L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Leave No Traces – La recensione del film di Matuszyński da Venezia 78

Leave No Traces – La recensione del film di Matuszyński da Venezia 78

Di Lorenzo Pedrazzi

Grzegorz Przemyk è uno studente che ha appena superato l’esame scritto di maturità, figlio di una nota poetessa. Siamo nella Varsavia del 1983: la legge marziale è stata abolita, e i cittadini possono godere di maggiore libertà. Quando la milizia gli chiede la carta d’identità mentre si trova in centro con l’amico Jurek, il ragazzo sa bene che non è tenuto a esibirla, quindi si rifiuta. Per tutta risposta, gli agenti lo caricano su una camionetta e lo portano in caserma insieme a Jurek, che assiste impotente allo spaventoso pestaggio di Grzegorz da parte dei poliziotti. «Non sulle spalle» dice uno di loro, «colpitelo alla pancia per non lasciare tracce». Ed è proprio ciò che fanno.

Il resto della vicenda è altrettanto familiare, ne abbiamo viste di simili anche in Italia. Grzegorz viene tacciato di essere un ubriacone molesto, un drogato violento, e il pronto soccorso non gli presta le cure adeguate. Quando i medici capiscono la gravità della situazione, ormai è troppo tardi: lo studente muore il giorno successivo in sala operatoria. Jurek ha visto tutto, vuole testimoniare contro la milizia, che però nega le accuse e inventa fantasiosi scenari in cui Grzegorz è stato aggredito dagli infermieri sull’ambulanza. Inizia così un lungo percorso di insabbiamento della verità, con il regime impegnato a distruggere Jurek, la sua famiglia e la madre della vittima. Leave No Traces parte dal romanzo di Cezary Łazarewicz per rendere giustizia a una storia vera, tristemente universale perché ricorre in ogni sistema politico, in ogni nazione del globo. Certo, un governo totalitario agisce in modo ancora più palese, ma le istituzioni tendono sempre a proteggere loro stesse, indipendentemente dal contesto.

Succede anche nel film di Jan P. Matuszyński, dettagliatissima epopea umana e giudiziaria che non spreca un solo istante dei suoi 160 minuti. La durata si rivela utile a ingabbiare lo spettatore nella stessa rete di intrighi che imprigiona Jurek, fatta di menzogne spesso paradossali. Matuszyński ha usato un’espressione molto chiara per descriverla: “kafkiana”. In effetti, l’apparato del regime crea situazioni contorte che sfidano la logica, forzando la realtà ai propri fini. Un incubo istituzionale avvolto nella fotografia granulosa di Kacper Fertacz, perfetta per rievocare l’atmosfera opprimente di quegli anni. Siamo dalle parti del cinema spionistico (non a caso, Leave No Traces dedica molto spazio alle operazioni segrete della polizia per intercettare Jurek o indagare sul suo passato), ma con un fortissimo dato umano al centro della trama.

È una storia frustrante, poiché riflette sul “muro di gomma” che il potere edifica attorno a sé. Il film, peraltro, sa bene come suscitare certi sentimenti nel pubblico, e sceglie le facce giuste nei ruoli giusti: si pensi all’odiosa e grottesca procuratrice interpretata da Aleksandra Konieczna, a cui viene assegnato il caso dopo l’allontanamento di una collega, troppo “simpatizzante” con la vittima. Il vero trionfatore è però Tomasz Zietek nella parte di Jurek, che regala una performance sfumata e sofferta. È anche grazie al suo impegno che Leave No Traces fa così tanta rabbia, e ci stimola a non dimenticare chiunque venga ucciso dai rappresentanti delle istituzioni. Che si chiami Federico Aldrovandi, Stefano Cucchi o Grzegorz Przemyk.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Hypnotic: in partenza il nuovo film di Robert Rodriguez, Hala Finley entra nel cast 17 Settembre 2021 - 20:30

Le riprese partiranno a breve in Texas. Nel cast anche la giovane star di We Can Be Heroes e Man with a Plan

Succession: il trailer ufficiale della Stagione 3 17 Settembre 2021 - 20:17

La terza stagione di Succession farà il suo debutto su HBO il 17 ottobre. Ecco il trailer!

The Morning Show – Tutto ciò che c’è da sapere sulla seconda stagione, da oggi su AppleTV+ 17 Settembre 2021 - 20:10

La seconda stagione di The Morning Show inizia oggi con il primo episodio: ecco alcune informazioni sul nuovo capitolo dello show!

He-Man and the Masters of the Universe, la recensione 16 Settembre 2021 - 9:30

Un godibilissimo remake della storia di He-Man e dei Masters, per ragazzini di ogni età (pure sopra i quaranta, sì).

Guida pratica al mondo di Dune 14 Settembre 2021 - 9:15

Dai film ai videogiochi, da Star Wars a Miyazaki, tutto quello che è nato dal romanzo di Dune (che nessuno voleva pubblicare).

Star Trek, i 55 anni del sogno di Gene Roddenberry 8 Settembre 2021 - 15:51

Cinquantacinque anni fa andava in onda il primo episodio di Star Trek, "la carovana del vecchio West lanciata nello spazio".