L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Occhiali neri – La recensione del film di Dario Argento

Occhiali neri – La recensione del film di Dario Argento

Di Lorenzo Pedrazzi

Sulle strade desolanti dell’EUR, nel clima rarefatto e sospeso dell’estate, una giovane donna ferma la sua automobile nei pressi di un prato. C’è silenzio, macchine parcheggiate ovunque, persone affacciate ai balconi o in piedi ai lati della carreggiata. Sul prato ci sono anche diverse famiglie. Guardano tutti verso il cielo, immobili. D’un tratto la luce si attenua, un’eclisse oscura il disco del sole. La giovane donna solleva il capo a sua volta, e infila un paio di occhiali neri per schermare quello spettacolo abbacinante che lascia tutti ammutoliti.

Inizia così Occhiali neri, thriller che segna il ritorno di Dario Argento a dieci anni dal suo ultimo lungometraggio (Dracula 3D è del 2012). Una sequenza di notevole fattura, dove il regista romano dimostra di saper ancora costruire la tensione con lentezza graduale, che brucia piano negli occhi della protagonista. Resta però l’unico sussulto di un film goffo e claudicante, che sintetizza – e in parte aggrava – i tratti peggiori del cinema argentiano più recente. Il copione risale a una ventina d’anni fa, ma Argento ha deciso di recuperarlo su consiglio della figlia Asia, coinvolta come interprete e produttrice associata. La protagonista è invece Ilenia Pastorelli nel ruolo di Diana, escort di lusso che viene perseguitata da un serial killer di prostitute, e perde la vista durante una fuga in automobile. Costretta ad adattarsi alla sua nuova vita, Diana si prende cura anche del piccolo Chin (Xinyu Zhang), bambino rimasto orfano nello stesso incidente. L’assassino, però, è sempre sulle sue tracce.

Occhiali neri

In un cinema come quello di Argento, dove la coincidenza tra sguardo dello spettatore, sguardo del personaggio e occhio della cinepresa ha spesso un ruolo centrale, la cecità è un tema ricorrente. Accomuna l’anziano enigmista de Il gatto a nove code e il pianista di Suspiria, ma in senso meno letterale coinvolge ogni personaggio incapace di “vedere”, ovvero di cogliere un dettaglio fondamentale per la risoluzione dell’enigma. Pensiamo al Marc Daly di Profondo rosso, che scopre l’identità del killer solo quando si rende conto di averne già scorto il viso riflesso in uno specchio, nelle prime battute del film, scambiandolo per un quadro. È un gioco di sguardi che si incrociano, un invito a superare l’apparenza dell’immagine filmica, per rintracciarne i segreti nascosti in bella vista.

Occhiali neri, dal canto suo, ignora questa stratificazione di senso. La cecità di Diana è solo un vago riferimento alle vecchie ossessioni argentiane, ma non sfida il fruitore a “vedere oltre”. Si potrebbero elencare i limiti della sceneggiatura, le incoerenze logiche della trama, la legnosità didascalica dei dialoghi, eppure i problemi principali sono altrove. Argento gestisce le scene più elementari in modo quasi dilettantesco, con una rigidità che sa di artificioso, e che non può essere giustificata dall’involuzione sociale dei nostri tempi o da uno sguardo critico sul mondo. È semplicemente un’opera farraginosa, sempre a rischio di scivolare nel ridicolo involontario, dove soltanto lo splatter ha un sapore di genuina artigianalità. Il resto è una sequela di scene che sfiorano il grottesco (senza volerlo), con attori spaesati e una colonna sonora di Arnaud Rebotini che cerca disperatamente di imitare i Goblin.

Ma, al di là da questo, forse il più grande limite di Occhiali neri è la sua tendenza a voler declamare tutto, a mostrare tutto. Una resa definitiva nei confronti del banale, e una semplificazione di quel linguaggio che ha reso Argento una leggenda del genere.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

La serie Netflix con Arnold Schwarzenegger ha trovato un regista 23 Maggio 2022 - 21:45

La serie sarà incentrata su un padre e una figlia che scoprono di lavorare entrambi per la CIA dopo molti anni

Giustizia privata: in arrivo un sequel del film con Gerard Butler 23 Maggio 2022 - 21:15

Il sequel sarà scritto dallo stesso sceneggiatore dell'originale, Kurt Wimmer, e prodotto da Gerard Butler

More than I remember: L’anteprima europea ad Annecy 2022 23 Maggio 2022 - 21:09

La storia di Mugeni porta attenzione alla negazione della cittadinanza e alla crisi umanitaria che si sta verificando nel sud-est del Congo

Love, Death & Robots, stagione 3: la recensione (senza spoiler) 21 Maggio 2022 - 9:28

Un terzo giro decisamente più riuscito del secondo: robot, ancora una volta, pochi, morte tanta, amore quel che basta.

She-Hulk, il trailer spiegato a mia nonna 18 Maggio 2022 - 8:43

Finalmente la She-Hulk di Tatiana Maslany in azione e... ma chi sono tutti quei tizi?

Bang Bang Baby, episodi 6-10: una chiusura col botto (no spoiler) 16 Maggio 2022 - 14:45

Sì, anche il secondo blocco di episodi di Bang Bang Baby, la serie di Prime Video, merita assolutamente la visione.