Neill Blomkamp pensa che il suo Alien sia stato cancellato per colpa di Humandroid

Neill Blomkamp pensa che il suo Alien sia stato cancellato per colpa di Humandroid

Di Marco Triolo

Ricordate quando Neill Blomkamp, regista di District 9, era in trattative per dirigere un capitolo di Alien che sarebbe stato una sorta di sequel alternativo di Aliens – Scontro finale? Ricordate anche quei bellissimi stralci di concept art che mostravano Ripley (Sigourney Weaver) e un redivivo Hicks (Michael Biehn)?

Ovviamente ricordate anche la frustrazione provata quando Fox decise di non procedere con quel progetto e di affidare invece a Ridley Scott un sequel di Prometheus, Alien: Covenant. Frustrazione provata anche dal regista in questione, che ha anche un’idea del motivo per cui quel progetto fu infine cassato.

Parlando con The Guardian, in occasione dell’uscita del suo nuovo film Demonic, girato l’anno scorso in Canada durante il lockdown, il regista ammette che probabilmente fu colpa di Humandroid, alias Chappie, il suo terzo film da regista. Quella bizzarra variazione sul tema di Corto Circuito ambientata a Johannesburg, che vedeva il suo attore feticcio Sharlto Copley nei panni di un robot che sviluppa coscienza di sé, probabilmente non andò giù a Ridley Scott.

In effetti, Alien 5 fu annunciato a febbraio 2015. In marzo uscì Humandroid. In ottobre Alien 5 fu cancellato. Blomkamp non è sicuro che sia stato un caso:

È possibile che Ridley abbia visto Humandroid e pensato “Questo tizio non può fare Alien, lasciamo perdere e andiamo avanti”.

Blomkamp è comunque fiero di Humandroid, ma si rende conto che aveva dei problemi e che non riuscì a conquistare il pubblico, e magari uno spettatore importante come il produttore del suo Alien. Il regista spiega anche di esserci rimasto male perché nel progetto era già coinvolta Sigourney Weaver, che lui aveva convinto proprio sul set di Humandroid:

Mi è anche dispiaciuto per Sigourney, perché era davvero entusiasta di quello che avevo proposto. Pensavo che, per gli spettatori che amavano Aliens, ci fosse l’opportunità di fare un altro film con Sigourney in una maniera che avrebbe saziato il gusto del pubblico e il mio. Quello che per me non ha senso è che penso che [il mio film] fosse ciò che il pubblico voleva, perciò è strano perché Fox non si tira mai indietro quando c’è da guadagnare.

Un taglio netto

Neill Blomkamp spiega inoltre di non aver mai più contattato Ridley Scott dopo il fattaccio:

No, no, no, non si torna indietro da una cosa del genere. Non esiste che io lavori a un film per due anni, mi strappino il tappeto da sotto i piedi e poi io mi rifaccia vivo per andare a bere una birra. È esattamente per questo che non voglio più fare nulla che sia basato su proprietà intellettuali altrui.

Da questa dichiarazione si tira subito un attimo indietro:

Se mi proponessero qualcosa di fantastico, organizzato nel modo giusto, non direi di no. Ma in generale, dopo Halo e Alien, sarebbe poco saggio farlo.

Halo e RoboCop Returns

Già, Halo. Tra i progetti mai realizzati di Blomkamp c’è anche un film su celebre videogame Microsoft (oltre a un sequel di RoboCop). Anche quella fu un’esperienza a dir poco frustrante, anche se più breve, in quanto il regista mollò il progetto dopo cinque mesi. Il problema erano, in quel caso, “le meccaniche” di Hollywood, con lo scontro di poteri tra Microsoft, che deteneva il marchio, e Fox e Universal, gli studios che avrebbero dovuto co-produrre. Conflitti che, infine, “portarono all’implosione del progetto”.

Nel caso di RoboCop Returns, Blomkamp rivela di aver mollato il progetto per questioni di tempistiche, e di aver avuto un’esperienza “molto più piacevole” rispetto alle altre.

Dopo l’uscita di Demonic, Neill Blomkamp dovrebbe finalmente lavorare a District 10, il sequel di District 9 che ha in mente da anni. Forse tornando indietro riuscirà a ritrovare l’ispirazione?

LEGGI ANCHE

To Leslie: la nomination ad Andrea Riseborough non verrà revocata 1 Febbraio 2023 - 14:00

Dopo un attento esame, l'Academy ha deciso di non revocare la nomination ad Andrea Riseborough, ma rivedrà le sue linee guida

In attesa di TÁR, il meglio di Cate Blanchett nei suoi 5 film più iconici 1 Febbraio 2023 - 12:00

Ennesima candidatura all’Oscar per l’attrice australiana, da più di due decenni un simbolo della settima arte

Everything Everywhere All at Once: conosciamo le star Michelle Yeoh e Ke Huy Quan 1 Febbraio 2023 - 11:18

La superstar del cinema cinese e l'ex bambino prodigio di Indiana Jones e I Goonies fanno squadra nel cult dei Daniels, che torna in sala il 2 febbraio

Superman – James Gunn parla di Henry Cavill: “È stato preso in giro” 1 Febbraio 2023 - 10:45

James Gunn ha parlato del futuro di Superman nel nuovo DC Universe, ribadendo ancora una volta che non sarà Henry Cavill.

The Last of Us, lo struggente terzo episodio si è preso molte licenze rispetto al gioco (e ha fatto benissimo) 30 Gennaio 2023 - 11:11

Con il terzo episodio, la serie di The Last of Us cambia notevolmente la storia e la sorte di alcuni personaggi. E il risultato è struggente.

The Mandalorian stagione 3, il trailer spiegato a mia nonna 17 Gennaio 2023 - 16:25

Nonna, dai, ti spiego cos'è saltato fuori dal trailer della terza stagione di The Mandalorian e chi è tutta quella gente.

The Last of Us, le differenze tra serie TV e gioco – Episodio 1 16 Gennaio 2023 - 12:29

Quanto sono simili (e quanto diversi) Joel, Ellie e tutti gli altri personaggi di The Last of Us - e le loro storie - rispetto al gioco.

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI