L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
The Lost Symbol: new entry nel cast della serie tratta da Dan Brown

The Lost Symbol: new entry nel cast della serie tratta da Dan Brown

Di Filippo Magnifico

New entry nel cast di The Lost Symbol, serie basata su Il simbolo perduto di Dan Brown. Nello specifico si tratta di:

  • Raoul Bhaneja nel ruolo di un bidello del Campidoglio, solo all’apparenza innocuo.
  • Sammi Rotibi nel ruolo dell’Agente Adamu, la sua lealtà nei confronti della CIA sarà messa alla prova.
  • Keenan Jolliff nel ruolo di Zachary Solomon, di famiglia ricca ma lasciato in una prigione dal padre dopo che è rimasto coinvolto nel traffico di droga.

I tre attori avranno ruoli ricorrenti.

Il resto del cast

Ashley Zukerman sarà il protagonista, un giovane Robert Langdon che deve risolvere una sequela di enigmi mortali per salvare il suo mentore e fermare un’agghiacciante cospirazione globale.
Nel cast troviamo anche Valorie Curry (Katherine), Eddie Izzard (Peter), Rick Gonzalez (Nunez), Sumalee Montano (Sato) e Beau Knapp (Mal’akh).
The Lost Symbol non ha ancora una data di uscita, ma negli Stati Uniti sarà distribuito su Peacock, la piattaforma on-line della NBC.

Gli autori

Il pilot di The Lost Symbol è stato scritto da Dan Dworkin e Jay Beattle (The Crossing, Scream, American Horror Story), anche produttori esecutivi insieme a Dan Brown, Ron Howard, Brian Glazer, Anna Culp e Samie Falvey di Imagine Television. La produzione sarà curata da CBS Television Studios e Universal Television.

La sinossi del romanzo

Robert Langdon, professore di simbologia ad Harvard, è in viaggio per Washington. E stato convocato d’urgenza dall’amico Peter Solomon, uomo potentissimo affiliato alla massoneria, nonché filantropo, scienziato e storico, per tenere una conferenza al Campidoglio sulle origini esoteriche della capitale americana. Ad attenderlo c’è però un inquietante fanatico che vuole servirsi di lui per svelare un segreto millenario. Langdon intuisce qual è la posta in gioco quando all’interno della Rotonda del Campidoglio viene ritrovato un agghiacciante messaggio: una mano mozzata col pollice e l’indice rivolti verso l’alto. L’anello istoriato con emblemi massonici all’anulare non lascia ombra di dubbio: è la mano destra di Solomon. Langdon scopre di avere solamente poche ore per ritrovare l’amico. Viene così proiettato in un labirinto di tunnel e oscuri templi, dove si perpetuano antichi riti iniziatici. La sua corsa contro il tempo lo costringe a dar fondo a tutta la propria sapienza per decifrare i simboli che i padri fondatori hanno nascosto tra le architetture della città. Fino al sorprendente finale.

Fonte: Deadline


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Alex Kurtzman ha esteso il suo contratto con CBS Studios fino al 2026 1 Agosto 2021 - 19:06

Alex Kurtzman rimarrà a capo dell'universo di Star Trek per altri sei anni, dopo il rinnovo del suo contratto con CBS Studios

Il revival di Criminal Minds su Paramount+ forse non si farà 1 Agosto 2021 - 19:00

Lo ha rivelato su Twitter la star della serie originale Paget Brewster

Stallone ha un nuovo anello fortunato… Expendables 4 si avvicina! 1 Agosto 2021 - 17:00

Il protagonista e creatore del franchise ha postato su Instagram la foto del nuovo anello del suo Barney Ross. Ci siamo?

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.