L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
La regina degli scacchi: la campionessa Nona Gaprindashvili fa causa a Netflix per diffamazione

La regina degli scacchi: la campionessa Nona Gaprindashvili fa causa a Netflix per diffamazione

Di Marco Triolo

La regina degli scacchi ha appena vinto nove Creative Arts Emmy e si prepara a vincerne altri durante la serata dei Primetime Emmy Awards, ma ora Netflix dovrà anche preoccuparsi di vincere da un’altra parte: in tribunale. La compagnia è stata infatti citata in giudizio da Nona Gaprindashvili, scacchista georgiana che fu una campionessa per l’Unione Sovietica e ora chiede la cifra di 5 milioni di dollari per diffamazione.

L’oggetto del contendere è una battuta che viene pronunciata nel gran finale de La regina degli scacchi, quando Beth Harmon sta disputando una partita contro il campione sovietico Vasily Borgov a Mosca. “L’unica cosa insolita di lei è il suo sesso, davvero, e anche questo non è un’eccezione in Russia”, afferma un commentatore. “C’è Nona Gaprindashvili, ma è la campionessa del mondo femminile e non ha mai affrontato uomini”.

Peccato che non sia vero. Ecco cosa si legge nel testo della causa:

Gaprindashvili è una pioniera tra le scacchiste e un’icona amatissima nel suo paese natale, la Georgia. Nel corso della sua straordinaria carriera, ha vinto molti campionati, battuto alcuni dei migliori scacchisti uomini al mondo ed è stata la prima donna nella storia a raggiungere lo status di grande maestro internazionale di scacchi tra gli uomini.

E prosegue:

Affermare che Gaprindashvili “non ha mai affrontato uomini” è apertamente falso, oltre a essere esageratamente sessista e denigratorio. Entro il 1968, l’anno in cui è ambientato questo episodio, aveva già affrontato almeno 59 scacchisti uomini (28 dei quali simultaneamente in una sola partita), inclusi almeno dieci grandi maestri dell’epoca, tra cui Dragolyub Velimirovich, Svetozar Gligoric, Paul Keres, Bojan Kurajica, Boris Spassky, Viswanathan Anand e Mikhail Tal. Gli ultimi tre furono anche campioni del mondo durante le loro carriere.

La conclusione è un vero scacco matto:

Netflix ha mentito senza vergogna e deliberatamente sui conseguimenti di Gaprindashvili con il facile e cinico obbiettivo di “drammatizzare la storia”, facendo credere che la sua eroina fittizia fosse riuscita a ottenere quello che nessun’altra donna, inclusa Gaprindashvili, avesse ottenuto. Perciò, in una storia che teoricamente avrebbe dovuto ispirare le donne mostrando una giovane donna competere con uomini ai più alti livelli del gioco degli scacchi mondiale, Netflix ha umiliato l’unica vera pioniera che abbia realmente affrontato e sconfitto uomini a livello mondiale nella stessa epoca.

La risposta di Netflix

Netflix non ha tardato a rispondere:

Netflix non ha che il massimo rispetto per Ms. Gaprindashvili e la sua illustre carriera, ma crediamo che questa rivendicazione non abbia merito e ci difenderemo con forza.

Fonte: Deadline

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

John Cena per il regista di Taken nell’action-comedy Freelance 22 Ottobre 2021 - 21:00

Cena sarà un ex soldato delle forze speciali in fuga nella giungla insieme a una giornalista e a un dittatore

Peter Scolari è morto, aveva interpretato il ruolo di Tad Horvath in Girls 22 Ottobre 2021 - 20:23

L’attore Peter Scolari è morto. Aveva 66 anni e da tempo era malato di cancro.

Alec Baldwin rompe il silenzio sulla morte di Halyna Hutchins 22 Ottobre 2021 - 20:15

Il giorno dopo il tragico incidente sul set del western Rust, Alec Baldwin ha finalmente rilasciato una dichiarazione

Uncharted e le vite di Nathan Drake: spiegone veloce per chi non è un videogiocatore 21 Ottobre 2021 - 16:12

(O lo è, ma non ha mai avuto una console Sony in casa negli ultimi 15 anni)

Venom 2, e ora? (sì, parliamo del finale e di quello che comporta) – SPOILER 15 Ottobre 2021 - 11:55

Gli scenari che si aprono per quello che succede nel finale del secondo film di Venom.

Masters of the Universe Revelation parte 2: ecco da dove salta fuori quell’He-Man barbarico 13 Ottobre 2021 - 15:16

Le origini dell'He-Man barbaro (che c'è sempre stato) e il suo ruolo nei nuovi episodi di Masters of the Universe: Revelation.