L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
È  morto Alberto Grimaldi, produttore di Leone, Pasolini, Scorsese e Fellini

È morto Alberto Grimaldi, produttore di Leone, Pasolini, Scorsese e Fellini

Di Marco Triolo

Alberto Grimaldi, uno dei più prolifici e importanti produttori dell’epoca d’oro del cinema italiano, è morto a 95 anni. Il figlio Maurizio Grimaldi ha confermato la morte, per cause naturali, a Variety.

Dai western al cinema d’autore

Nel corso di quarant’anni di carriera, Alberto Grimaldi ha lavorato con Sergio Leone, Pier Paolo Pasolini, Federico Fellini e Martin Scorsese, producendo sia film d’autore che di genere. Con Leone collaborò per la prima volta nel 1965 per il secondo capitolo della Trilogia del Dollaro, Per qualche dollaro in più. L’anno seguente produsse Il buono, il brutto, il cattivo. In ambito spaghetti western produsse anche titoli storici come La resa dei conti e Faccia a faccia di Sergio Sollima, ed …E poi lo chiamarono il magnifico con Terence Hill.

Grimaldi lavorò con alcuni dei più grandi autori italiani dell’epoca. Con Fellini collaborò a Tre passi nel delirio, Satyricon, Il Casanova e Ginger e Fred. Con Pasolini lavorò a Il Decameron, I racconti di Canterbury, Il fiore delle mille e una notte e Salò o le 120 giornate di Sodoma. Con Bernardo Bertolucci a Ultimo tango a Parigi e Novecento.

Scorsese e gli altri

Alberto Grimaldi collaborò inoltre con Martin Scorsese (Gangs of New York), Francesco Rosi (Cadaveri eccellenti), Elio Petri (Un tranquillo posto di campagna), Claude Lelouch (La vita, l’amore, la morte), Billy Wilder (Che cosa è successo tra mio padre e tua madre?), Arthur Hiller (L’uomo della Mancha) e Gillo Pontecorvo (Queimada).

Nato a Napoli nel 1925, nel 1961 Grimaldi fondò la compagnia Produzioni Europee Associati (P.E.A.), attiva fino ai primi anni ’80 e specializzata nella produzione di film di genere low budget, spesso co-prodotti con la Spagna e la Germania Ovest. Nonostante la lunga e illustre carriera, Alberto Grimaldi fu candidato all’Oscar una sola volta, nel 2003, per Gangs of New York.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Night Teeth: Megan Fox è una vampira nel trailer del film Netflix 22 Settembre 2021 - 21:30

La storia di uno studente universitario che si ritrova a fare da autista a due vampire nel corso di una folle notte...

Lasciami entrare: Showtime ordina la serie con Demián Bichir 22 Settembre 2021 - 20:45

La serie, ispirata al romanzo di John Ajvide Lindqvist e al film da esso tratto, si girerà a New York a partire da inizio 2022

Y: L’Ultimo Uomo – Tutto ciò che c’è da sapere sulla serie 22 Settembre 2021 - 20:30

Y: The Last Man è arrivata su Disney+: ecco alcune informazioni sulla serie tratta dal fumetto di Brian K. Vaughn!

What If…?, E se Thor fosse stato John Belushi? 22 Settembre 2021 - 15:10

Il settimo episodio di What If...? è Animal House all'asgardiana. No, sul serio.

Star Wars: Visions, la recensione 21 Settembre 2021 - 18:00

In un Giappone vicino vicino: arrivano su Disney+ i corti anime di Star Wars.

He-Man and the Masters of the Universe, la recensione 16 Settembre 2021 - 9:30

Un godibilissimo remake della storia di He-Man e dei Masters, per ragazzini di ogni età (pure sopra i quaranta, sì).