L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
WandaVision: emergono nuovi retroscena sulla serie e sul finale

WandaVision: emergono nuovi retroscena sulla serie e sul finale

Di Filippo Magnifico

Il nono (e ultimo) episodio di WandaVision ha fatto il suo debutto su Disney+ da ormai qualche giorno, dividendo i fan tra favorevoli e contrari (come tutti i finali di serie, del resto).

Il regista Matt Shakman è recentemente intervenuto nel corso del podcast Fatman Beyond di Kevin Smith e Marc Bernardin, svelando alcuni dettagli sulla serie e, soprattutto, sul finale.
Durante la chiacchierata è emerso che la pandemia di Covid-19 ha influito direttamente sulla produzione – che ricordiamo si è ritrovata ad inaugurare ufficialmente la Fase 4 dell’Universo Cinematografico Marvel senza che la cosa fosse prevista – spingendo il regista e gli sceneggiatori a modificare alcune cose in corsa, mentre altre erano invece state stabilite dall’inizio.

Ecco alcuni punti interessanti emersi durante la chiacchierata.

L’inizio con tre episodi

Il piano originale era di debuttare su Disney+ con i primi tre episodi insieme, cosa che aveva un senso, visto l’arco narrativo che coprono. L’idea è stata successivamente scartata, perché a causa della pandemia la fase di post-produzione aveva subìto dei rallentamenti. C’era il rischio di non riuscire a terminare il finale della serie in tempo, ed effettivamente l’episodio è stato ultimato due settimane prima della release. Shakman ha anche ammesso che alcuni effetti presenti nei primi episodi possono risultare bizzarri perché, effettivamente, non sono stati ultimati.

Nessun Reed Richards

Per quanto riguarda la storia dell’ingegnere aerospaziale conosciuto da Monica Rambeau, secondo quanto dichiarato da Shakman non c’era mai stata l’intenzione di introdurre Reed Richards dei Fantastici Quattro. Allo stesso tempo il regista ha ammesso di aver tagliato alcuni dialoghi dopo che le teorie dei fan hanno iniziato ad essere sempre più insistenti.

Quicksilver come il Mandarino di Iron Man 3

Il Quicksilver dell’Universo mutante Fox? A quanto pare non era mai stato preso in considerazione.
Come abbiamo scoperto, nella serie Evan Peters interpreta un “Fake Pietro”: un abitante della vera Westview di nome Ralph Bohner, un attore che sotto l’influsso dei poteri di Agatha ha interpretato il ruolo di Pietro per ingannare Wanda, facendole credere che suo fratello fosse tornato.
Il regista ha paragonato questa rivelazione a quella del finto Mandarino in Iron Man 3, aggiungendo che si tratta della sua parte preferita del film.

WandaVision

Il finale con Señor Scratchy

Nel finale della serie era inoltre previsto un momento in cui Darcy, Monica, Ralph e i piccoli Billy e Tommy univano le forze per rubare il Darkhold. Ne abbiamo parlato in maniera più approfondita in QUESTO ARTICOLO.

Ecco l’episodio di Fatman Beyond con Matt Shakman

La trama di WandaVision

Con Elizabeth Olsen e Paul Bettany, WandaVision è la prima serie dei Marvel Studios in esclusiva streaming su Disney+. La serie unisce la televisione classica e il Marvel Cinematic Universe, in cui Wanda Maximoff e Visione — due individui dotati di superpoteri che vivono esistenze suburbane idealizzate — cominciano a sospettare che non tutto sia come sembra.

Fonte: Murphysmultiverse

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.