L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
WandaVision – Lo spot di Hydra Soak e il suo collegamento con Agents of S.H.I.E.L.D.

WandaVision – Lo spot di Hydra Soak e il suo collegamento con Agents of S.H.I.E.L.D.

Di Lorenzo Pedrazzi

LEGGI ANCHE: La recensione del terzo episodio di WandaVision

Marvel Entertainment ha pubblicato on-line lo spot di Hydra Soak che abbiamo visto in WandaVision, e che cela un collegamento con Agents of S.H.I.E.L.D..

Come sappiamo, ogni puntata della serie è “interrotta” da un finto spot d’epoca che include vari riferimenti al Marvel Cinematic Universe, e questo non fa eccezione; ma, al contrario del tostapane Stark e dell’orologio Strucker, qui le connessioni sono meno evidenti, a parte la citazione dell’Hydra nel nome del prodotto. L’Hydra Soak è un sapone che promette di portarci altrove senza andare da nessuna parte, regalando un po’ di relax a una casalinga stressata.

“Quando vuoi scappare, ma non vuoi andare da nessuna parte” recita lo slogan… proprio lo stesso concetto del Framework, la realtà virtuale che ha giocato un ruolo importante nella quarta stagione di Agents of S.H.I.E.L.D.. In quel mondo alternativo – ma frutto di una simulazione – i protagonisti della serie vivono una versione diversa della loro vita, dove i rispettivi rimpianti sono stati cancellati. Inoltre, l’Hydra ha sconfitto lo S.H.I.E.L.D. e domina il pianeta. Mentre sono intrappolati nel Framework, c’è una scena in cui Coulson rivela a Daisy che l’Hydra commercializza un sapone blu pieno di sostanze chimiche, usato da tutti: le sostanze entrano nel flusso sanguigno e impiantano falsi ricordi, facendo credere alla popolazione di vivere in un “posto magico”.

Insomma, WandaVision cita Agents of S.H.I.E.L.D., ed è una sorpresa se consideriamo i cattivi rapporti che correvano tra Marvel Studios e Marvel Television. Non è nemmeno chiaro se la serie con Coulson e compagni sia considerata “canonica” nel Marvel Cinematic Universe, ma è un simpatico riferimento per i fan.

Cliccate qui per vedere WandaVision su Disney+

WandaVision ha inaugurato la Fase 4 del Marvel Cinematic Universe, dopo i rinvii di Black Widow, Gli Eterni e The Falcon and the Winter Soldier. È composta da 9 puntate, quindi la serie finirà venerdì 5 marzo, con due settimane di anticipo rispetto alla premiere di The Falcon and the Winter Soldier. Il quarto episodio – dal quale ci aspettiamo grandi cose – uscirà venerdì 29 gennaio su Disney+.

Potrete vedere lo spot qui di seguito.

Lo spot

LEGGI ANCHE:

Chi è Geraldine?

I 6 mancanti in WandaVision e i possibili collegamenti con Mefisto

La recensione dei primi due episodi di WandaVision

Una featurette dedicata ai costumi della serie

Come Dick Van Dyke ha aiutato la produzione di WandaVision

Roberto Recchioni recensisce i primi tre episodi di WandaVision

L’apicoltore di WandaVision è [SPOILER]?

La nostra intervista ai protagonisti della serie

Le citazioni e i riferimenti nella premiere

Il backstage di WandaVision

La sinossi ufficiale

Con Elizabeth Olsen e Paul Bettany, WandaVision è la prima serie dei Marvel Studios in esclusiva streaming su Disney+. La serie unisce la televisione classica e il Marvel Cinematic Universe, in cui Wanda Maximoff e Visione — due individui dotati di superpoteri che vivono esistenze suburbane idealizzate — cominciano a sospettare che non tutto sia come sembra.

Il cast

Oltre a Elizabeth Olsen e Paul Bettany, nel cast figurano anche Kat Dennings (Darcy Lewis), Randall Park (Jimmy Woo), Teyonah Parris (Monica Rambeau), Kathryn Hahn (“una vicina ficcanaso”), Emma Caulfield e forse Evan Peters.

Dr. Strange

Pare che la serie sia collegata a Doctor Strange in the Multiverse of Madness, e che sia previsto un cameo dello stesso Stephen Strange (Benedict Cumberbatch).

Showrunner e regista

La serie è stata scritta da Jac Schaeffer, la sceneggiatrice di Captain Marvel e Black Widow.

La regia è stata invece affidata a Matt Shakman, esperto regista televisivo che ha diretto episodi di The Good Wife, Fargo, C’è sempre il sole a Filadelfia, Psych, Revenge, You’re the Worst, Game of Thrones e molte altre serie.

Le prime serie dei Marvel Studios

Per supportare la piattaforma Disney+, la Casa di Topolino spingerà molto sulle serie tv dei Marvel Studios, che inizialmente saranno Loki, WandaVision, The Falcon and the Winter Soldier, Hawkeye, What If…?, She-Hulk, Ms. Marvel e Moon Knight.

Kevin Feige le ha paragonate ai cortometraggi Marvel One Shot, poiché consentiranno di spostare l’attenzione su personaggi che solitamente non hanno un ruolo da protagonisti. Le miniserie oscilleranno tutte fra 6 e 8 episodi.

Fonte: Marvel Entertainment

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

In The Lost Lands – Milla Jovovich e Dave Bautista diretti da Paul W. S. Anderson 3 Marzo 2021 - 22:05

Il racconto di George R R Martin diventa un film, il progetto verrà presentato a Berlino.

The Gray Man: Nel cast Billy Bob Thornton, Alfre Woodard e Regé-Jean Page 3 Marzo 2021 - 21:35

Nuove entrate nel cast del film dei fratelli Russo, le riprese di The Gray Man cominceranno tra due settimane a Los Angeles

Thunder Force: il trailer del film Netflix con Super Octavia Spencer e Super Melissa McCarthy 3 Marzo 2021 - 20:36

Octavia Spencer e Melissa McCarthy sono due supereroine in Thunder Force, commedia d’azione scritta e diretta da Ben Falcone, in arrivo su Netflix il prossimo 9 aprile.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.