L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Titane, la recensione del film che ha trionfato a Cannes

Titane, la recensione del film che ha trionfato a Cannes

Di Andrea D'Addio

È una lei, ma potrebbe essere anche un lui. Parliamo della bambina sui sedili posteriori dell’auto di un papà alla guida sempre più infastidita dal grugnire che la figlia fa appositamente per innervosirlo. Basta un attimo di distrazione ed ecco l’incidente. Si salvano, ma lei dovrà vivere per il resto della sua vita con un pezzo di titanio nel cranio. Stacco: siamo ad un motor show, anni dopo. Con un lungo piano sequenza seguiamo una delle ragazze che poco dopo si strofineranno sulle auto a ritmo di musica per la gioia dei presenti. Ha la stessa ferita della bambina del prologo. In sottofondo c’è Doing it To Death dei The Kills. Ecco i flash, le richieste di autografi, una collega che flirta. Lei sembra distante, si sente a suo agio solo toccando l’auto. Ed infatti, dopo un evento abbastanza cruento che la vedrà protagonista, è proprio all’interno della macchina che cercherà, da sola, ondeggiando e legandosi polsi e gambe che scaricherà la sua adrenalina…

Non andiamo oltre. Raccontare la storia di Titane significa rischiare di rovinarne alcune delle sue impreviste, e in alcuni casi anche avvincenti, svolte narrative. Il film – vincitore a sorpresa della Palma d’Oro del festival di Cannes – è tanto piacevolmente originale nello sviluppo dei suoi personaggi, non solo la protagonista, ma anche Vincent, l’uomo che l’accoglierà in quella che può essere considerata la seconda parte della pellicola, quanto in alcuni casi, purtroppo, poco credibile. Va bene il creare un mondo grottesco fuori dalla realtà, ma in quel contesto tutti devono quantomeno comportarsi in maniera logica. Ed invece non è così. È questo il più importante, se non vero unico difetto di una pellicola altrimenti ricca di trovate visive, capace di rendere una storia horror da una parte una metafora su femminilità e maternità che strizza l’occhio ad Alien, dall’altra una riflessione sui corpi, contenitori di personalità che vorrebbero andare oltre la carne per provare a sentirsi a posto nel mondo.

Con Titane, la regista francese Julia Ducournau, classe 1983 e già vincitrice a Cannes del premio Fipresci con il film d’esordio, Raw – Una cruda verità (2016), dimostra che anche in Europa è possibile l’horror d’autore, che ci sono ancora territori visivi e narrativi da esplorare capaci di strizzare l’occhio tanto all’intrattenimento quanto a chi cerca qualcosa di più impegnato.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il trailer di This is the Night: James DeMonaco lascia The Purge per raccontare l’amore per Rocky III 19 Settembre 2021 - 17:00

Il regista de La notte del giudizio cambia genere per un racconto di formazione ambientato a Staten Island nel 1982, all'uscita di Rocky III

Venom: La furia di Carnage – Nuovi spot con scene inedite 19 Settembre 2021 - 16:00

Sono disponibili tre nuovi spot di Venom: La furia di Carnage che includono varie scene inedite del sequel, in arrivo il 14 ottobre nelle sale italiane.

Megan Fox sarà la villain in una versione aggiornata di Bonnie & Clyde 19 Settembre 2021 - 15:00

L'attrice sarà una malavitosa proprietaria di un ricco casinò preso di mira dai protagonisti. Con lei Tyson Ritter

He-Man and the Masters of the Universe, la recensione 16 Settembre 2021 - 9:30

Un godibilissimo remake della storia di He-Man e dei Masters, per ragazzini di ogni età (pure sopra i quaranta, sì).

Guida pratica al mondo di Dune 14 Settembre 2021 - 9:15

Dai film ai videogiochi, da Star Wars a Miyazaki, tutto quello che è nato dal romanzo di Dune (che nessuno voleva pubblicare).

Star Trek, i 55 anni del sogno di Gene Roddenberry 8 Settembre 2021 - 15:51

Cinquantacinque anni fa andava in onda il primo episodio di Star Trek, "la carovana del vecchio West lanciata nello spazio".