L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Oscar 2021: Le nostre previsioni sui vincitori!

Oscar 2021: Le nostre previsioni sui vincitori!

Di Andrea Suatoni

LEGGI ANCHE: TUTTI I RECORD DELLE NOMINATION 2021

La più lunga stagione degli Oscar fin dalla nascita della manifestazione (a causa del Covid, che ha dilatato i tempi e soprattutto i limiti temporali delle “ammissioni”) sta infine volgendo al termine: nella notte fra il 25 e il 26 Aprile sapremo quali film, attori o artisti si aggiudicheranno le ambitissime statuette della Academy.
Nell’attesa, ecco le nostre previsioni per le principali categorie!

Vi ricordiamo che noi di ScreenWEEK.it seguiremo la Notte degli Oscar sul nostro canale Twitch in diretta a partire dalle 23:45.

Miglior Film

The Father
Judas and the Black Messiah
Mank
Minari
Nomadland
Una donna promettente
Sound of Metal
Il processo ai Chicago 7

Nonostante Mank guidi la classifica dei film nominati con ben 10 nomination all’attivo, è Nomadland (6 nomination) il film che si prevede possa aggiudicarsi il maggior numero di statuette durante la cerimonia 2021 in arrivo. Ed è probabile che fra queste ci sia anche il premio per il Miglior Film: la pellicola di Chloé Zhao porta in scena una Frances McDormand al suo apice, raccontando una storia capace di ribaltare i punti di vista più fermi dello spettatore. Dalla sua inoltre Nomadland ha anche una vittoria nella categoria Miglior Film Drammatico ai Golden Globes (ed è anche stato premiato al Festival di Venezia); i suoi avversari più agguerriti sono Il Processo ai Chicago 7 e Una donna Promettente (quest’ultimo sulla scia di Parasite, il vincitore dello scorso anno, che similmente dosa in un ottimo mix humor nero e problematiche contemporanee).

Miglior Regia

Thomas Vinterberg – Un altro giro
David Fincher – Mank
Lee Isaac Chung – Minari
Chloé Zhao – Nomadland
Emerald Fennell – Una donna promettente

Chloé Zhao si è aggiudicata il premio per la Miglior Regia per il suo Nomadland sia ai Golden Globe, che ai Critics Choice Awards che ancora ai Director Guild Awards. E’ estremamente probabile che questa sequenza di vittorie non venga interrotta dalla Academy: anche secondo noi Chloé Zhao ha altissime possibilità di vittoria. Senza Nomadland nella rosa finale, sia Lee Isaac Chung con Minari che Thomas Vinteberg con Un altro Giro avrebbero potuto avere buone possibilità… ma per il 2021 in realtà la vittoria sembra praticamente scontata.

Carey Mulligan

Migliore Attore protagonista

Riz Ahmed – Sound of Metal
Chadwick Boseman – Ma Rainey’s Black Bottom
Anthony Hopkins – The Father
Gary Oldman – Mank
Steven Yeun – Minari

La straordinaria interpretazione di Chadwick Boseman in Ma Rainey’s Black Bottom molto probabilmente gli varrà una vittoria nella categoria Miglior Attore Protagonista, purtroppo postuma: Boseman è infatti morto lo scorso anno alla giovane età di 43 anni, lasciando i suoi fan con una interpretazione che rappresenta il momento più alto della sua carriera e che merita sicuramente un riconoscimento da parte della Academy. Anche Anthony Hopkins in realtà ha buonissime possibilità di aggiudicarsi la vittoria, grazie alla sua potentissima interpretazione di un uomo affetto da demenza senile in The Father.

