Condividi su

07 gennaio 2011 • 10:09 • Scritto da Marco Triolo

ScreenWEEKend: tra medium, bellezze inglesi e raccomandati

Poche ma buone le uscite di questo primo weekend post-festivo: nel menù troviamo Clint Eastwood, Stephen Frears e Checco Zalone, per tre film tra commedia, dramma, sovrannaturale e temi d'attualità...
Post Image
0

Hereafter Matt Damon Bryce Dallas Howard foto dal film 1

Finite le feste, ricominciano le nuove uscite! E naturalmente non manchiamo di segnalarvele in questo nuovo appuntamento di ScreenWEEKend. Siete pronti? Si parte.

Hereafter di Clint Eastwood

Le vite di tre persone, accomunate dall’aver sfiorato la morte, finiranno per intrecciarsi: una giornalista francese scampata alla tragedia dello tsunami del 2004; una madre single e tossicodipendente inglese che perde uno dei suoi figli gemelli durante un incidente stradale; e George Lonegan, un uomo in grado di comunicare con i morti. Clint Eastwood e Matt Damon di nuovo insieme per il primo film a tinte sovrannaturali del regista di Million Dollar Baby: e la critica si è già divisa. Ma Eastwood è sempre Eastwood, e se non altro sarà un intrattenimento classico. Qui la nostra recensione.

Tamara Drewe – Tradimenti all’inglese di Stephen Frears

Tamara Drewe, una giovane giornalista combattuta tra due amori, fa ritorno alla sua cittadina natale nella campagna inglese, dove la casa in cui ha trascorso l’infanzia è stata messa in vendita dopo la morte della madre. L’adolescente sgraziata di un tempo è però diventata una femme fatale, il che porterà non poco scompiglio nel tranquillo paesino. Stephen Frears torna con una commedia brillante tratta da una striscia quotidiana di grande successo nel Regno Unito. Gemma Arterton conquista i cuori e dimostra ancora una volta di essere a buon diritto una stella nascente. Qui la recensione.

Che bella giornata di Gennaro Nunziante

Dopo essere stato raccomandato grazie all’aiuto di uno zio Vescovo, Checco, che ha sempre sognato di fare il carabiniere, inizia a lavorare come inserviente alla sicurezza del Duomo di Milano. Qui, attraverso una catena infinita di equivoci, conosce Farah: sedicente studentessa di architettura, la ragazza progetta in realtà di vendicare la sua famiglia con un agguato terroristico. Checco Zalone torna per la seconda volta al cinema con una commedia profondamente legata al contingente storico in cui ci troviamo, che parla di tolleranza e tocca con buon ritmo e onestà un tema scottante come il terrorismo. Qui la nostra recensione.

Come sempre, qui trovate le novità dal box office e qui i trailer della settimana.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *