L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
La Ragazza di Stillwater: la recensione del film con Matt Damon

La Ragazza di Stillwater: la recensione del film con Matt Damon

Di Andrea D'Addio

Bill vive a Stillwater cittadina dell’Oklahoma, fa un po’ quel che capita, soprattutto nell’edilizia. Vive in una grande casa, da solo. Le sere sono sul divano con una birra accanto. È la provincia americana, ma pochi minuti dopo ecco il cambio di scena. Ecco la valigia, un aeroporto, il decollo e l’atterraggio. Siamo a Marsiglia. E lui è andato a trovare la figlia in prigione. È stata condannata per l’omicidio di una sua amica, ma lei si professa innoecente e gli lascia una lettera da consegnare al suo avvocato con dentro un indizio che potrebbe farla uscire di prigione. Al suo legale però il tutto non interessa più. Cosa fare? In Bill non ha mai creduto nessuno, neanche la figlia. È il momento del riscatto. Si mette lui a seguire la pista indicata dalla figlia. Ha bisogno però di giorni, settimane, forse mesi. Si stabilisce in Francia, fa la conoscenza di una madre single e si crea una sorta di equilibrio che persino negli States non aveva. La risoluzione del giallo però è dietro l’angolo….

Avete, se non nel finale, avuto la sensazione di aver già sentito questa storia? È così: i riferimenti al caso dell’omicidio di Meredith Kercher, per quanto mascherati dietro la diversa ambientazione, non l’Italia, ma la Francia, e in alcune svolte narrative, tra cui il finale, sono tanti e ricorrenti tanto che la stessa Knox ha recentemente scritto su Twitter, con l’hashtag #Stillwater: “Perché il mio nome si è legato ad eventi a cui non ho partecipato? Alcune personi continuano a trarre profitto dal mio nome, viso e storia senza il mio consenso”. Ciò non toglie che La ragazza di Stillwater sembra usi l’omicidio di una ragazza più come espediente per parlare di sacrifici e capacità di adattamento delle persone che per offrire una propria, credibile versione di ciò che accadde a Perugia.

Non poteva essere altrimenti: Tom McCarthy è un regista troppo valido, serio e capace per voler rincorrere il sensazionalismo. Il suo è un cinema solido, che va da A a B senza nessuna sbavatura, in grado di dividere perfettamente i tempi narrativi tra dramma e giallo. Lo avevamo visto in Spotlight, con cui vinse gli Oscar per film e regia, lo vediamo altrettanto chiaramente qui.

Non c’è dettaglio fuori posto, tutto è credibile e a suo modo avvincente. È, in definitiva, buon vecchio cinema americano, un po’ alla Eastwood, per intenderci. In questa storia di riscatto e affetti familiari viaggia, sotto traccia, il velato desiderio di raccontare anche volti e resilienza della classe operaia americana, quella della provincia, forse un po’ conservatrice, ma pragmatica, che crede nel fare più che in ogni altra cosa.

Un film così ben fatto non sarebbe stato possibile, al di là della bravura di Tom McCarthy (di cui vi consigliamo anche L’ospite inatteso e Mosse vincenti) senza la bravura di Matt Damon, da anni capace di impersonare al meglio l’uomo qualsiasi statunitense. Abbiamo bisogno di interpretazioni, e film, così.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Box Office Italia: Dune si aggiudica un altro weekend, il migliore da fine febbraio 2020 27 Settembre 2021 - 10:04

Quello che si è appena concluso si è confermato come il migliore weekend del 2021 e il migliore da inizio pandemia. In prima posizione troviamo Dune, seguito da Space Jam: New Legends e Tre Piani.

Big Mouth – La quinta stagione dal 5 novembre su Netflix 27 Settembre 2021 - 9:45

Un poster con Maury svela che la quinta stagione di Big Mouth uscirà il prossimo 5 novembre su Netflix, e "colpirà dove fa male".

The Last of Us – Pedro Pascal e Bella Ramsey sono Joel ed Ellie nella prima foto 27 Settembre 2021 - 8:45

HBO ha svelato la prima foto ufficiale di The Last of Us, adattamento del celebre videogioco targato Naughty Dog: ecco Pedro Pascal e Bella Ramsey nelle vesti di Joel ed Ellie.

Michael Jordan e la storia di Space Jam: tutto era iniziato da Spike Lee (FantaDoc) 23 Settembre 2021 - 18:00

Bill vive a Stillwater cittadina dell’Oklahoma, fa un po’ quel che capita, soprattutto nell’edilizia. Vive in una grande casa, da solo. Le sere sono sul divano con una birra accanto. È la provincia americana, ma pochi minuti dopo ecco il cambio di scena. Ecco la valigia, un aeroporto, il decollo e l’atterraggio. Siamo a Marsiglia. […]

Ms. Marvel – La serie è stata rinviata all’inizio del 2022 23 Settembre 2021 - 12:30

Era ovvio, ma ora la conferma giunge da Variety: Ms. Marvel, inizialmente prevista per la fine dell'anno su Disney+, uscirà all'inizio del 2022.

What If…?, E se Thor fosse stato John Belushi? 22 Settembre 2021 - 15:10

Il settimo episodio di What If...? è Animal House all'asgardiana. No, sul serio.