IATSE: un nuovo accordo scongiura lo sciopero delle maestranze del cinema

IATSE: un nuovo accordo scongiura lo sciopero delle maestranze del cinema

Di Marco Triolo

L’inizio dello sciopero nazionale delle maestranze del cinema americano era previsto per domani, lunedì 18 ottobre, ma è stato evitato per un soffio. IATSE, il sindacato delle maestranze, e AMPTP, l’associazione che rappresenta i più importanti produttori di cinema e televisione, inclusi Walt Disney Studios, Warner Bros., Paramount Pictures, Apple, Netflix e Amazon, hanno trovato un accordo per il nuovo contratto nazionale. Questo varrà per 40 mila lavoratori dell’industria del cinema e della TV.

Tutti i principali punti sul tavolo delle trattative sono stati affrontati nella stesura del nuovo contratto, inclusi:

  • un minimo salariale per i lavoratori meno pagati;
  • migliori salari e condizioni di lavoro per lo streaming;
  • periodi di riposo quotidiano di dieci ore senza esclusioni;
  • periodi di riposo di 54 ore nel fine settimana;
  • il Martin Luther King’s Day aggiunto al calendario delle festività;
  • maggiori iniziative per diversità, equità e inclusione.

In particolare, i lavoratori stavano lottando per il weekend, lamentando il fatto che la settimana lavorativa spesso finiva per includere il venerdì e il sabato, conteggiati come un’unica giornata con il nomignolo “Fraturday”. Il nuovo accordo concede alle maestranze un periodo di riposo minimo garantito nel weekend.

Un finale hollywoodiano?

“Questo è un finale hollywoodiano”, ha commentato il presidente IATSE Matthew Loeb. “I nostri membri non hanno ceduto. Siamo tenaci e uniti”. E ha aggiunto:

Siamo andati testa a testa con alcune delle compagnie dell’entertainment e della tecnologia più ricche e potenti al mondo, e alla fine abbiamo raggiunto un accordo con AMPTP che soddisfa i bisogni dei nostri membri.

Non proprio

I membri di IATSE verranno informati in dettaglio dai leader sindacali locali nei prossimi giorni. In seguito si terrà una votazione online che deciderà se approvare o meno l’accordo. Nonostante le parole positive di Loeb, online molti lavoratori stanno già esprimendo il loro dissenso per un accordo che non cambia la sostanza di quanto già era in vigore prima. C’è chi fa notare che dieci ore di riposo significano comunque una giornata di lavoro di quattordici ore, e che quelle dieci ore includono anche il tempo per gli spostamenti in auto da e verso casa. Altri lamentano il fatto che gli attori hanno per contratto un riposo di dodici ore quotidiane nonostante “passino la maggior parte delle loro giornate lavorative seduti nella loro roulotte”. Restiamo in attesa di vedere come andrà la votazione, ma non è così scontato che l’accordo vada in porto.

Fonte: IATSE

LEGGI ANCHE

Jafar Panahi: Il regista iraniano ottiene un rilascio temporaneo dalla prigione 4 Febbraio 2023 - 18:12

Yusef Moulai, l'avvocato di Panahi, ha confermato all'Associated Press che Panahi è stato rilasciato "su cauzione" ed è tornato a casa.

Netflix: Svelate le prime misure contro la condivisione delle password – Update 1 Febbraio 2023 - 18:47

Da ieri, le regole per il blocco dei dispositivi sono state rimosse dal Centro Assistenza, portando alla confusione sui piani della piattaforma.

Annie Wersching, attrice di 24 e The Last of Us, muore a 45 anni 30 Gennaio 2023 - 10:00

L'attrice statunitense Annie Wersching è morta all'età di 45 anni: ecco il ricordo del marito di alcuni colleghi.

Jeremy Renner cercava di salvare il nipote: nuovi dettagli sull’incidente 25 Gennaio 2023 - 20:16

Emergono nuovi dettagli sul grave incidente che ha recentemente coinvolto Jeremy Renner.

The Authority: James Gunn e “il The Boys” del DC Universe 2 Febbraio 2023 - 17:37

Un film su un team di eroi dai metodi estremi, incentrato su una versione gay e cazzutissima di Batman e Superman, e non nato in casa DC.

Ecco chi diavolo sono i Creature Commandos di James Gunn 1 Febbraio 2023 - 15:49

Da dove salta fuori la squadra di soldati sovrannaturali a cui verrà dedicata nel nuovo DC Universe una serie animata su HBO.

The Last of Us, lo struggente terzo episodio si è preso molte licenze rispetto al gioco (e ha fatto benissimo) 30 Gennaio 2023 - 11:11

Con il terzo episodio, la serie di The Last of Us cambia notevolmente la storia e la sorte di alcuni personaggi. E il risultato è struggente.

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI