L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Cambio di direzione: lo sport come seconda occasione nella nuova serie Disney+

Cambio di direzione: lo sport come seconda occasione nella nuova serie Disney+

Di Marco Triolo

Ci sono poche cose americane quanto il tema della seconda occasione. È una vera e propria ossessione per tanti scrittori, sceneggiatori e registi. E questo perché è innato per gli americani, fa parte del DNA di una nazione nata come seconda occasione per i coloni partiti dalle loro terre e giunti nel nuovo mondo. Di mezzo ci si mette anche il Sogno Americano, l’ideale di una persona in grado di cavarsela da sola e costruirsi la propria fortuna lavorando sodo e partendo dal nulla. Questa scommessa può essere vinta o portare al fallimento, ma c’è sempre la possibilità di rifarsi una vita. This is America.

È con questo spirito che arriva su Disney+ (dal 16 aprile) Cambio di direzione (il cui titolo italiano è ancora più esplicito dell’originale Big Shot). La serie, creata da David E. Kelley (Big Little Lies, The Undoing, Big Sky) e Dean Lorey (Harley Quinn), vede John Stamos nei panni di un allenatore di basket del campionato universitario costretto ad allenare la squadra di un liceo femminile dopo aver dato di matto durante una partita. È una premessa davvero molto classica, vista molte volte sia al cinema che in TV. Ma che, per usare un’espressione forse un po’ abusata, “funziona sempre”.

Specialmente quando di mezzo c’è un cast come quello sfoggiato dalla serie e una scrittura che abbraccia da subito la classicità della premessa senza pretendere di reinventarla. Ma, semplicemente, di aggiornarla al mondo di oggi, in cui inclusività ed eguaglianza sono le parole d’ordine.

La trama di Cambio di direzione

Dopo essere stato estromesso dalla NCAA, il coach Marvyn Korn (John Stamos) ha una seconda possibilità quando gli viene proposto di allenare in un liceo privato d’élite. Qui scopre che con le giocatrici adolescenti serve empatia ed emotività, concetti ben lontani dal suo modo di essere. Solo quando riesce a fare squadra con le sue giocatrici, coach Korn inizia a trasformarsi nella persona che ha sempre desiderato essere. Le ragazze imparano a prendersi maggiormente sul serio, trovando il loro equilibrio sia in campo che fuori.

Il cast

La serie, composta da 10 episodi, ha per protagonisti , oltre a Stamos, Jessalyn Gilsig, Yvette Nicole Brown e Richard Robichaux. Accanto a loro troviamo un gruppo affiatatissimo di giovani attrici e attori, che include Sophia Mitri Schloss, Nell Verlaque, Tiana Le, Monique Green, Tisha Custodio e Cricket Wampler.

Sono queste la varietà e l’inclusività di cui parlavamo sopra: un cast di attrici di diverse etnie, in una serie che piazza il classico pesce fuor d’acqua in un ambiente a lui sconosciuto. Eppure non tutto è come sembra: Korn sarà anche un allenatore duro, insensibile, vecchio stampo, ma ha una figlia adolescente. Apparentemente è molto distante dal mondo in cui viene catapultato, ma sotto sotto non può fare a meno di affezionarsi a queste ragazze che, come sua figlia, devono crescere spesso senza l’aiuto dei genitori. Stamos riesce a gestire la complessità e i conflitti interni del personaggio senza farli trasparire troppo, come si addice a un uomo cresciuto con il mito dell’allenatore inflessibile e cool.

Alla fine dei tre episodi che abbiamo visto in anteprima, la figlia di Marvyn si trasferisce a vivere con lui a San Diego, e da qui la serie dovrebbe definitivamente prendere la strada della riflessione sulla famiglia e sui legami, e come questi siano più importanti della carriera e del prestigio. Se questo fosse il messaggio non ci stupiremmo: siamo più sempre in territori Disney. Ma in Cambio di direzione c’è abbastanza cuore da renderla una serie piacevole, che saprà trovare il suo pubblico.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Godzilla Vs Kong: le nostre interviste al regista e al cast 7 Maggio 2021 - 14:15

Godzilla Vs. Kong è da ieri disponibile per l’acquisto e il noleggio digitale. Ecco le nostre interviste a Rebecca Hall, Eiza González, Demián Bichir e Adam Wingard.

Dave Bautista ha rifiutato un ruolo in The Suicide Squad per Army of The Dead 7 Maggio 2021 - 13:49

Dave Bautista rivela che James Gunn aveva scritto per lui un piccolo ruolo in The Suicide Squad ma ha dovuto rifiutarlo per recitare in Army of the Dead di Zack Snyder

Unknown: una nuova serie horror Amazon da Jonathan Nolan e Lisa Joy 7 Maggio 2021 - 13:30

Una serie antologica tra folklore e true crime, creata da Craig William Macneill e Clay McLeod Chapman

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.

Perché i G.I. Joe come Snake Eyes sono figli della Marvel (e dello SHIELD) 29 Aprile 2021 - 11:53

Storia breve di come Snake Eyes e i G.I. Joe che conosciamo oggi sono stati creati dalla Marvel Comics... e da un incontro casuale in un bagno.