L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Sex Pistols: Johnny Rotten fa causa alla serie di Danny Boyle per impedire l’uso delle musiche

Sex Pistols: Johnny Rotten fa causa alla serie di Danny Boyle per impedire l’uso delle musiche

Di Marco Triolo

Pistol, la serie targata FX che Danny Boyle sta dirigendo a partire dall’autobiografia del chitarrista dei Sex Pistols Steve Jones, ha incontrato un ostacolo non da poco. John Lydon, alias il cantante dei Sex Pistols Johnny Rotten, ha deciso di fare causa agli ex compagni di band Steve Jones e Paul Cook (il batterista) per impedire che le canzoni del gruppo vengano utilizzate nella serie.

Jones e Cook sono invece favorevoli e, a quanto pare, hanno il supporto di Glen Matlock, ex bassista della band, e degli eredi di Sid Vicious, il secondo bassista morto nel 1979.

Lydon ha portato il caso davanti all’Alta Corte di Londra. La tesi del cantante è che la musica dei Sex Pistols non possa essere usata senza la sua approvazione. Jones e Cook invece sostengono che per questo tipo di decisioni sia sufficiente la maggioranza degli ex membri. Nella prima udienza, ieri, l’avvocato di Lydon ha affermato che la serie è “irrispettosa” e che il libro di Jones dipinge Lydon “sotto una luce ostile e poco lusinghiera”.

Il caso proseguirà la prossima settimana. Siamo curiosi di sapere come andrà a finire, anche perché è difficile che il progetto possa proseguire così com’è senza le canzoni della band. Lydon è riuscito in precedenza a impedire che God Save the Queen venisse utilizzata in The Crown, quindi non è detto che non riesca nel suo intento anche stavolta.

Pistol

La serie sarà composta da sei episodi, tutti diretti da Danny Boyle. Il regista sarà anche produttore esecutivo. Pistol è stata scritta da Craig Pearce (Moulin Rouge!, il biopic di Elvis di Baz Luhrmann) e Frank Cottrell Boyce (24 Hour Party People). Toby Wallace (Babyteeth) interpreterà Jones. Maisie Williams di Game of Thrones sarà invece l’icona punk Jordan.

Il resto del cast include Anson Boon (Crawl) nei panni di John Lydon, alias Johnny Rotten. E poi Louis Partridge (Enola Homes) nel ruolo di Sid Vicious, Jacob Slater nei panni di Paul Cook e Fabien Frankel nel ruolo di Glen Matlock. Inoltre, Dylan Llewellyn (Derry Girls) sarà Wally Nightingale, Sydney Chandler (Don’t Worry Darling) sarà Chrissie Hynde ed Emma Appleton (The Witcher) sarà Nancy Spungen. Jones, Boyle e Pearce saranno produttori esecutivi insieme a Gail Lyon, Anita Camarata, Tracey Seaward, Paul Lee e Hope Hartman. Le riprese sono iniziate il 7 marzo.

Fonte: Deadline


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Outer Banks – Un video riassume gli eventi della prima stagione 25 Luglio 2021 - 17:00

In attesa della seconda stagione di Outer Banks, in arrivo il 30 luglio, Netflix ha pubblicato un video che riassume gli eventi della prima.

She-Hulk: Jameela Jamil continua ad allenarsi, svela quanto manca alla fine delle riprese 25 Luglio 2021 - 16:00

Jameela Jamil (alias Titania) svela che le mancano quattro settimane per finire le riprese di She-Hulk, e pubblica una foto dal suo allenamento.

Paranormal Activity – Il reboot è pronto, uscirà quest’anno 25 Luglio 2021 - 15:00

Il reboot di Paranormal Activity è pronto e arriverà nel corso dell'anno. Parola di Jason Blum.

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.