L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Rifkin’s Festival, l’autoanalisi senile di Woody Allen | Recensione

Rifkin’s Festival, l’autoanalisi senile di Woody Allen | Recensione

Di Lorenzo Pedrazzi

C’è una scena de Il settimo sigillo in cui Antonius Block, il cavaliere che sfida a scacchi la Morte, si rammarica del silenzio di Dio. “Lo chiamo e lo invoco, e se Egli non risponde io penso che non esiste” dice Block. La Morte replica che forse le cose stanno proprio così, il divino non esiste, ma il cavaliere non può accettarlo: “Ma allora la vita non è che un vuoto senza fine” dice ancora. “Nessuno può vivere sapendo di dover morire un giorno come cadendo nel nulla senza speranza.”

Il film di Ingmar Bergman è uno dei capolavori citati da Woody Allen in Rifkin’s Festival, forse la più spietata autoanalisi della sua senilità che il regista newyorkese abbia mai fatto. Gli ultimi lavori di Allen oscillano tra opere marginali (Café Society) e film più complessi (La ruota delle meraviglie), ma mai come in questo caso si ha l’impressione di sbirciare direttamente nella sua disillusione matura, sul versante opposto rispetto alla gioventù scanzonata di Un giorno di pioggia a New York. Il protagonista di Rifkin’s Festival – affidato alla grande esperienza di Wallace Shawn – è quindi l’ennesimo “doppio” di Allen, con le sue idiosincrasie e i suoi stessi modelli: Mort Rifkin è infatti un ex professore di cinema che si reca al San Sebastian Film Festival con la moglie Sue (Gina Gershon), ufficio stampa dell’acclamato regista francese Philippe (Louis Garrel). Mentre l’infatuazione di Sue per quest’ultimo diventa sempre più chiara, Mort s’innamora di una dottoressa locale (Elena Anaya) e medita sulla sua vita attraverso i film del passato.

L’aspetto peculiare di Rifkin’s Festival è proprio la rievocazione di alcuni grandi classici (Quarto potere, 8 1/2, Fino all’ultimo respiro, Jules e Jim, Persona, L’angelo sterminatore…) nei sogni e nelle fantasie di Mort, legato al cinema di quei maestri che lo stesso Woody Allen cita spesso nei suoi film. La venerazione del passato accomuna Mort ad altri personaggi alleniani recenti, come i protagonisti di Midnight in Paris e Un giorno di pioggia a New York, ma qui la focalizzazione è proprio sulla Settima Arte: Allen gioca con i suoi numi tutelari per riflettere sui rapporti sentimentali e sui massimi sistemi, contrapposti alle piccole (secondo Mort) questioni socio-politiche di cui si occupa Philippe. Giunto all’età di 85 anni, Allen non è più interessato al presente, e forse non lo è mai stato; al contrario, preferisce concentrarsi su quel trascendente che ha sempre messo in dubbio, e che l’avvicinarsi della fine – speriamo il più tardi possibile – non ha certo reso più verosimile ai suoi occhi scettici.

In fondo, le riflessioni di Mort non sono molto diverse da quelle di Antonius Block, solo più ironiche e disincantate. Il cinema immortale di Fellini, Truffaut, Buñuel e altri grandi lo aiuta a rielaborare ciò che accade nella sua vita, in segmenti paradossali dove la calda fotografia di Vittorio Storaro si irrigidisce nel bianco e nero. Il montaggio e la costruzione delle inquadrature si adeguano al gioco, riproducendo i classici con grande fedeltà: la differenza è che Mort, Sue e gli altri personaggi prendono il posto degli attori originali, dando luogo a una sequela di garbate parodie che frugano nell’immaginario dell’autore. Purtroppo l’espediente diventa ben presto ripetitivo, anche per l’eccessiva meccanicità di una sceneggiatura che, dopo il primo segmento parodistico, rende prevedibili quelli successivi. A connetterle c’è il solito quadrilatero amoroso che Allen ha già proposto in varie occasioni, ma con una malinconia che rimanda ai suoi vecchi capolavori. C’è ben poca autoindulgenza in Rifkin’s Festival: attraverso le parole di Sue e Philippe, Allen critica l’atteggiamento di Mort per deridere sé stesso, con le sue insofferenze e la sua chiusura verso il cinema contemporaneo. Allo stesso tempo, però, si sorride per le frecciatine di quest’uomo pragmatico e goffo, sorta di raisonneur che sembra conoscere la realtà e le sue amarezze meglio degli altri.

Non sarà mai uno dei vertici nella carriera di Allen, eppure Rifkin’s Festival riesce quantomeno a emergere dall’anonimato di certi suoi film recenti. È una finestra spalancata sulla mente del regista, con tanto di narrazione incorniciata da una seduta psicanalitica. La risposta del terapeuta ci viene risparmiata, poiché non è rilevante: da che mondo è mondo, ciò che importa è quello che il paziente racconta, e come lo racconta. Anche per un regista convinto che la psicanalisi sia “un mito tenuto vivo dall’industria dei divani”.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Marsh King’s Daughter: Ben Mendelsohn affianca Daisy Ridley 5 Maggio 2021 - 21:00

Il film, diretto da Neil Burger e tratto da un romanzo di Karen Dionne, arriverà in Italia con Lucky Red

Red Sonja: Hannah John-Kamen protagonista del film! 5 Maggio 2021 - 20:06

Hannah John-Kamen – vista in Ant-Man and the Wasp – sarà la protagonista di Red Sonja.

Blade: Marvel alla ricerca di un regista nero, la produzione rinviata a luglio 2022 5 Maggio 2021 - 19:32

Marvel sta esaminando la stessa lista della Warner per l'assunzione di un regista nero per il cinecomic Blade, con Mahershala Ali

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.

Perché i G.I. Joe come Snake Eyes sono figli della Marvel (e dello SHIELD) 29 Aprile 2021 - 11:53

Storia breve di come Snake Eyes e i G.I. Joe che conosciamo oggi sono stati creati dalla Marvel Comics... e da un incontro casuale in un bagno.