L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
The 4400: ecco il cast della serie reboot

The 4400: ecco il cast della serie reboot

Di Filippo Magnifico

Come sappiamo, The CW ha ordinato un reboot di The 4400, la serie creata da Scott Peters e René Echevarria e chiusa nel 2007 dopo quattro stagioni.

Il reboot

Nella serie, vedremo 4400 persone sottovalutate, ignorate e marginalizzate, sparite senza lasciare traccia nel corso dell’ultimo secolo, tornare in un istante senza essere invecchiate di un giorno, e senza memoria di quello che è loro accaduto. Mentre il governo corre contro il tempo per analizzare la possibile minaccia che rappresentano, i 4400 devono affrontare il fatto di essere tornati con dei “miglioramenti”, e la sempre più probabile ipotesi che ci sia una ragione dietro la loro sparizione e il loro ritorno.

Il cast

Nel cast della serie troveremo:

  • Joseph David-Jones nel ruolo di Rev Johnson, rampollo di una potente e facoltosa famiglia di chiesa, scomparso negli anni ’90. Pur essendo un uomo di grande fede e compassione, è abituato al potere e prestigio offerti dalla sua posizione. Emergerà come leader naturale dei 4400.
  • Khaliah Johnson nel ruolo di LaDonna, una ragazza di Miami amante delle feste, scomparsa nel giorno del suo ventunesimo compleanno. Nonostante a prima vista sembri viziata e superficiale, finirà per sfruttare pienamente il suo potenziale nascosto, in modi che non si sarebbe mai aspettata.
  • TL Thompson nel ruolo del dottor Andre, medico transgender nella Harlem negli anni ’20. Usa le sue abilità con i 4400 ma ha bisogno di tempo per adattarsi al 2021.
  • Cory Jeacoma nel ruolo di Logan, marito amorevole e padre. La sua moglie, Shanice, è scomparsa improvvisamente nel 2005.
  • Ireon Roach nel ruolo di Keisha, ufficiale per la libertà vigilata che viene chiamata dal governo per rispondere ai 4400.
  • Derrick A. King nel ruolo del reverendo Johnson, cresciuto in una famiglia potente e benestante e scomparso negli anni ’90, diventa naturalmente il leader dei 4400.
  • Autumn Best nel ruolo di Mildred, un’adolescente intelligente degli anni ’70 che non ha idea di come sia arrivata nella Detroit del 2021.

La nuova versione di The 4400 è stata sviluppata dalla produttrice esecutiva di Riverdale, Ariana Jackson, e da Anna Fricke, creatrice del reboot di Walker Texas Ranger (sempre per The CW).

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Black Widow – Nuovi poster per il cinecomic con Scarlet Johansson 12 Giugno 2021 - 21:00

Sono disponibili quattro suggestivi poster di Black Widow targati RealD 3D, Dolby Cinema, Screen X e IMAX. Inoltre, Cate Shortland parla dei riferimenti per il film.

It’a A Sin – Recensione della imperdibile serie LGBTQIA+ inglese divenuta già un cult 12 Giugno 2021 - 20:00

It's a Sin stupisce continuamente e rende di nuovo attuale una pagina di storia troppo raramente ricordata: ecco la nostra recensione della imperdibile (non solo per gli appartenenti al mondo LGBT+) serie inglese!

Loki – Una featurette dedicata al personaggio di Gugu Mbatha-Raw 12 Giugno 2021 - 19:00

La giudice Ravonna Renslayer di Gugu Mbatha-Raw è al centro di una nuova featurette di Loki, i cui episodi escono ogni mercoledì su Disney+.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.