – Il film
    • Julia Roberts in L’amore all’improvviso – Larry Crowne

    Peggior Regia

    • Ezio Greggio per Box Office 3D – Il film dei film
    • Carlo Vanzina per Ex – Amici come prima
    • Fausto Brizzi per Femmine contro maschi
    • Giovanni Veronesi per Manuale d’amore 3
    • Bill Condon per The Twilight Saga – Breaking Dawn – Parte 1

    Peggior Sceneggiatura

    • Fausto Brizzi, Rudy De Luca, Ezio Greggio, Steve Haberman, Marco Martani per Box Office 3D – Il film dei film
    • Enrico Vanzina per Ex – Amici come prima
    • Fausto Brizzi, Massimiliano Bruno, Valeria Di Napoli, Marco Martani per Femmine contro maschi
    • Fabrizio Biggio, Martino Ferro, Francesco Mandelli per I soliti idioti – Il film
    • Melissa Rosenberg per The Twilight Saga – Breaking Dawn – Parte 1

    Peggior Colonna Sonora

    • Aldo De Scalzi, Pivio per Box Office 3D – Il film dei film
    • Giuliano Taviani, Carmelo Travia per Ex – Amici come prima
    • Bruno Zambrini per Femmine contro maschi
    • Andrea Guerra per Immaturi
    • Carter Burwell per The Twilight Saga – Breaking Dawn – Parte 1

    Peggior Fotografia

    • Claudio Zamarion per Box Office 3D – Il film dei film
    • Carlo Tafani per Ex – Amici come prima
    • Marcello Montarsi per Femmine contro maschi
    • Geoffrey Hall per Dylan Dog – Il film
    • Guillermo Navarro per The Twilight Saga – Breaking Dawn – Parte 1

    Peggior Montaggio

    • Vincenzo Sacco per Box Office 3D – Il film dei film
    • Raimondo Crociani per Ex – Amici come prima
    • William Hoy per Sucker Punch
    • Roger Barton, William Goldenberg, Joel Negron per Transformers 3
    • Virginia Katz per The Twilight Saga – Breaking Dawn – Parte 1

    Peggior Scenografia

    • Andrea Faini per Box Office 3D – Il film dei film
    • Morena Trevisiol per Femmine contro maschi
    • Jille Azis, Eve Boulonne, Elise de Blois, Marie-Soleil Dénommé per Immortals
    • Judy Farr per Lo schiaccianoci 3D
    • Louise Peggyrice per I soliti idioti – Il film

    Peggiori Costumi

    • Ina Damianova per Box Office 3D – Il film dei film
    • Nicoletta Ercole per Ex – Amici come prima
    • Monica Simeone per Femmine contro maschi
    • Michael Wilkinson per Sucker Punch
    • Alexandra Byrne per Thor

    Premio KILLER (il film inguardabile)

    • Bitch Slap – Le superdotate
    • Box Office 3D – Il film dei film
    • Dylan Dog – Il film
    • Lezioni di cioccolato 2
    • Matrimonio a Parigi

    Premio INVISIBLE (miglior film uscito in meno di 50 sale)

    • La donna che canta
    • Faust
    • Un gelido inverno
    • Pina
    • Una separazione

    Miglior Film d’Animazione

    • Arrietty – Il mondo segreto sotto il pavimento
    • Le avventure di Tintin – Il segreto dell’unicorno
    • Rango

    Peggior Cast

    • Box Office 3D – Il film dei film
    Anna Falchi, Antonello Fassari, Ezio Greggio, Biagio Izzo, Gina Lollobrigida, Maurizio Mattioli, Franco Neri, Max Pisu, Gigi Proietti, Giorgia Wurth
    • Femmine contro maschi
    Serena Autieri, Claudio Bisio, Nancy Brilli, Wilma De Angelis, Salvatore Ficarra, Francesca Inaudi, Valentino Picone, Emilio Solfrizzi
    • Manuale d’amore 3
    Monica Bellucci, laura Chiatti, Robert De Niro, Donatella Finocchiaro, Michele Placido, Emanuele Propizio, Valeria Solarino, Riccardo Scamarcio, Carlo Verdone
    • Matrimonio a Parigi
    Isabelle Adriani, Anna Maria Barbera, Massimo Boldi, Emanuele Bosi, Massimo Ceccherini, Loredana De Nardis, Raffaella Fico, Biagio Izzo, Paola Minaccioni, Alessandra Pozzo, Enzo Salvi, Guglielmo Scilla, Rocco Siffredi
    • Vacanze di Natale a Cortina
    Dario Bandiera, Christian De Sica, Sabrina Ferilli, Katia Follesa, Giuseppe Giacobazzi, Valeria Graci, Ivano Marescotti, Ricky Memphis

    Miglior Cast

    • Carnage
    Jodie Foster, John C. Reilly, Christoph Waltz, Kate Winslet
    • Il discorso del re
    Eve Best, Helena Bonham Carter, Colin Firth, Michael Gambon, Guy Pearce, Geoffrey Rush, Timothy Spall
    • Le idi di marzo
    George Clooney, Paul Giamatti, Ryan Gosling, Philip Seymour Hoffman, Max Minghella, Marisa Tomei, Evan Rachel Wood, Jeffrey Wright
    • Il grinta
    Jeff Bridges, Josh Brolin, Matt Damon, Barry Pepper, Hailee Steinfeld
    • Midnight in Paris
    Kathy Bates, Adrien Brody, Marion Cotillard, Gad Elmaleh, Tom Hiddleston, Rachel McAdams, Alison Pill, Léa Seydoux, Michael Sheen, Corey Stoll, Owen Wilson

    Peggior Coppia

    • Massimo Ceccherini + Rocco Siffredi in Matrimonio a Parigi
    • Christian De Sica + Sabrina Ferilli in Vacanze di Natale a Cortina
    • Ezio Greggio + Giorgia Wurth in Box Office 3D – Il film dei film
    • Francesca Inaudi + Salvatore Ficarra in Femmine contro maschi
    • Luciana Littizzetto + Emilio Solfrizzi in Femmine contro maschi

    Miglior Coppia

    • Christian Bale + Mark Wahlberg in The Fighter
    • Bérénice Bejo + Jean Dujardin in The Artist
    • Colin Firth + Geoffrey Rush in Il discorso del re
    • Paul Giamatti + Rosamund Pike in La versione di Barney
    • Frances McDormand + Sean Penn in This must be the place

    Peggior Villain

    • Duca di Buckingham/Orlando Bloom in I tre moschettieri
    • Dylan/Patrick Dempsey in Transformers 3
    • Blue Jones/Oscar Isaac in Sucker Punch
    • Sentinel Prime in Transformers 3
    • Vargas/Taye Diggs in Dylan Dog – Il film

    Miglior Villain

    • Alan Krumwiede/Jude Law in Contagion
    • Bellatrix Lestrange/Helena Bonham Carter in Harry Potter e i doni della morte – Parte II
    • Lucky Ned Pepper/Barry Pepper in Il grinta
    • Bernie Rose/Albert Brooks in Drive
    • Voldemort/Ralph Fiennes in Harry Potter e i doni della morte – Parte II

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *