L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Avatar: James Cameron ha quasi licenziato tutti gli sceneggiatori dei sequel

Avatar: James Cameron ha quasi licenziato tutti gli sceneggiatori dei sequel

Di Marco Triolo

Nel corso di The Marianne Williamson Podcast, James Cameron ha raccontato alcuni retroscena della lavorazione dei sequel di Avatar. Rivelando, tra le altre cose, di aver quasi licenziato l’intera squadra di sceneggiatori – tra cui Josh Friedman, Rick Jaffa, Amanda Silver e Shane Salerno – prima ancora che potessero scrivere i film.

Ma non perché sia un despota che voleva che le cose fossero fatte in un certo modo. In realtà, a quando spiega, il regista intendeva solo incentivare gli sceneggiatori a smetterla di pensare da sceneggiatori. Perché, prima di scrivere i film, voleva capire meglio l’essenza di Avatar e cosa avesse funzionato la prima volta, allo scopo di recupare quegli stessi elementi nei sequel:

Quando ho iniziato a scrivere i sequel, all’epoca dovevano essere tre e poi sono diventati quattro, ho messo insieme un gruppo di sceneggiatori e ho detto “Non voglio sentire le idee di nessuno finché non avremo passato un po’ di tempo a capire cosa abbia funzionato nel primo film e perché. Loro insistevano a voler parlare delle nuove storie. Io dicevo “Per ora non lo faremo”. Alla fine ho dovuto minacciare di licenziarli tutti perché stavano facendo quello che fanno gli sceneggiatori, cioè tentare di creare nuove storie. Dissi: “Dobbiamo capire con cosa sia entrato in sintonia il pubblico e proteggerlo, proteggere quella brace e quella fiamma.

A quanto pare, questo processo è andato estremamente in profondità. Il team ha analizzato tre livelli: la trama, il livello spirituale, ovvero “temi come capitalismo, imperialismo, colonialismo, abusi dei diritti umani e disturbo da deficit di natura”, e il livello onirico di Avatar. Ovvero “il bisogno di essere in un certo spazio, in un posto che sia sicuro”, che si trattasse di “volare” o del “senso di libertà ed euforia”, o ancora di essere “nella foresta dove puoi annusare la terra. Era un qualcosa di sensoriale capace di comunicare a un livello molto profondo. Quella era la spiritualità del primo film”. Cameron conclude: “Abbiamo creato e scartato molte storie per il secondo e terzo film, perché erano prive di quel feeling da sogno a occhi aperti”.

L’intervista

Fonte: ThePlaylist

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Lord of the Rings: la prima stagione costerà $465M 16 Aprile 2021 - 21:31

La prima stagione di The Lord of the Rings riceverà nuove agevolazioni dalla Nuova Zelanda, il costo delle riprese si aggirerà sui $465M.

Cinema e teatri potrebbero riaprire il 26 aprile nelle zone gialle 16 Aprile 2021 - 20:39

Il Ministro alla Cultura Dario Franceschini ha confermato che a partire dal 26 aprile potranno riaprire nelle zone gialle teatri e cinema. Ma si tratta comunque di uno scenario improbabile.

Kristen Wiig e Annie Mumolo insieme a Disney per un film sulle sorellastre di Cenerentola 16 Aprile 2021 - 20:30

Le sceneggiatrici de Le amiche della sposa racconteranno il classico dal punto di vista di Anastasia e Genoveffa. Produce Will Ferrell

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.

MCU: chi sono e da dove vengono Ayo e le altre Dora Milaje di Wakanda 14 Aprile 2021 - 9:27

Le origini nei fumetti Marvel (e la storia VERA) delle Dora Milaje di Black Panther, riapparse ora in The Falcon and the Winter Soldier.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.