L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Una risata ci seppellirà: Competencia oficial – La recensione da Venezia

Una risata ci seppellirà: Competencia oficial – La recensione da Venezia

Di Marco Triolo

Dopo Il cittadino illustre, presentato a Venezia nel 2016, la coppia di registi Mariano Cohn e Gastón Duprat torna con una nuova commedia, ancora una volta in concorso al Lido. Competencia oficial è la storia di un imprenditore che, preso da una crisi di tarda età, decide di produrre un film (o, in alternativa, costruire un ponte) per rendere il proprio nome immortale. Non sapendo nulla di cinema, si affida alla regista Lola Cuevas (Penélope Cruz), apprezzata a livello internazionale, per adattare un testo di cui ha acquistato i diritti. Cuevas a sua volta ingaggia due attori di spicco, Iván Torres (Oscar Martínez, premiato con la Coppa Volpi per Il cittadino illustre) e Félix Rivero (Antonio Banderas), nei panni dei due fratelli rivali protagonisti.

Due professionisti agli antipodi: il primo è un attore di stampo teatrale, di grande cultura ma anche con una discreta puzza sotto il naso. Il secondo è invece una star che non disdegna il cinema più commerciale. Il primo è un attore di metodo, che studia approfonditamente i suoi personaggi per capirli e immedesimarsi nei ruoli. Il secondo arriva, “legge le sue battute con autorità”, stacca l’assegno e si gode la vita. È chiaro che tra i due c’è da subito tensione, e Lola Cuevas vorrebbe proprio sfruttare questa. Ma presto le cose sfuggono di mano e i comportamenti infantili si fanno preoccupanti e infine pericolosi.

Competencia oficial prende di mira il mondo del cinema, ma non solo. A partire dall’imprenditore e produttore (José Luis Gómez), il film si fa beffe sia di chi non ha cultura e vorrebbe atteggiarsi a mecenate, sia di chi di cultura ne ha (Torres) eppure la usa male, come piedistallo per giudicare le persone. Non ci sono personaggi positivi nel film, a parte forse la regista di Penélope Cruz, totalmente pazza e anarchica al punto da muoversi al di fuori di queste piccolezze ed essere l’unica figura empatica in un mondo di egoisti immaturi e gretti.

Naturalmente c’è spazio per le idiosincrasie e le manie degli attori, un cliché che funziona sempre e che anche qui è sfruttato piuttosto bene, anche grazie a due interpreti che si mettono in gioco prendendosi in giro. Si ride di gusto in più di un’occasione, tra i battibecchi delle due star e le sempre più folli trappole della regista, che vorrebbe domare l’ego degli attori con delle prove via via più surreali e gustose.

tenc

Peccato che, oltre alla commedia, non ci sia altro in Competencia oficial. La satira sul cinema si ferma a pochi, basilari concetti, concentrandosi principalmente sugli attori, come detto. La satira sociale si limita alla figura dell’imprenditore, che non ci capisce niente di cinema ed è dunque in balia delle decisioni di Lola e dei suoi imprevedibili protagonisti. Di positivo, oltre al fatto che, come abbiamo detto, si ride, c’è una svolta abbastanza cupa che sterza verso uno humour nero quasi catartico.

Ci sono modi ben peggiori di passare due ore al cinema e le gag sono una ragione sufficiente per affrontare Competencia oficial. Ma non aspettatevi chissà quali discorsi originali sulla settima arte: qui c’è posto solo per un’escalation di assurdità che sfocia in un finale cattivo e divertente. Se questo vi basta, è il film per voi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Super Mario Bros. – Chris Pratt la voce Mario, Anya Taylor-Joy sarà Peach 24 Settembre 2021 - 1:00

Chris Pratt doppierà Mario nel lungometraggio animato Super Mario Bros. della Illumination. Nel cast stellare anche Anya Taylor-Joy che presterà la voce a Peach

Acapulco: il trailer della colorata serie con Eugenio Derbez, dall’8 ottobre su Apple TV+ 23 Settembre 2021 - 20:15

Apple ha diffuso il trailer di Acapulco, una nuova serie comica in lingua spagnola e inglese con Eugenio Derbez, in arrivo su Apple TV+ il prossimo 8 ottobre.

È morto Roger Michell, regista di Notting Hill 23 Settembre 2021 - 19:38

Michell aveva 65 anni; la causa della morte non è stata rivelata

Michael Jordan e la storia di Space Jam: tutto era iniziato da Spike Lee (FantaDoc) 23 Settembre 2021 - 18:00

Dopo Il cittadino illustre, presentato a Venezia nel 2016, la coppia di registi Mariano Cohn e Gastón Duprat torna con una nuova commedia, ancora una volta in concorso al Lido. Competencia oficial è la storia di un imprenditore che, preso da una crisi di tarda età, decide di produrre un film (o, in alternativa, costruire […]

Ms. Marvel – La serie è stata rinviata all’inizio del 2022 23 Settembre 2021 - 12:30

Era ovvio, ma ora la conferma giunge da Variety: Ms. Marvel, inizialmente prevista per la fine dell'anno su Disney+, uscirà all'inizio del 2022.

What If…?, E se Thor fosse stato John Belushi? 22 Settembre 2021 - 15:10

Il settimo episodio di What If...? è Animal House all'asgardiana. No, sul serio.