L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Avatar: James Cameron ha quasi licenziato tutti gli sceneggiatori dei sequel

Avatar: James Cameron ha quasi licenziato tutti gli sceneggiatori dei sequel

Di Marco Triolo

Nel corso di The Marianne Williamson Podcast, James Cameron ha raccontato alcuni retroscena della lavorazione dei sequel di Avatar. Rivelando, tra le altre cose, di aver quasi licenziato l’intera squadra di sceneggiatori – tra cui Josh Friedman, Rick Jaffa, Amanda Silver e Shane Salerno – prima ancora che potessero scrivere i film.

Ma non perché sia un despota che voleva che le cose fossero fatte in un certo modo. In realtà, a quando spiega, il regista intendeva solo incentivare gli sceneggiatori a smetterla di pensare da sceneggiatori. Perché, prima di scrivere i film, voleva capire meglio l’essenza di Avatar e cosa avesse funzionato la prima volta, allo scopo di recupare quegli stessi elementi nei sequel:

Quando ho iniziato a scrivere i sequel, all’epoca dovevano essere tre e poi sono diventati quattro, ho messo insieme un gruppo di sceneggiatori e ho detto “Non voglio sentire le idee di nessuno finché non avremo passato un po’ di tempo a capire cosa abbia funzionato nel primo film e perché. Loro insistevano a voler parlare delle nuove storie. Io dicevo “Per ora non lo faremo”. Alla fine ho dovuto minacciare di licenziarli tutti perché stavano facendo quello che fanno gli sceneggiatori, cioè tentare di creare nuove storie. Dissi: “Dobbiamo capire con cosa sia entrato in sintonia il pubblico e proteggerlo, proteggere quella brace e quella fiamma.

A quanto pare, questo processo è andato estremamente in profondità. Il team ha analizzato tre livelli: la trama, il livello spirituale, ovvero “temi come capitalismo, imperialismo, colonialismo, abusi dei diritti umani e disturbo da deficit di natura”, e il livello onirico di Avatar. Ovvero “il bisogno di essere in un certo spazio, in un posto che sia sicuro”, che si trattasse di “volare” o del “senso di libertà ed euforia”, o ancora di essere “nella foresta dove puoi annusare la terra. Era un qualcosa di sensoriale capace di comunicare a un livello molto profondo. Quella era la spiritualità del primo film”. Cameron conclude: “Abbiamo creato e scartato molte storie per il secondo e terzo film, perché erano prive di quel feeling da sogno a occhi aperti”.

L’intervista

Fonte: ThePlaylist

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Bette Midler presa di mira per dei Tweet, accusata di transfobia e razzismo 6 Luglio 2022 - 23:17

Gli ultimi tweet di Bette Midler hanno causato una serie di polemiche, accusata di transfobia, razzismo e d'islamofobia.

Reservation Dogs: il trailer della stagione 2, dal 3 agosto su Hulu 6 Luglio 2022 - 21:15

La serie di Sterlin Harjo e Taika Waititi tornerà ad agosto su FX/Hulu. In attesa della data italiana, ecco il trailer di Reservation Dogs 2

The Munsters: il poster del nuovo film di Rob Zombie 6 Luglio 2022 - 20:30

Rob Zombie porta sul grande schermo The Munsters, la celebre sit-com anni ’60 nota in Italia come I Mostri. Ecco il poster.

Bastard!! L’oscuro dio distruttore: il dark fantasy – heavy metal scostumato 5 Luglio 2022 - 11:02

Dark Schneider è sbarcato su Netflix, con i suoi due punti esclamativi, le battaglie e la follia vintage del dark fantasy heavy metal.

Stranger Things 4: che mi hai portato a fare sulla collina di Kate Bush se non mi vuoi più bene? 2 Luglio 2022 - 15:42

Alcune considerazioni dopo aver visto per quasi quattro ore due episodi di una serie TV: il finale della quarta stagione di Stranger Things.

Come The Umbrella Academy mi ha venduto un’altra apocalisse 2 Luglio 2022 - 9:53

Cosa funziona, cosa no, e cosa mi spinge a restare a bordo del treno di Umbrella Academy, dopo la terza stagione.