L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Netflix – Aggiunti 1.54 milioni di abbonati nel secondo trimestre, persi 400mila rinnovi in USA e Canada

Netflix – Aggiunti 1.54 milioni di abbonati nel secondo trimestre, persi 400mila rinnovi in USA e Canada

Di Marlen Vazzoler

Martedì Netflix ha annunciato di aver aggiunto 1.54 milioni di nuovi abbonati nel secondo trimestre, superando lievemente le previsioni della compagnia. Dal 2013 non veniva registrato un aumento così basso.

La società prevede di raggiungere 3,5 milioni di clienti da luglio a settembre. Secondo gli analisti intervistati da Refinitiv, Wall Street si aspetta una previsione di 5,5 milioni.
Se le previsioni della piattaforma sugli abbonati si avvereranno, Netflix avrà aggiunto più di 54 milioni di abbonati negli ultimi due anni, un ritmo coerente con le aggiunte annuali risalenti prima della pandemia del COVID-19. La società ha anche sottolineato che la televisione in streaming rappresenta ancora una piccola parte del tempo di visione globale e che il suo servizio è meno maturo al di fuori degli Stati Uniti.

Durante la prima metà dell’anno la piattaforma ha ottenuto 25 milioni di nuovi account, alla fine di giugno Netflix può contare su 209,2 milioni di clienti. Il rapporto della società ha mostrato alcuni segni positivi dal punto di vista del business. Le entrate trimestrali sono aumentate del 19% rispetto all’anno precedente ($7,34 miliardi), confermano le previsioni degli analisti di Wall Street.
Sicuramente ha contribuito l’aumento dell’8% delle entrate medie per utente, ricordiamo che Netflix alla fine dell’anno scorso ha aumentato di nuovo le tariffe degli abbonamenti.

Situazione negli USA

Netflix ha riferito di aver perso circa 430.000 abbonati nel secondo trimestre, solo il suo terzo calo trimestrale in 10 anni. Questo calo è attribuibile al successo della piattaforma: l’azienda ha ora circa 74 milioni di abbonati negli Stati Uniti e in Canada. In altre parole: non c’è molto spazio per crescere in Nord America.

Secondo eMarketer, la quota di Netflix delle entrate statunitensi da abbonamento in streaming video si ridurrà al 30,8% entro la fine del 2021.

Le ripercussioni dei ritardi causati dal covid-19

Siamo inoltre molto lontani dai guadagni pandemici di Netflix nel 2020 che hanno iniziato a scemare nel 2021. Il direttore della ricerca di Parks Associates Steve Nason ha spiegato che il calo di Netflix non è stato scioccante. Nason ha sottolineato che la crescita interna di Netflix era già in ritardo prima che la pandemia desse una scossa all’azienda.

Netflix ha riconosciuto la mancanza di “show tentpole” rilasciati durante il secondo trimestre del 2021, soprattutto rispetto al primo e secondo trimestre del 2020, quando Netflix stava cavalcando il successo di Tiger King.

Nella sua lettera agli azionisti è stato scritto:

“I ritardi di produzione legati al COVID nel 2020 hanno portato a una prima metà del 2021 più leggera che si svilupperà nel corso dell’anno”.

Durante la seconda metà dell’anno sono previsti titoli come La casa di carta Stagione 5 e The Chair degli showrunner di Game of Thrones David Benioff e D.B. Weiss, che dovrebbero incentivare la crescita degli abbonati.

Paul Hardart, un ex dirigente della Warner Bros. e attuale capo del programma Entertainment, Media and Technology alla New York University, ha detto che la mancanza di crescita del servizio non è anche un “grosso problema”, soprattutto se si considera che ora sta affrontando una maggiore concorrenza da servizi come HBO Max, Peacock e Disney+.
Tra la concorrenza e il minor numero di uscite importanti su Netflix, gli abbonati hanno avuto più di un buon motivo per non rinnovare il loro abbonamento a Netflix durante il secondo trimestre – anche se solo per pochi mesi.

Il tasso di abbandono di Netflix è relativamente basso rispetto ai suoi concorrenti, questo è un altro segno che fa presagire la ripresa della piattaforma. Il basso tasso di abbandono di Netflix permette all’azienda di contare su entrate consistenti ($25 miliardi nel 2020) che l’azienda può reinvestire nella programmazione – che alla fine porta alla crescita degli abbonati.
Ha detto Hardart: “Netflix è ancora ben posizionata” nello spazio competitivo dello streaming. “Non sono così allarmato”.

Il gioco

Una cosa che gli analisti e gli investitori guarderanno è la spinta di Netflix nel gioco – dato che lo streamer prevede di includere i giochi come parte del suo canone di abbonamento mensile, senza costi aggiuntivi.

Secondo Brian Frons, l’ex capo della ABC Daytime e attuale professore alla UCLA questa mossa potrebbe rappresentare un cambio gioco: “In definitiva, stanno lottando per l’attenzione della gente” non solo contro gli streamer come Disney+, ma anche i grandi giochi come Fortnite e Roblox.
Offrendo giochi avvincenti, Netflix potrebbe dare agli abbonati un altro motivo per restare nei paraggi – o per far sì che altri abbonati si uniscano all’ovile. Questo sarà particolarmente importante dato che Netflix continua ad espandersi in mercati focalizzati sul gioco come l’Asia.

Fonti The Wrap, Reuters


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Dwayne Johnson e Kevin Feige hanno discusso alcune idee, ma Black Adam ha sempre avuto la precedenza 5 Agosto 2021 - 13:45

Hiram Garcia conferma che Dwayne Johnson e Kevin Feige hanno "flirtato attorno ad alcune idee", ma Black Adam ha sempre avuto la precedenza.

The Crown 5 – Elizabeth Debicki è Diana nella prima foto dal set 5 Agosto 2021 - 12:15

Dal set della quinta stagione di The Crown giunge la prima foto che mostra Elizabeth Debicki nel ruolo di Diana Spencer.

He’s All That: il trailer del remake di Kiss Me, dal 27 agosto su Netflix 5 Agosto 2021 - 11:15

La nuova versine della storia raccontata nel cult anni '90 vedrà un'inversione dei ruoli. Protagonisti Addison Rae e Tanner Buchanan

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.