L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Reservation Dogs di Taika Waititi e Sterlin Harjo: la recensione del primo episodio

Reservation Dogs di Taika Waititi e Sterlin Harjo: la recensione del primo episodio

Di Lorenzo Pedrazzi

I vincitori scrivono la Storia, questo lo sappiamo, ma spesso la voce degli sconfitti offre una visione molto più lucida della realtà, perlomeno quando sono nel giusto. Ora che lo spettro della rappresentazione si è ampliato nelle produzioni statunitensi, Reservation Dogs ci ricorda che lo sguardo dei nativi americani è altrettanto necessario: sono loro, insieme ai discendenti degli schiavi africani, a rappresentare il peccato originale degli Stati Uniti d’America.

L’episodio pilota è stato presentato in anteprima al FeST di Milano, e debutterà il prossimo 13 ottobre su Disney+ come Star Original. La serie nasce infatti da FX Productions, vecchio ramo della Fox dedicato alle produzioni più mature, audaci e “autoriali”. In tal senso, la firma di Taika Waititi e Sterlin Harjo è palese fin dall’inizio: emerge non solo dai toni della narrazione, ma dalla scelta di un determinato punto di vista. Una scelta politica, si potrebbe dire.

Cani da riserva

Elora Danan Postoak (Devery Jacobs), Bear Smallhill (D’Pharaoh Woon-A-Tai), Cheese (Lane Factor) e Willie Jack (Paulina Alexis) sono i Rez Dogs, i migliori ladruncoli in città. Peccato che la “città” sia un piccola riserva dell’Oklahoma rurale, e persino qui la concorrenza non manca. Dopo aver rubato un furgone che trasportava patatine, i quattro amici finiscono nel mirino di una banda rivale – la NDN Mafia – che li bersaglia con armi da paintball, e sono sempre più convinti di volersi trasferire in California. Giusto il tempo di fare qualche altro colpo, e potranno partire.

Gli scrupoli, però, sono dietro l’angolo. Bear scopre che l’autista del furgone ha perso il lavoro, e inoltre ha la visione di un vecchio antenato, morto goffamente nella battaglia di Little Bighorn, che gli consiglia di rigare dritto. Mentre l’agente Big (Zahn McClarnon) li tiene d’occhio, i Rez Dogs devono scegliere quale strada prendere: continuare a commettere crimini, oppure combatterli. Magari entrambe le cose.

Commedia sociale

Considerando i temi e il contesto, Reservation Dogs potrebbe essere tranquillamente un dramma sociale, ma Taika Waititi e Sterlin Harjo hanno piani diversi. L’umorismo paradossale del regista neozelandese si unisce infatti al peculiare sguardo di Harjo, autore Seminole (tribù nativo-americana dell’Oklahoma) che ha raccontato spesso le vite della sua Nazione. Il risultato è brillante, poiché si giova del contrasto fra la comicità delle situazioni e la ruvidità dell’ambiente: le disavventure dei Rez Dogs hanno sempre qualcosa di stralunato, ma affondano le radici in una realtà concreta.

In tal senso, Reservation Dogs ha il pregio di mettere in relazione la spiritualità dei nativi americani con la vita quotidiana, senza scindere i due piani. L’apparizione dell’antenato di Bear, forse la scena più spassosa e memorabile dell’episodio, è esemplare: il mito viene liberato da ogni retorica, ma non perde il suo valore. È una demistificazione che può funzionare solo se proviene dall’interno, da chi appartiene a quella cultura. Harjo “normalizza” ciò che i bianchi vedono come esotico, e lo fa dialogare con il presente. Al contempo, mette in scena un degrado sociale che viene troppo spesso ignorato, lasciando che siano i personaggi stessi a parlarne: nei dialoghi si accenna al diabete e alla depressione come malattie che colpiscono un gran numero di nativi americani, all’insaputa di tutti. In questo scenario, i Rez Dogs vedono la California come un sogno di libertà.

Dalla parte degli ultimi

Pur essendo geograficamente lontano dall’Oklahoma dei nativi, Taika Waititi si dimostra sempre dalla parte degli ultimi, dei reietti, dei colonizzati. In quanto maori, ne sa qualcosa. Il suo lavoro come regista e/o sceneggiatore si sta focalizzando non solo sulle vicende degli oppressi, ma anche sulla coscienza dei colonizzatori (o dei loro discendenti), come si è visto in Thor: Ragnarok. L’umorismo è una forma di reazione, e accomuna le origini di Waititi a quelle di Harjo: entrambe le loro comunità usano l’ironia per combattere il paternalismo occidentale. Reservation Dogs ce ne offre un fulgido esempio, promettendo grandi cose per il resto della stagione.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Mulholland Drive: il capolavoro di David Lynch torna al cinema per il 20° anniversario 17 Ottobre 2021 - 18:00

Mulholland Drive, il capolavoro del 2001 diretto da David Lynch, tornerà nei cinema italiani come evento di tre giorni dal 15 al 17 novembre, grazie alla Cineteca di Bologna.

Wonder Woman 3 confermato al DC FanDome, tornerà Lynda Carter? 17 Ottobre 2021 - 17:00

Patty Jenkins ha confermato Wonder Woman 3 al DC FanDome, mentre Lynda Carter ha lasciato intendere che anche lei ci sarà.

Young Justice: il trailer e i primi quattro minuti della stagione 4 17 Ottobre 2021 - 16:00

La serie animata creata da Brandon Vietti e Greg Weisman torna su HBO Max con i nuovi episodi

Venom 2, e ora? (sì, parliamo del finale e di quello che comporta) – SPOILER 15 Ottobre 2021 - 11:55

Gli scenari che si aprono per quello che succede nel finale del secondo film di Venom.

Masters of the Universe Revelation parte 2: ecco da dove salta fuori quell’He-Man barbarico 13 Ottobre 2021 - 15:16

Le origini dell'He-Man barbaro (che c'è sempre stato) e il suo ruolo nei nuovi episodi di Masters of the Universe: Revelation.

Ted Lasso, la seconda stagione: Richmond fino alla morte 12 Ottobre 2021 - 10:28

Dentro lo spogliatoio della seconda stagione di una serie meravigliosa.