L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Elon Musk ha comprato Twitter per $44 miliardi

Elon Musk ha comprato Twitter per $44 miliardi

Di Marlen Vazzoler

Ieri Twitter ha accettato l’offerta di Elon Musk per l’acquisto della compagnia per circa $44 miliardi. La transazione, che Twitter ha detto è stata approvata all’unanimità dal suo consiglio di amministrazione, è soggetta all’approvazione degli azionisti, delle approvazioni normative e di altre abituali condizioni di chiusura.

Bret Taylor, presidente del consiglio indipendente di Twitter, ha dichiarato:

“Il consiglio di Twitter ha condotto un processo ponderato e completo per valutare la proposta di Elon con una deliberata attenzione al valore, alla certezza e al finanziamento.”

Twitter prevede di rilasciare i risultati dei guadagni del primo trimestre del 2022 prima che il mercato apra questo giovedì (28 aprile). La società ha aggiunto:

“Alla luce della transazione in corso annunciata oggi, Twitter non terrà una correlata conference call”.

Al completamento della transazione, previsto per il 2022, Twitter diventerà una società privata.

Wall Street sembra applaudire la notizia, con le azioni di Twitter in crescita di quasi il 6% verso la conclusione della giornata. Sono salite di quasi il 30% da quando Musk è entrato formalmente in scena.

Come si è giunti all’accordo

Il 14 aprile, Musk – la persona più ricca del mondo – ha proposto di acquistare Twitter per $54,20 per azione. La scorsa settimana ha affermato di aver assicurato $46,5 miliardi di finanziamenti per un’offerta.

Twitter aveva adottato un piano di poison-pill (pillole avvelenate) per respingere una potenziale acquisizione ostile: se una qualsiasi entità avesse acquistato delle azioni pari al 15% del patrimonio netto in circolazione, Twitter avrebbe inondato il mercato con delle nuove azioni. Questa mossa dovrebbe diluire il suo controllo e lasciarlo in mano agli attuali azionisti e membri del consiglio di amministrazione di Twitter.

“Nel caso in cui i diritti diventino esercitabili a causa del superamento della soglia di proprietà, ogni diritto darà facoltà al suo titolare (diverso dalla persona, entità o gruppo che fa scattare il piano di diritti, i cui diritti diventeranno nulli e non saranno esercitabili) di acquistare, al prezzo di esercizio corrente, ulteriori azioni di azioni ordinarie con un valore di mercato corrente del doppio del prezzo di esercizio del diritto”.

Musk ha rivelato in precedenza di aver acquisito circa il 9,2% delle azioni in circolazione di Twitter, rendendolo il più grande azionista della società.

Si è assicurato $25,5 miliardi di debito interamente impegnato e di finanziamento di margine e sta fornendo un impegno azionario di circa $21,0 miliardi.

Obiettivo libertà di parola

Musk ha sottolineato che come proprietario di Twitter, vuole espandere la tipologia di discorso permessa dal social network. Il miliardario ha criticato il “fallimento” di Twitter nel sostenere i principi di libertà di parola.

“La libertà di parola è il fondamento di una democrazia funzionante, e Twitter è la piazza digitale dove si discutono questioni vitali per il futuro dell’umanità”, ha detto Musk in una dichiarazione. Ha aggiunto: “Voglio anche rendere Twitter ancora migliore, migliorando il prodotto con delle nuove funzionalità, rendendo gli algoritmi open source per aumentare la fiducia, sconfiggendo i bot di spam e autenticando tutti gli esseri umani. Twitter ha un potenziale enorme – non vedo l’ora di lavorare con l’azienda e la comunità di utenti per sbloccarlo”.

Su Twitter ha scritto:

“Spero che anche i miei peggiori critici rimangano su Twitter, perché questo è quello che significa la libertà di parola”.

Liberali e pillole rosse

Media Matters for America, un gruppo liberale senza scopo di lucro, ha risposto alla notizia dell’acquisto di Twitter da parte di Musk, avvertendo che ”

Aprirà le cateratte della disinformazione, dell’odio e delle bugie”

e che:

“La responsabilità ora è degli inserzionisti di Twitter, dell’App Store di Apple”.

La dichiarazione:

“Elon Musk cancellerà tutta una serie di protezioni molto basilari contro le molestie, gli abusi e la disinformazione che Twitter ha impiegato anni a mettere in pratica – aprendo effettivamente le cateratte dell’odio e delle bugie e usando la posizione di Twitter come leader di mercato per fare pressione su altre società di social media per fare marcia indietro.

Musk può affermare che si tratta di libertà di parola, ma non fatevi ingannare – si tratta di ideologia. Musk l’ha chiarito lui stesso quando ha parlato del suo desiderio che i liberali e gli altri diventino delle ”pillole rosse”. Ora, con il controllo di Twitter, ha un enorme strumento per distribuire quelle pillole rosse. Questa è la radicalizzazione.
Con questa vendita, ci si può aspettare che l’account di Donald Trump venga ripristinato insieme a tutta una serie di altri account che hanno commesso abusi, molestie e ripetute violazioni delle regole di Twitter. La corsa al ribasso ha inizio.

Ma non tutte le speranze sono perse. La responsabilità ora è dei principali inserzionisti di Twitter, che devono mettere in chiaro che se Twitter diventerà un luogo di odio, estremismo e disinformazione – se ne andranno.

È anche fondamentale che Google e Apple sottopongano Twitter agli stessi standard che hanno applicato ad altre applicazioni come Parler – ribadendo che Twitter non avrà un trattamento speciale e che una violazione dei loro termini di servizio comporterà la rimozione della piattaforma dagli app store”.

Fonti Variety, Deadline

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Queer as Folk: il trailer del remake, dal 31 luglio su STARZPLAY 20 Maggio 2022 - 15:45

Ecco il trailer del remake di Queer as Folk, in Italia su STARZPLAY a partire dal 31 luglio con due nuovi episodi ogni settimana per un totale di otto. Prodotta da UCP, una divisione della Universal Studio Group, Queer as Folk è una rivisitazione dell’originaleserie britannica creata da Russell T. Davies (It’s A Sin, Doctor […]

Now and Then, scopriamo la nuova serie da oggi su Apple TV+ 20 Maggio 2022 - 15:00

Il confronto tra passato e presente si fa portante in Now and Then, nuova serie thriller di Apple TV+ ambientata in una Miami multietnica e... multiproblematica.

Black Adam – Dwayne Johnson arriva sul set in costume nel nuovo video 20 Maggio 2022 - 13:45

Dwayne Johnson arriva sul set di Black Adam in costume di scena nel nuovo video dai reshoot del ciencomic.

She-Hulk, il trailer spiegato a mia nonna 18 Maggio 2022 - 8:43

Finalmente la She-Hulk di Tatiana Maslany in azione e... ma chi sono tutti quei tizi?

Bang Bang Baby, episodi 6-10: una chiusura col botto (no spoiler) 16 Maggio 2022 - 14:45

Sì, anche il secondo blocco di episodi di Bang Bang Baby, la serie di Prime Video, merita assolutamente la visione.

Doctor Strange nel Multiverso della Follia: chi c’è, cosa succede, cosa verrà dopo (SPOILER) 6 Maggio 2022 - 10:18

Chi c'è, cosa succede, cosa vuol dire per il futuro dell'MCU.