Christopher Nolan e Universal: come è nato il sodalizio e cosa comporta

Christopher Nolan e Universal: come è nato il sodalizio e cosa comporta

Di Marco Triolo

Come abbiamo riportato ieri, Christopher Nolan realizzerà il suo prossimo film, su J. Robert Oppenheimer e la nascita della bomba atomica, con Universal Pictures, dopo quasi vent’anni di sodalizio con Warner Bros. In un nuovo articolo di Variety, scopriamo ora i dettagli dell’accordo e del lungo processo di corteggiamento tra lo studio e il regista.

Come spiega l’articolo, il merito dell’operazione va in larga parte attribuito a Donna Langley, chairwoman di Universal Pictures che si è mossa aggressivamente per convincere Nolan a firmare per lo studio. Universal finanzierà in toto il film, che avrà un budget di 100 milioni di dollari. Una bella cifra per un’opera che, sulla carta, non ha l’appeal commerciale dei precedenti film di Christopher Nolan, ma che necessiterà di costosi effetti visivi.

Un filmmaker esigente

Come sappiamo, Nolan e Warner hanno tagliato i ponti dopo le accuse riversate dal regista contro il suo ex studio, dopo che Warner aveva deciso di distribuire i propri film in contemporanea nelle sale e su HBO Max. “Alcuni dei più grandi filmmaker e delle più importanti star della nostra industria sono andati a letto la sera prima pensando di stare lavorando per il più grande studio cinematografico, e hanno scoperto invece che stavano lavorando per il peggior servizio streaming”. Parole pesanti che non sono passate inosservate presso la dirigenza Warner. Difficile capire chi abbia dato un taglio netto prima, se Warner o Nolan, ma il risultato è sotto gli occhi di tutti. Nolan non aveva un contratto di esclusiva con lo studio e ha potuto dunque decidere come muoversi in totale libertà.

Insieme alla moglie e socia Emma Thomas ha dunque iniziato a tenere una serie di meeting con i rappresentanti dei principali studios hollywoodiani, tra cui Sony, MGM, Paramount e la stessa Warner Bros., nel suo ufficio e persino a casa sua, pur di evitare che la sceneggiatura finisse online. A quanto afferma Variety, gli studios sarebbero stati preoccupati per la scarsa commerciabilità del materiale. Universal infine si sarebbe decisa per via dei precedenti successi di Nolan.

L’accordo

La cosa curiosa è che, dopo essere sfuggito da uno studio “colpevole” di aver violato la finestra di esclusiva nelle sale, Christopher Nolan è finito nelle braccia di uno studio rivale che, nel corso del 2020, ha stretto accordi epocali con le grosse catene di sale americane per ridurre drasticamente la finestra di esclusiva. Con AMC e Cinemark, Universal si è accordata per una finestra di 17 giorni, o 31 in caso di un primo weekend sopra i 50 milioni di dollari. Nel frattempo, Warner ha detto che, dal 2022, i suoi film resteranno nelle sale in esclusiva per 45 giorni. Ma allora qual è il vantaggio?

Semplice: le regole non si applicano a Christopher Nolan. Ovviamente, prima di firmare con Universal, il regista si è assicurato di avere a disposizione una finestra esclusiva più ampia. Variety sostiene che Nolan abbia chiesto una finestra tra 90 e 120 giorni (o almeno 100 secondo The Hollywood Reporter), un’enormità nel mondo post-Covid ma la normalità per il regista fino a Tenet. Si tratta di un’esclusiva più lunga di quella standard prima della pandemia, che andava dai 75 ai 90 giorni (negli Stati Uniti).

Inoltre, nel suo precedente accordo con Warner, Nolan aveva preteso che lo studio non distribuisse nulla nelle tre settimane precedenti e nelle tre successive all’uscita di un suo film. Secondo gli insider di Variety, Nolan ha fatto la stessa richiesta a Universal, ma sembra che lo studio abbia ottenuto meno rigidità su questo punto.

Altre richieste

A quanto pare, Nolan ha chiesto e ottenuto il totale controllo creativo e il final cut (cioè la possibilità di decidere il montaggio finale del film senza intromissioni). Avrà inoltre diritto a una percentuale sugli incassi sin dal primo giorno di uscita (la pratica del first-dollar gross). Nolan ha chiesto il 20%. Infine, ha richiesto 100 milioni di dollari di budget per la campagna marketing.

Il film

Oltre a raccontare la figura di Oppenheimer e il suo ruolo nel Manhattan Project, che avrebbe sviluppato la bomba atomica con cui gli Stati Uniti colpirono il Giappone, il film racconterà anche del successivo ruolo di Oppenheimer nella battaglia per un maggiore controllo delle armi nucleari. E inoltre la sua opposizione allo sviluppo della bomba all’idrogeno. Universal dovrebbe distribuire il film tra la fine del 2023 e il 2024.

LEGGI ANCHE

Il conte di Montecristo: Trailer e poster del film francese con Pierre Niney 4 Marzo 2024 - 17:45

Questa estate arriverà nelle sale francesi il colossal Il conte di Montecristo (Le Comte de Monte-Cristo) diretto da Matthieu Delaporte e Alexandre de la Patellière

Ripley: Andrew Scott è un bugiardo nella serie limitata Netflix, trailer sottotitolato 4 Marzo 2024 - 17:09

Accompagnato dalla canzone "The Great Pretender" arriva il trailer ufficiale di Ripley la nuova serie limitata firmata da Steven Zaillian

Godzilla e Kong – Il nuovo impero, tante scene inedite nei nuovi spot 4 Marzo 2024 - 17:00

I nuovi spot di Godzilla e Kong - Il nuovo impero includono molte scene inedite ambientate a Roma e in Egitto.

Taylor Swift | The Eras Tour (Taylor’s Version): Trailer ufficiale 4 Marzo 2024 - 15:52

Trailer ufficiale del film concerto Taylor Swift | The Eras Tour (Taylor’s Version)

Dune – Parte Due, cosa e chi dovete ricordare prima di vederlo 27 Febbraio 2024 - 11:57

Un bel ripassino dei protagonisti e delle loro storie, se è passato un po' di tempo da quando avete visto Dune.

City Hunter The Movie: Angel Dust, la recensione 19 Febbraio 2024 - 14:50

Da oggi al cinema, per tre giorni, il ritorno di Ryo Saeba e della sua giacca appena uscita da una lavenderia di Miami Vice.

X-Men ’97: che fine ha fatto Xavier (e perché ora c’è Magneto con gli X-Men)? 16 Febbraio 2024 - 10:44

Come si era conclusa la vecchia serie animata degli anni 90? Il Professor Xavier era davvero morto? (No)

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI