L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Hawkeye – La recensione del quinto episodio

Hawkeye – La recensione del quinto episodio

Di Lorenzo Pedrazzi

La quinta puntata di Hawkeye amplia i confini della narrazione per includere anche Yelena Belova, e spalanca le porte al gran finale della settimana prossima: un episodio preparatorio, quindi, ma non privo di spunti interessanti e rivelazioni fondamentali. Siamo davvero in una nuova era del Marvel Cinematic Universe, come dimostra anche la contemporanea uscita di Spider-Man: No Way Home.

Tra due fuochi

Il ritorno di Yelena (Florence Pugh) permette ai Marvel Studios di riempire una lacuna: scopriamo quindi che la sorella di Natasha è sparita in seguito allo schiocco di Thanos, proprio mentre cercava di liberare un’altra Vedova Nera. Nel presente, Kate (Hailee Steinfeld) viene consolata da sua madre Eleanor (Vera Farmiga) dopo il diverbio con Clint (Jeremy Renner). La donna ascolta il racconto di sua figlia e denuncia Jack (Tony Dalton), che viene arrestato.

Intanto, Clint e Pizza Dog trovano rifugio presso Grills (Clayton English). L’arciere è preoccupato che il misterioso capo di Maya (Alaqua Cox) venga coinvolto nella faccenda, quindi deve fare in fretta. Yelena aspetta Kate nel suo loft, ma non ha intenzioni bellicose: cerca di convincerla che Clint non merita fiducia, e l’avverte di non mettersi in mezzo. La sua missione è di ucciderlo. Fortunatamente Kate non le dà ascolto, perché il suo mentore ha bisogno di lei quando affronta Maya e la Tracksuit Mafia.

Hawkeye

Yelena nel suo ambiente

Ronin, questo il titolo, è incorniciato dalle due uniche scene d’azione dell’episodio, ma la durata contenuta gli permette di conservare un buon ritmo. C’è forse meno introspezione rispetto alle puntate precedenti, anche perché la sceneggiatura di Jenna Noel Frazier ha il compito di dipanare alcuni punti oscuri della trama. Bisogna dire che ci riesce senza scivolare in spiegoni o dialoghi didascalici: ogni rivelazione è infatti ben amalgamata nel racconto, come la scoperta del vero mandante di Yelena. Particolarmente curioso è il confronto tra quest’ultima e Kate, dove la Vedova Nera si comporta in modo amichevole, ma è chiaro che rappresenta una potenziale minaccia. L’intera scena ha qualcosa di snervante, poiché ci cala nel punto di vista di Kate.

L’umorismo è invece affidato alla simpatica scena con i due membri della Tracksuit Mafia, dove scopriamo che Clint ha davvero una freccia per ogni scopo. In tal senso, anche la stessa Florence Pugh è brava a bilanciare i toni, un po’ come aveva già fatto in Black Widow. Il suo inserimento in Hawkeye avviene in modo naturale: parliamo di una serie con gang criminali e assassini, relativamente “terrena”, quindi è il suo mondo. Scopriamo inoltre che la sua visione di Clint non lascia molto scampo. Influenzata dalle menzogne di Valentina Allegra De La Fontaine sulla morte di Natasha, vede Occhio di Falco come un assassino senza scrupoli: paradossale, se detto da una Vedova Nera.

Hawkeye

L’uomo nell’ombra

A restare nella memoria sarà però quell’ultima inquadratura con il capo di Maya, che si rivela essere anche il complice di Eleanor: d’altra parte, l’ambiguità di quest’ultima era palese fin dall’inizio. La (re)introduzione di tale personaggio nel MCU conferma che un certo lato dell’universo narrativo, malavitoso e newyorkese, troverà sempre più spazio nelle serie per Disney+. È chiaro che Hawkeye prepara il terreno per Echo, ma prima dovremo vedere cosa succede nell’ultimo episodio.

Insomma, i Marvel Studios riescono a infilare qualche colpaccio in tutte le loro produzioni, all’insegna di una macro-narrazione seriale e cross-mediale. Non sappiamo quanto “lui” sarà coinvolto nel finale, ma è interessante il fatto che sia un personaggio già noto a Clint, e quindi già radicato nel contesto.

Per il resto, abbiamo scene d’azione solide e molto “fisiche”, girate con la consueta professionalità da Bert & Bertie. Il risultato è un conflitto dove ogni personaggio – mi riferisco a Clint, Maya e Yelena – ha le sue motivazioni, e nessuno sembra avere interamente torto o ragione. Staremo a vedere come si risolverà.

Cliccate qui per vedere Hawkeye su Disney+

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Lasciami entrare: Nick Stahl affiancherà Demián Bichir nella serie 26 Gennaio 2022 - 21:30

La serie Showtime sarà ispirata al romanzo di John Ajvide Lindqvist e al film svedese da esso tratto

Peter Von Kant, il nuovo film di François Ozon, in Italia con Academy Two 26 Gennaio 2022 - 21:00

Il nuovo film di François Ozon con protagonisti Denise Ménochet, Isabelle Adjani e Khalil Gharbia, dal titolo Peter Von Kant, arriverà nelle sale italiane grazie ad Academy Two.

Mortal Kombat: il sequel si farà e sarà scritto dallo sceneggiatore di Moon Knight 26 Gennaio 2022 - 20:30

Toccherà a Jeremy Slater, anche autore di The Umbrella Academy, scrivere Mortal Kombat 2, il sequel del film diretto da Simon McQuoid

The Legend of Vox Machina: che cos’è e com’è nata la nuova serie animata fantasy di Amazon 25 Gennaio 2022 - 12:23

Da Critical Role a The Legend of Vox Machina, la storia di una campagna GdR famosissima e del fenomeno che ha generato.

Hit-Monkey – la recensione senza spoiler: la serie TV Marvel più tarantiniana di sempre 21 Gennaio 2022 - 15:21

Arriva la nuova, esagerata serie animata Marvel: sangue, macachi, Giappone, complotti, katana e vendetta. E un migliaio di proiettili (almeno).

Young Rock: l’infanzia e la giovinezza del futuro presidente Dwayne Johnson, raccontate da The Rock 20 Gennaio 2022 - 15:05

Le nostre impressioni su Young Rock, la sitcom (ora su Sky) in cui Dwayne Johnson racconta la sua vita. E il suo futuro da presidente.