Migliore Attrice protagonista

Viola Davis – Ma Rainey’s Black Bottom
Andra Day – The United States vs. Billie Holiday
Vanessa Kirby – Pieces of a Woman
Frances McDormand – Nomadland
Carey Mulligan – Una donna promettente

Più difficile invece individuare una favorita nella categoria dedicata alle protagoniste femminili. Vanessa Kirby lascia senza fiato nella sua difficilissima interpretazione di una donna incapace di elaborare il lutto per la figlia neonata, ed è su di lei, esordiente nel mondo della Academy, che ci azzardiamo a puntare: ma non ci stupiremmo affatto se la vittoria venisse accordata invece a Viola Davis, quasi irriconoscibile sotto il trucco pesante e i chili di troppo di Ma Rainey in Ma Rainey’s Black Bottom, o a Frances McDorman, che come già detto abbiamo apprezzato moltissimo in Nomadland.

Migliore Attore non protagonista

Sacha Baron Cohen – Il processo ai Chicago 7
Daniel Kaluuya – Judas and the Black Messiah
Leslie Odom Jr. – One Night in Miami
Paul Raci – Sound of Metal
LaKeith Stanfield – Judas and the Black Messiah

Daniel Kaluuya, forte di una interpretazione incredibilmente carismatica in Judas and the Black Messiah di Shala King, ha fatto man bassa di premi: si è aggiudicato il premio per Migliore Attore non Protagonista sia ai Golden Globe che agli Screen Actor Guild Awards che ai BAFTA. Difficile credere che anche la Academy non lo premierà con un Oscar; nel qual caso, anche Sasha Baron Cohen per Il Processo ai Chicago 7 e Paul Raci per Sound of Metal potrebbero stupire con una vittoria inaspettata (ma assolutamente non immeritata).

Mank

Migliore Attrice non protagonista

Maria Bakalova – Borat seguito di film cinema
Glenn Close – Elegia americana
Olivia Colman – The Father
Amanda Seyfried – Mank
Youn Yuh-jung – Minari

Il testa a testa nella categoria Migliore Attrice non protagonista è probabilmente quello fra Olivia Colman per The Father e Youn Yuh-jung per Minari: la seconda, forte della vittoria agli Screen Guild Awards, ha probabilmente una leggera probabilità in più di trionfare sull’avversaria.
Nonostante Maria Bakalova abbia visto il suo talento riconosciuto per Borat: Seguito di Film Cinema ai Critics Choice Awards, appare poco probabile che la Academy decida di riservarle una statuetta; sarebbe invece interessante la vittoria di Glenn Close, che si trova ad essere stata nominata per ben 8 volte durante la sua carriera, senza essere mai riuscita ad aggiudicarsi l’ambito premio (se anche quest’anno venisse “snobbata”, entrerebbe di diritto nel libro dei record come l’interprete più nominata nella storia degli Oscar senza mai aver ricevuto una statuetta, a parimerito con Peter O’Toole).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Box Office Francia: One Piece Film Red supera mezzo milione di spettatori nella prima settimana 18 Agosto 2022 - 0:38

Nella prima settimana, dal 10 al 16 agosto, One Piece Film Red è stato visto da 455.871 spettatori, con l'aggiunta dei dati delle anteprime, il film ha superato il mezzo milione di spettatori (575.182 biglietti)

Garfield: Ving Rhames e Nicholas Hoult nel cast del film d’animazione 17 Agosto 2022 - 21:15

Nuovi nomi annunciati nel cast del film d'animazione dedicato al gatto di Jim Davis, interpretato anche da Chris Pratt e Samuel L. Jackson

Elvis: la clip ufficiale di “If I can dream” dal Comeback Special ’68 17 Agosto 2022 - 21:00

Elvis di Baz Luhrmann è un film ricco di strepitosi momenti musicali: ecco la clip ufficiale di "If I can dream" cantata durante il Comeback Special '68.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?

Prey: il film “Predator contro i Comanche”, fortunatamente, fa il suo 3 Agosto 2022 - 18:01

E ci riesce ribaltando in continuazione i concetti di preda e predatore. Le nostre impressioni sul prequel di Predator, in uscita il 5.