Red Rocket – La recensione del film di Sean Baker

Red Rocket – La recensione del film di Sean Baker

Di Lorenzo Pedrazzi

Sean Baker è uno dei pochi registi statunitensi ancora devoti alla materia più ruvida e spigolosa del cinema, estratta direttamente dai margini dell’American way of life. Si nutre di spazi sgraziati e facce ispide, a caccia di una verità che non risulta mai edulcorata da patinature hollywoodiane. Il suo sguardo è leggero, certo, ma di una leggerezza quasi calviniana: sfrutta il linguaggio della commedia per liberarsi dai pregiudizi, mirando all’essenzialità e all’umanità delle periferie sociali. Red Rocket, in tal senso, prosegue un discorso già impostato da Starlet, e poi approfondito in Tangerine e The Florida Project.

Non è un caso che il protagonista Mickey Saber (Simon Rex) sia un attore di film porno, tornato nella natia Texas City dopo aver perso il lavoro a Los Angeles. L’interesse di Baker per il sex working era palese fin dal sopracitato Starlet, ma il suo approccio tende sempre a una “normalizzazione” di queste figure professionali, evitando ogni genere di cliché o di pietismo: ciò che gli preme è raccontarne lo spessore umano, inteso come realtà tridimensionale popolata di qualità o limiti morali, vittorie e sconfitte, ma soprattutto l’ordinarietà di un tempo che pare sempre uguale a sé stesso. Texas City, rispetto alla California scintillante da cui proviene Mickey, è un posto sperduto dove il tempo sembra essersi fermato. Così, basta lo sgradito ritorno del “figliol prodigo” a rompere i placidi equilibri della provincia: sua moglie Lexi (Bree Elrod) accetta di riprenderlo a casa, ma in cambio Mickey deve guadagnare qualche soldo, e comincia a vendere marijuana per una spacciatrice locale. Folgorato dalla giovanissima Strawberry (Suzanna Son), diciassettenne che lavora in un negozio di ciambelle, Mickey comincia una relazione con lei e cerca di convincerla a trasferirsi a Los Angeles per lavorare nel porno.

Com’è facile intuire, Baker dipinge il ritratto di un inguaribile opportunista, specchio di una società impietosa e competitiva come quella statunitense. Il fatto che susciti simpatia non deve sorprendere: l’arrivismo ha spesso un volto affabile, e il regista non pretende di dare giudizi. Se Red Rocket è ricco di scene buffe o ridicole, è perché Baker scova i paradossi nelle situazioni più difficili, o tra le pieghe di una quotidianità sonnacchiosa ed emarginata. Anche per questo, i non-luoghi sono il suo ambiente ideale: nessuno come lui, nel cinema americano contemporaneo, riesce a valorizzare gli spazi standardizzati dei fast food o di altre catene commerciali. Sorgono come cattedrali in deserti d’asfalto, smentendo almeno uno dei concetti teorizzati da Marc Augé: per Baker, i non-luoghi diventano anche spazi sociali (ovvero spazi dove gli individui entrano in relazione fra loro), semplicemente perché non ne esistono altri, non ci sono alternative. Fast food e centri commerciali restano gli unici punti di riferimento, ma i personaggi dei suoi film imparano a trarne il meglio, e lui stesso ricava un fascino singolare dalle loro assurde geometrie. La poesia del kitsch, per certi versi.

Ritorna inoltre l’attenzione di Baker per volti e corpi nient’affatto banali, molto “terreni”, che confermano quanto il regista americano preferisca circondarsi di attori estrapolati dalla vita reale, incontrati per strada o al ristorante. Chiaramente non vale per Simon Rex, che qui ha l’opportunità di esprimersi in una performance febbricitante, di grande impegno fisico. È lui l’anello di congiunzione tra i sobborghi dimenticati di Texas City e l’utopia della California, poiché un altrove da sognare non manca mai: in The Florida Project era Disney World, mentre in Red Rocket è la più remota Los Angeles, con le sue promesse di fama e ricchezza. Persino l’utilizzo di Bye Bye Bye degli NSYNC rievoca la chimera californiana, insieme a quel passaggio generazionale che sta innescando una rielaborazione degli anni Novanta e dei primi Duemila nel nostro immaginario collettivo. La sensibilità di un autore si evince anche dalla sua capacità di anticipare (o intercettare) lo spirito dei tempi.

LEGGI ANCHE

The Beach Boys, il documentario su Disney+ a partire dal 24 maggio 14 Aprile 2024 - 9:00

Sono disponibili il trailer e la key art di The Beach Boys, il nuovo documentario che arriverà in streaming in esclusiva su Disney+ a partire dal 24 maggio.

Garfield: Una missione gustosa, ecco il videoclip di Let It Roll 13 Aprile 2024 - 16:30

Keith Urban e Snoop Dogg cantano Let It Roll per Garfield: Una missione gustosa; ecco il videoclip ricco di scene del film.

Thunderbolts*, Kevin Feige conferma il titolo con l’asterisco e promette spiegazioni dopo l’uscita 13 Aprile 2024 - 15:00

Thunderbolts* avrà davvero l'asterisco nel titolo, e i fan ipotizzano che dietro si nascondano i Dark Avengers.

Challengers, due featurette ci portano alla scoperta del film 13 Aprile 2024 - 12:00

MGM ha pubblicato due nuove featurette di Challengers che ci portano alla scoperta del film di Luca Guadagnino.

X-Men ’97 – Episodio 3: omaggi e citazioni 28 Marzo 2024 - 8:31

Curiosità, riferimenti, easter egg e omaggi ai fumetti nel terzo episodio di X-Men '97.

Kong contro Mechani-Kong: l’altro King Kong giapponese – Godzillopedia capitolo 4 26 Marzo 2024 - 8:00

Il secondo film della giapponese Toho dedicato a King Kong: Kong contro Mechani-Kong.

X-Men ’97 è una bomba (la recensione senza spoiler dei primi tre episodi) 20 Marzo 2024 - 8:01

X-Men '97 è la migliore cosa che potesse capitare a un vecchio fan dei mutanti Marvel, animati, a fumetti o entrambe le cose.

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI