L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
La recensione de Il principe cerca figlio: un sequel né carne né pesce

La recensione de Il principe cerca figlio: un sequel né carne né pesce

Di Marco Triolo

È tremenda questa Hollywood, tutta supereroi, remake o sequel fuori tempo massimo di classici che stavano meglio senza sequel. Non lo diciamo noi, lo dice proprio Il principe cerca figlio: verso metà film c’è un dialogo di questo tenore, che ovviamente serve a prendere in giro con autoironia l’operazione, dicendo la cosa che tutti avranno pensato quando il sequel de Il principe cerca moglie è stato annunciato.

Peccato che, in un film come questo, serva più a darsi la zappa sui piedi che altro. Il principe cerca figlio, anziché essere un’eccezione alla regola (come si suggerisce nel già citato dialogo), la conferma in pieno.

Eddie Murphy is My Name

Un po’ di contesto. Nel 1988, all’uscita del film originale, Eddie Murphy era al picco della sua fama. Per lui, Il principe cerca moglie, fu la seconda collaborazione con John Landis dopo Una poltrona per due. Murphy scrisse anche il soggetto del film, per dire quanto il progetto fosse cucito su misura per lui e la sua comicità R-Rated.

Dall’uscita di quel film sono passati più di trent’anni e, nel frattempo, Murphy ha perso molto dello smalto che aveva allora. Dopo aver quasi azzeccato un ritorno più “maturo” con la nomination all’Oscar per Dreamgirls (2006), Murphy ha passato più di un decennio a sopravvivere tra commediole di scarso impatto. Ultimamente, però, ha azzeccato il ruolo di Rudy Ray Moore nel biopic Dolemite is My Name (uscito su Netflix). Murphy deve aver pensato, dunque, che la cosa migliore per capitalizzare su questo passaparola fosse riportare in vita un suo personaggio storico.

Il cast de Il principe cerca figlio

E così eccoci arrivati al ritorno del principe Akeem Joffer di Zamunda, in un film diretto dal regista di Dolemite is My Name, Craig Brewer, alla cui sceneggiatura ha contribuito anche il creatore di Black-ish, Kenya Barris. Murphy è anche produttore e riporta in scena tutti. E quando diciamo tutti, intendiamo proprio TUTTI: Arsenio Hall, Shari Headley, James Earl Jones, Paul Bates, Louie Anderson, John Amos, Vanessa Bell Calloway. Mancano solo la regina di Madge Sinclair (purtroppo scomparsa nel 1995), Eriq LaSalle e Samuel L. Jackson (evidentemente non c’era posto per un rapinatore, stavolta).

A questi si aggiungono una sfilza di nuovi volti tra cui KiKi Layne, nei panni della figlia maggiore di Akeem, Jermaine Fowler nel ruolo del figlio “bastardo” di Akeem, Lavelle, Leslie Jones in quelli della madre di quest’ultimo, e Tracy Morgan, zio di Lavelle. E soprattutto Wesley Snipes nel ruolo del generale Izzi, fratello della promessa sposa di Akeem nel primo film, tornato a “battere cassa” con nuove proposte di unioni combinate. Snipes è chiaramente quello che si diverte più di tutti, ha una mimica esilarante e gioca spesso in un campionato diverso.

La via del cinepanettone

Questo senza nulla togliere a un cast di consumati professionisti, sia chiaro. Ma purtroppo l’operazione Il principe cerca figlio non si può dire riuscita. In primo luogo perché si ride davvero poco. Si sorride ogni tanto, a volte ci si sente a disagio per battute sessiste che erano assenti nell’originale (trent’anni fa!), o per lo meno toccate con più grazia. Forse è anche per via del doppiaggio, che fa i salti mortali per rendere in italiano uno slang afro-americano sempre più complesso, in cui le parole hanno mille sfaccettature a seconda dei contesti e, tradotte nella nostra lingua, si appiattiscono sul peggiore. Ad esempio, “bitch” viene tradotto con “puttana” e suona davvero male, cambia i connotati di una frase che avrebbe voluto essere un po’ scorretta e diventa semplicemente volgare. Come una specie di collasso della funzione d’onda nella fisica quantistica, ma con le parolacce.

Ma non avrebbe senso incolpare il doppiaggio della scarsa riuscita di un film che, più semplicemente, non sa decidersi che strada prendere e infila quella del cinepanettone ripulito. Se da un lato è encomiabile che si sia cercato di non ripetere la struttura del primo, con il grosso del film ambientato a Zamunda e incentrato sulle prove di coraggio dell’erede maschio di Akeem, dall’altro manca la convinzione per andare fino in fondo. A un certo punto, Il principe cerca figlio si ricorda che forse voleva essere una commedia romantica come l’originale, e nell’ultima mezzora ne diventa un veloce riassunto.

Né carne né pesce

C’è anche un altro problema: chiaramente, le star di questo sequel dovevano essere Eddie Murphy e Arsenio Hall. È per loro che il pubblico pagherà (avrebbe pagato) il biglietto (se il film fosse uscito nelle sale). È chiaro che questo film è stato realizzato per un target di quarantenni cresciuti con l’originale, puntando alla nostalgia per i gloriosi anni ’80. Allo stesso tempo, però, Il principe cerca figlio tenta di raccontare l’arco di maturazione di Lavelle, simile a quello del padre nel film originale. Solo che la storia del figlio di Akeem è molto meno interessante, e pare messa lì solo per dare ad Akeem altre gatte da pelare. Ciliegina sulla torta: il film non è R-Rated ma PG-13. È dunque quel tipo di operazione a metà, che vorrebbe puntare a un pubblico più vasto ma finisce invariabilmente per non piacere a nessuno. Nè ai vecchi fan, privati di quell’umorismo adulto che fece la fortuna di Eddie Murphy negli anni ’80, né ai ragazzini, a cui dell’originale non potrebbe fregare di meno.

Qua e là ci si diverte, c’è qualche cameo abbastanza clamoroso e una citazione del “Landisverse” che farà piacere ai fan dell’originale. Ma alla fin fine di questa mezza avventura, mezza rom-com, con una spruzzata di woke e un femminismo all’acqua di rose, resterà ben poco.

Il principe cerca figlio è disponibile su Amazon Prime Video. Leggi anche: tutti i dettagli sulla conferenza stampa di presentazione del film.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

How I Met Your Father: Hulu ordina lo spin-off con Hilary Duff 21 Aprile 2021 - 21:55

Hilary Duff sarà la protagonista e uno dei produttori di How I Met Your Father la serie di dieci episodi ordinata da Hulu

Antoine Fuqua dirigerà un nuovo adattamento de La gatta sul tetto che scotta 21 Aprile 2021 - 21:15

Sarà ispirato al revival teatrale interpretato da un cast di attori afro-americani

The Conjuring – Per ordine del Diavolo: ecco le prime immagini, domani il trailer! 21 Aprile 2021 - 20:41

Domani vedremo il primo trailer di The Conjuring – Per ordine del Diavolo, il terzo capitolo della saga horror creata da James Wan. Intanto ecco le prime immagini.

Guerre fra Galassie (FantaDoc) 21 Aprile 2021 - 16:49

La storia dello Star Wars televisivo giapponese (ma con molti più calci volanti).

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.