L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Annecy 2021: Netflix presenta Back to the Outback, Vivo, Centaurworld e Karma’s World

Annecy 2021: Netflix presenta Back to the Outback, Vivo, Centaurworld e Karma’s World

Di Marlen Vazzoler

Nel corso dell’edizione 2021 del Festival di Annecy, seguiremo diversi panel legati alle opere in lavorazione a Netflix. Il primo appuntamento della piattaforma è stato dedicato alle produzioni Kids & Family moderato da James Baxter.

Karma’s World

Chris ‘Ludacris’ Bridges e Halcyon Person hanno presentato Karma’s World una nuova serie musicale per bambini in computer grafica, creata dal rapper americano che copre anche il ruolo di produttore.
La Person descrive la sceneggiatura del primo episodio come:

“Qualcosa che non avevo mai visto prima, sapevo fin da quel primo momento, che sarebbe stato un momento significativo della mia carriera se avrei fatto parte di questa cosa. Credo che quello che mi ha attirata al progetto sia tutto quello che Chris ha menzionato sull’impegno in questo progetto su tutta la linea.
Tutti coloro che hanno partecipato a questo progetto… hanno superato i limiti di quello che è possibile per la televisione per bambini.”

Ha sottolineato l’importanza della diversità sia nella realizzazione della texture dei capelli, sia delle gradazioni del colore della pelle:

Sotto alla guida di Bridges hanno esplorato come creare qualcosa di nuovo e diverso in termini di rappresentazione, sulla famiglia, l’etnia… costruendo un quartiere dal nulla.

Il rapper ha spiegato come la realizzazione di un prodotto per bambini ha influito sul linguaggio usato nello show, fino all’uso di alcune parole nelle canzoni.

In alcuni casi avevano utilizzato dello slang americano, che hanno dovuto sostituire per poter creare un testo adatto a un pubblico internazionale.

La serie composta da 40 episodi da 11 minuti, è indirizzata ai bambini tra i 6-9 anni, e racconta la storia di una ragazza di colore che trova la sua voce e la usa per cambiare il mondo. L’opera si ispira alla figlia maggiore di Bridges, oramai ventenne, che all’epoca aveva sei anni e voleva diventare una cantante come il padre.

La serie è prodotta in partnership con 9 Story e lo studio irlandese Brown Bag Films e Karma’s World Entertainment la compagnia di produzione di Bridges.

Back to the Outback

I registi Clare Knight e Harry Cripps, qui alla loro opera prima, hanno presentato il lungometraggio animato Back to the Outback, dove i più letali animali dell’Australia sono gli eroi del film.

Uno scorpione, un serpente, un ragno e una lucertola fuggono da uno zoo di Sydney e fuggono attraverso il paese fino al selvaggio entroterra australiano dove non verranno più trattati come mostri e potranno finalmente essere se stessi.

Knight descrive la pellicola come una buddy comedy incentrata sul serpente dal cuore d’oro Maddie e un koala di nome Pretty Boy che si rivela un vero e proprio bastardo. Viene preso come ostaggio e lui e Maggie sviluppano questo rapporto conflittuale ma durante il viaggio si rendono conto di cosa è davvero importante: quello che ci accomuna e il nostro carattere.

Uno dei temi principali del film, spiega Clare Knight, è di:

“Non giudicare un libro dalla sua copertina… Penso che sia davvero importante al giorno d’oggi che i personaggi si accettino come belli, indipendentemente dalla forma, colore, genere o da dove provengano.”

e questa pellicola viene presentata come una lettera d’amore verso tutti coloro che si sono sentiti degli emarginati, quelle persone che non erano a loro agio con loro stesse.

Quando hanno presentato il progetto a Netflix, la piattaforma ha chiesto se potevano cambiare il protagonista, perché avere Maddie come personaggio principale sarebbe stato difficile da proporre. Ma i filmaker hanno lottato per averla in quel ruolo.

Mancano tre settimane alla fine dell’animazione, fra poco cominceranno a lavorare al suono, al mixing e alla colonna sonora.

Nella clip presentata al panel è stata mostrata la fuga dei quattro protagonisti e il loro incontro/scontro con Pretty Boy.

Vivo

Kirk Demicco e Carlos Zaragoza hanno presentato Vivo, il lungometraggio animato della Sony Pictures Animation. Demicco ricorda di esser stato introdotto per la prima volta a questo progetto nel 2016.

Per prima cosa ha incontrato Quiara Alegría Hudes, autrice del libretto del musical In the Heights e Lin-Manuel Miranda. Zaragoza è stato subito affascinato dalla presenza della musica latina e di Miranda.

Una delle principali fonti d’ispirazione per questo film sono stati i poster vintage degli anni cinquanta dei Caraibi, e i musical di quegli anni. Sono presenti dieci numeri musicali, ognuno contraddistinto da uno stile d’aniamzione. Carlos è riuscito a realizzare il tutto utilizzando diverse pipeline, fortunatamente meno di dieci, e a riflettere con l’aiuto degli artisti il concetto di musica anche nei design del film.

Non hanno puntato a un background realistico/fotorealistico ma hanno cercato di proporre gli elementi principali dell’Havana, dell’Everglades dove si svolge il cuore della storia e Miami, descritta come l’Havana su steroidi.

Per la realizzazione di Andrés hanno contattato Juan de Marcos González dei Buena Vista Social Club. Inizialmente ha lavorato solo consulente per il film per le scene ambientate a Cuba e in seguito è stato scelto anche come voce di Andrés.

Centaurworld

Megan Nicole Dong e Dominic Bisignano hanno presentato la serie animata Centaurworld. La storia di una cavalla da guerra che viene trasportato magicamente in un mondo musicale ‘alla Muppet’, un road trip musical ambientato in un mondo fantasy/sci-fy.

Dong ha confessato che la sua vita ai tempi delle superiori è stata fonte d’ispirazione. Come asiatica-americana ha ricevuto molta pressione sulla sua carriera scolastica e il suo futuro lavorativo.

L’inserimento, per un disguido si è trovata a frequentare un corso di show choir durante il primo anno, finendo per sentirsi un pesce fuor d’acqua. Alla fine se n’è innamorata ed ha continuato il corso per tutta la durata delle superiori. Questo l’ha portata a creare la storia di un personaggio che cambia in meglio finendo in uno strano ambiente musicale e agli amici che incontra lungo la strada.

Il panel si è concluso con la presentazione del trailer, Centaurworld arriverà in tutto il mondo su Netflix il 30 luglio.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

He’s All That: il trailer del remake di Kiss Me, dal 27 agosto su Netflix 5 Agosto 2021 - 11:15

La nuova versine della storia raccontata nel cult anni '90 vedrà un'inversione dei ruoli. Protagonisti Addison Rae e Tanner Buchanan

Impeachment: American Crime Story, il teaser trailer della serie su Monica Lewinsky 5 Agosto 2021 - 10:30

Beanie Feldstein, Clive Owen e Sarah Paulson interpretano la terza stagione della serie antologica di Ryan Murphy

What If…? – Una featurette con Jeffrey Wright spiega il concept della serie 5 Agosto 2021 - 10:01

È disponibile una featurette in cui Jeffrey Wright - alias Uatu l'Osservatore - ci introduce nel multiverso di What If...?, dall'11 agosto su Disney+.

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.