L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
The Power of the Dog – La recensione del film di Jane Campion da Venezia 78

The Power of the Dog – La recensione del film di Jane Campion da Venezia 78

Di Lorenzo Pedrazzi

Se Top of the Lake era la “resa dei conti” fra i sessi, The Power of the Dog è il film con cui Jane Campion supera la dicotomia uomo/donna per esaminare un conflitto diverso, tutto interiore. Intendiamoci, non è la prima volta che la figura del cowboy subisce una decostruzione di questo tipo: sedici anni fa ci aveva pensato Ang Lee, proprio qui a Venezia, a rileggere il “mito” in termini queer. Ma lo sguardo spietato della cineasta neozelandese penetra nelle contraddizioni più profonde del machismo (ricordate quando fece vestire Harvey Keitel da donna in Holy Smoke?), e realizza un western atipico che si consuma lentamente.

Il punto di partenza è l’omonimo romanzo di Thomas Savage, la cui tematica presta il fianco al discorso della regista. Siamo nel Montana degli anni Venti, e il rude Phil Burbank (Benedict Cumberbatch) gestisce un ranch col fratello George (Jesse Plemons), uomo dal carattere mite e gentile. Quando George sposa la giovane vedova Rose (Kirsten Dunst), a Phil l’idea non va giù, e comincia a torturarla psicologicamente. Fa lo stesso col figlio di lei, Peter (Kodi Smit-McPhee), ragazzo timido che vuole studiare da chirurgo ed è oggetto di scherno da parte dei cowboy che lavorano nel ranch. Ciononostante, Phil nutre anche un crescente interesse per il ragazzo, e decide di insegnarli a cavalcare, come il suo “nume” Bronco Henry aveva fatto con lui molti anni prima.

Non è difficile intuire la carica omoerotica del rapporto tra allievo e insegnante, peraltro disseminata anche nel cameratismo tra cowboy: quando li vediamo giocare nudi in un torrente, tra scherzi “virili” e grasse risate, sappiamo bene dove Jane Campion voglia andare a parare. Il suo merito, però, è di non essere mai didascalica. Non ci sono dialoghi esplicativi, né una narrazione extradiegetica che accompagna lo spettatore: Campion lavora piuttosto sul non detto, sui dettagli rivelatori (ma nascosti), chiamando il pubblico a fare le proprie deduzioni. Per una regista abituata a raccontare storie femminili, The Power of the Dog è il primo film incentrato sulla psicologia maschile, e anche un grande atto d’amore sul corpo di un uomo: il Phil di Benedict Cumberbatch è un personaggio complesso, ultimo di una lunga fila di ruvidi amanti che popolano il suo cinema. Campion accarezza il suo corpo con inquadrature che ne sottolineano la viscerale solitudine, perché Phil può essere davvero sé stesso solo nell’isolamento della natura. E le scene cult, in tal senso, non mancano.

La meravigliosa fotografia di Ari Wegner fa il resto, immergendo i personaggi negli orizzonti sconfinati della Nuova Zelanda (che fa da “controfigura” al Montana) o chiudendoli nella lugubre oscurità degli interni. Al contempo, Campion è abile a valorizzare la silhouette filiforme di Kodi Smit-McPhee in un contesto sociale che celebra la muscolarità, e dove il fisico acerbo del ragazzo pare l’ombra di quello di Phil. Il mito della virilità crolla sotto il peso delle sua stessa fama, rivelandosi una maschera che nasconde nevrosi, ansie sociali, devianze e pulsioni sessuali represse. The Power of the Dog le riporta in superficie, lasciando allo spettatore il compito di ricostruirne i collegamenti psicologici e narrativi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Super Mario Bros. – Chris Pratt la voce Mario, Anya Taylor-Joy sarà Peach 24 Settembre 2021 - 1:00

Chris Pratt doppierà Mario nel lungometraggio animato Super Mario Bros. della Illumination. Nel cast stellare anche Anya Taylor-Joy che presterà la voce a Peach

Acapulco: il trailer della colorata serie con Eugenio Derbez, dall’8 ottobre su Apple TV+ 23 Settembre 2021 - 20:15

Apple ha diffuso il trailer di Acapulco, una nuova serie comica in lingua spagnola e inglese con Eugenio Derbez, in arrivo su Apple TV+ il prossimo 8 ottobre.

È morto Roger Michell, regista di Notting Hill 23 Settembre 2021 - 19:38

Michell aveva 65 anni; la causa della morte non è stata rivelata

Michael Jordan e la storia di Space Jam: tutto era iniziato da Spike Lee (FantaDoc) 23 Settembre 2021 - 18:00

Se Top of the Lake era la “resa dei conti” fra i sessi, The Power of the Dog è il film con cui Jane Campion supera la dicotomia uomo/donna per esaminare un conflitto diverso, tutto interiore. Intendiamoci, non è la prima volta che la figura del cowboy subisce una decostruzione di questo tipo: sedici anni […]

Ms. Marvel – La serie è stata rinviata all’inizio del 2022 23 Settembre 2021 - 12:30

Era ovvio, ma ora la conferma giunge da Variety: Ms. Marvel, inizialmente prevista per la fine dell'anno su Disney+, uscirà all'inizio del 2022.

What If…?, E se Thor fosse stato John Belushi? 22 Settembre 2021 - 15:10

Il settimo episodio di What If...? è Animal House all'asgardiana. No, sul serio.