L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Mortal Kombat – La fatality di Jax contro Reiko nella nuova clip

Mortal Kombat – La fatality di Jax contro Reiko nella nuova clip

Di Lorenzo Pedrazzi

LEGGI ANCHE: Mortal Kombat potrebbe proseguire con altri tre capitoli

Per rispettare la natura del videogioco, Mortal Kombat ha puntato direttamente alla classificazione Restricted, quindi non lesina in brutalità ed effetti splatter… soprattutto nelle ben note fatality.

La nuova clip, pubblicata in esclusiva da The Game Awards, mostra infatti la sanguinosa mossa finale di Jax (Mehcad Brooks) su Reiko (Nathan Jones), il cui martello non può nulla contro le braccia bioniche del poliziotto. Dopo aver distrutto la sua arma, Jax gli spappola la testa con un doppio schiaffone.

Come sappiamo, il protagonista del film sarà un personaggio inedito chiamato Cole Young (Lewis Tan). Maggiori dettagli nella sinossi ufficiale:

Il lottatore di arti marziali miste Cole Young, abituato a prendere botte per denaro, è ignaro delle sue origini – o del perché l’Imperatore di Outworld Shang Tsung abbia mandato il suo miglior guerriero, Sub-Zero, un criomante sovrannaturale, per dargli la caccia. In apprensione per la salvaguardia della sua famiglia, Cole va alla ricerca di Sonya Blade su suggerimento di Jax, Maggiore delle Forze Speciali che reca lo stesso marchio del drago con cui Cole è nato. Presto, si ritrova al tempio di Lord Raiden, un Dio Antico e protettore di Earthrealm, che garantisce asilo a chiunque porti il marchio. Qui, Cole si allena con gli esperti guerrieri Liu Kang, Kung Lao e il mercenario Kano, mentre si prepara a schierarsi con i più grandi campioni della Terra contro i nemici di Outworld in una grande battaglia per l’universo. Ma riuscirà Cole a sbloccare il suo arcana – l’immenso potere all’interno della sua anima – in tempo non solo per salvare la sua famiglia, ma per fermare Outworld una volta per tutte?

Alla regia c’è l’esordiente Simon McQuoid, mentre la produzione è curata dalla Atomic Monster di James Wan. Vi ricordo che l’uscita americana è attesa per oggi, nelle sale aperte e contemporaneamente su HBO MAX, come tutti i film Warner del 2021. Potrete vedere la clip qui di seguito.

La clip

GUARDA ANCHE:

I primi 7 minuti di Mortal Kombat

Una featurette dedicata all’azione di Mortal Kombat

Lo scontro fra Scorpion e Sub-Zero in una clip

La nuova versione di Techno Syndrome per Mortal Kombat

Una featurette dedicata al cast di Mortal Kombat

Il trailer di Mortal Kombat

Il cast

Nel cast figurano Lewis Tan (Cole Young), Ludi Lin (Liu Kang), Jessica McNamee (Sonya Blade), Josh Lawson (Kano), Joe Taslim (Sub-Zero), Mehcad Brooks (Jackson “Jax” Briggs), Max Huang (Kung Lao), Sisi Stringer (Mileena), Chin Han (Shang Tsung), Hiroyuki Sanada (Scorpion) e Tadanobu Asano (Raiden).

La sceneggiatura

La sceneggiatura è stata scritta da Greg Russo (Highwaymen) e Dave Callaham (Wonder Woman 1984, Shang-Chi), mentre la storia è opera di Oren Uziel (Shimmer Lake, The Cloverfield Paradox) e dello stesso Russo.

Enter the Dragon

Quattro anni fa, James Wan ha citato Enter the Dragon – noto in Italia col titolo I tre dell’operazione Drago – come riferimento del videogioco, e quindi della trama:

La chiave, qui, è cercare di fare le cose nel modo giusto. […] Amo i personaggi. Credo siano molto pittoreschi. È sostanzialmente una rilettura di Enter the Dragon. È una versione fantasy e videoludica di Enter the Dragon.

Già il primo film di Paul W.S. Anderson si rifaceva al cult con Bruce Lee, quindi possiamo immaginare che questo reboot cercherà nuove soluzioni.

La produzione

Alla produzione c’è anche Todd Garner (Non è romantico?, Tag), mentre i produttori esecutivi sono Larry Kasanoff (Mortal Kombat, True Lies), E. Bennett Walsh (Men in Black: International, The Amazing Spider-Man 2), Michael Clear (The Nun, Lights Out) e Sean Robins (Playing With Fire, Tag).

Una saga di grande successo

Mortal Kombat è una saga videoludica di genere picchiaduro, creata nel 1992 da Ed Boon e John Tobias per Midway Games; è divenuta celebre sia per i suoi personaggi coloriti sia per le fatality, sanguinosissime mosse finali con cui un lottatore può uccidere brutalmente l’avversario sconfitto. I capitoli iniziali erano noti anche per la digitalizzazione degli attori in costume, che aumentava il livello di “realismo”.

La saga è stata trasposta in tre lungometraggi (di cui uno animato), un cortometraggio, una serie animata e due serie in live action (la seconda delle quali, Mortal Kombat: Legacy, realizzata da Machinima per il web).

Fonte: ComicBookMovie

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Monsters at Work: Uno sguardo ai nuovi personaggi 12 Maggio 2021 - 19:21

Cutter, Val, Fritz, Duncan e Tylor, i nuovi mostri dipendenti della Monsters Inc. in una nuova immagine della serie animata Monsters at Work

Oxygène: la recensione del thriller sci-fi Netflix con Mélanie Laurent 12 Maggio 2021 - 19:00

Una donna intrappolata in una capsula criogenica con l'ossigeno contato... e un terribile segreto ad attenderla

The Ellen DeGeneres Show chiude dopo 19 anni 12 Maggio 2021 - 18:15

La stagione 19 del celebre talk show americano sarà anche l'ultima, una decisione presa anni fa e rivelata solo ora

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.