L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Calls: su Apple TV+ la serie che si ascolta come un podcast (più o meno)

Calls: su Apple TV+ la serie che si ascolta come un podcast (più o meno)

Di Filippo Magnifico

Da qualche giorno è disponibile su Apple TV+ Calls, un progetto che nell’ubriacatura di titoli particolarmente attesi come The Falcon and the Winter Soldier e Zack Snyder’s Justice League rischia di passare inosservato. Ed è un peccato, perché il suo concept è veramente interessante e per certi versi ricorda quello del nostro podcast La Telefonata (escludendo la componente horror, ovviamente).

Cos’è Calls?

Creata, scritta e diretta da Fede Alvarez – nome dietro titoli come La casa e Man in the Dark – e ispirata all’omonima serie francese, Calls è composta da brevi episodi (dai 13 ai 20 minuti), raccontati interamente attraverso conversazioni telefoniche.
Questo vuol dire che non ci sono set, non ci sono telecamere, non ci sono attori che compaiono sullo schermo. Gli episodi di Calls sono composti principalmente da conversazioni audio, accompagnate da immagini astratte minimali per raccontare delle storie all’insegna del brivido.
Il punto di riferimento sembra essere Ai Confini della Realtà, rivisto però nell’ottica dei podcast o, se vogliamo guardare al passato, dei radiodrammi.
Possiamo avere un assaggio grazie al trailer.

Parlando della serie, che vede la partecipazione di grandi nomi come Nick Jonas, Lily Collins, Pedro Pascal, Rosario Dawson, Clancy Brown e Mark Duplass, il regista ha detto:

L’idea doveva essere abbastanza buona per realizzarci un film, ma l’abbiamo compressa in 10 minuti. E non solo questo, doveva essere perfetta per questo format. Le migliori dovevano essere storie che, se le avessi girate, avrebbero perso la magia. Gran parte di loro funzionano perché non sono state girate in maniera tradizionale. Ci sono alcuni episodi in cui non è del tutto chiaro quello che succede e vederlo avrebbe rovinato la magia.

Questo implica ovviamente, un ruolo attivo da parte dello spettatore, perché la storia si crea principalmente nella sua mente:

Non ci sono parole per descrivere l’esperienza. Si tratta di qualcosa che ti fa scoprire un lato della tua immaginazione che non sapevi esistesse.

Una serie realizzata durante la pandemia, ma non frutto della pandemia

Nonostante il concept, non si tratta di una serie frutto della pandemia. A differenza di altri progetti, l’avanzata del Covid-19 non ha però influito sulla sua produzione:

Ironia della sorte, questa sembra una serie frutto della pandemia, ma non è così. Abbiamo iniziato a svilupparla prima della pandemia e quando stavo per partire con la produzione la pandemia è arrivata e questo ci ha impedito di stare insieme. L’idea era di portare tutti su un palco per lavorare insieme ma quando questo è successo ho pensato “Un momento, se c’è una serie che non sarà bloccata dalla pandemia, è proprio questa”.

I piani iniziali erano altri, ma alla fine Calls è stata realizzata interamente da remoto:

Abbiamo quindi iniziato questa massiccia operazione, inviando a casa di ogni attore un computer, dei microfoni e tutto quello che serviva per registrare. Quando si ascoltano gli episodi si tratta effettivamente di diversi attori, in diverse parti del mondo, che parlano tra di loro. Io ascoltavo e dirigevo tutto da casa.

Fonte: SyFy

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Box Office: Detective Conan: The Scarlet Bullet primo in Cina e in Giappone, incassa $25M nel mondo 17 Aprile 2021 - 21:25

Detective Conan: The Scarlet Bullet debutta in più di 22 paesi nel mondo, al primo posto in Cina e in Giappone. L'incasso globale è di $25 milioni

Il cosmonauta – Anche Carey Mulligan nel film Netflix con Adam Sandler 17 Aprile 2021 - 20:00

Carey Mulligan sarà la protagonista femminile de Il cosmonauta, adattamento dell'omonimo romanzo di Jaroslav Kalfar, realizzato per Netflix.

Non riuscite a dormire? Questa nuova serie Netflix potrebbe aiutarvi! 17 Aprile 2021 - 19:00

A partire dal 28 aprile sarà disponibile su Netflix una nuova serie nata con uno scopo: farvi dormire!

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.

MCU: chi sono e da dove vengono Ayo e le altre Dora Milaje di Wakanda 14 Aprile 2021 - 9:27

Le origini nei fumetti Marvel (e la storia VERA) delle Dora Milaje di Black Panther, riapparse ora in The Falcon and the Winter Soldier.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.