L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Dopo Framing Britney Spears arrivano le scuse di Justin Timberlake

Dopo Framing Britney Spears arrivano le scuse di Justin Timberlake

Di Filippo Magnifico

Negli ultimi giorni si è molto parlato di Framing Britney Spears, il documentario diretto da Samantha Stark e incentrato sulla carriera della famosa pop star.
Un’opera che fa luce sul modo in cui Britney Spears, nel corso della sua carriera, sia stata sfruttata e abusata dal mondo dello star system e che ha contribuito al ritorno del movimento #FreeBritney, supportato da numerose celebrità e associazioni benefiche nazionali.

Ne abbiamo parlato in maniera approfondita in questo articolo, ora siamo qui per parlare di Justin Timberlake. Come molti di voi sicuramente sapranno, il cantante e attore è stato legato a Britney Spears dal 1998 al 2002.
La loro è stata una relazione molto chiacchierata e nel documentario viene messo bene in mostra il modo in cui, una volta finita, sia stata data in pasto ai mass media, che hanno trattato il tutto in maniera particolarmente sessista e misogina, complici anche alcune dichiarazioni rilasciate all’epoca dallo stesso Timberlake.
Ciliegina sulla torta di questo “teatro mediatico” era stata la canzone, “Cry Me a River”, presentata al pubblico come lo sfogo di un uomo tradito dalla donna che amava.

Le scuse di Justin Timberlake

Immancabili le critiche, che pochissimo tempo dopo l’arrivo di Framing Britney Spears sono state lanciate nei confronti Justin Timberlake.
Proprio per questo il cantante ha deciso di rispondere con un messaggio di scuse.

Ho visto i messaggi, i tag, i commenti. E voglio rispondere. Sono enormemente dispiaciuto per tutte quelle volte in cui con le mie azioni ho contribuito al problema, tutte le volte che ho parlato a sproposito, senza dire la cosa giusta. Mi rendo conto di non essere stato all’altezza, sia in quei momenti che in altri, e di aver tratto benefico da un sistema che giustifica la misoginia e il razzismo.

Nel suo messaggio pubblicato su Instagram, Timberlake ha continuato.

Chiedo scusa in particolar modo a Britney Spears e a Janet Jackson, perché voglio bene a queste donne, le rispetto, e so di aver sbagliato.
Sento il bisogno di rispondere in parte anche perché le persone coinvolte meritano di più e, soprattutto, perché è in corso una conversazione più ampia di cui voglio essere parte, crescendo con essa.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il San Diego Comic-Con@Home si terrà dal 23 al 25 luglio 1 Marzo 2021 - 22:28

Questa estate tornerà il San Diego Comic-Con@Home, l'organizzazione sta progettando un mini evento in presenza per novembre, svelate le date del 2022.

La città incantata sbarcherà a teatro, lo spettacolo sarà diretto da John Caird di Les Mis 1 Marzo 2021 - 21:39

Il regista premio Tony e Olivier John Caird dirigerà il primo spettacolo teatrale ispirato a La città incantata di Hayao Miyazaki. Debutterà nel 2022 in Giappone e potrebbe arrivare all'estero

Spike Lee racconterà New York, tra 11 settembre e Covid, in una docuserie HBO 1 Marzo 2021 - 21:30

NYC Epicenters 9/11-2021½ racconterà vent'anni di vita e battaglie nella Grande Mela

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.