L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Jim Parsons e il casting degli attori eterosessuali in ruoli gay

Jim Parsons e il casting degli attori eterosessuali in ruoli gay

Di Marlen Vazzoler

Jim Parsons, noto particolarmente per il ruolo di Sheldon Cooper nella sitcom The Big Bang Theory (2007–2019), ha deciso di diventare un attore quando aveva solo sei anni, ma è stato il ruolo di una donna nello spettacolo teatrale di Charles Busch, durante il college a liberarlo dai dubbi che lo attanagliavano.

Parsons ha recentemente detto al LA Times:

“Quando studiavo teatro a scuola, non ero preoccupato di fare coming out. Ero più preoccupato che a un livello più piccolo, sarei sempre sembrato gay in ogni ruolo che avessi interpretato.

Questo è stato qualcosa che mi ha trattenuto. Ma quando ho recitato in drag nella commedia di Busch, ho sentito di aver ricevuto una concessione e non dovevo preoccuparmi di apparire gay.
Una volta assaporato quel livello di libertà, non si può davvero tornare indietro.”

L’implosione della carriera di Ellen DeGeneres, quando l’attrice ha fatto coming out nel 1997, è stato un momento fondamentale nella vita dell’attore che ha deciso di fare coming out molti anni dopo, nel 2012 quando stava interpretando a teatro The Normal Heart di Larry Kramer.

La sua carriera non ha subito ripercussioni e Parsons ha continuato a recitare in una serie di progetti interessanti, da Dallas Buyers Club a Wish I Was Here, da Il diritto di contare ad A Kid Like Jake fino a The Boys in the Band.

Ruoli aperti a tutti

In questi anni si è molto dibattuto sul casting degli attori, in merito all’etnia dei loro personaggi, al loro genere sessuale o ai loro orientamenti sessuali.

Parlando in merito del dibattito sul casting di attori eterosessuali per personaggi LGTBQ, l’attore ha spiegato che vorrebbe delle rappresentazioni ‘a tutto tondo’ dei personaggi gay e che i ruoli dovrebbero essere aperti a tutti:

“C’è sicuramente questo panorama: credo che la lotta, per così dire, non riguardi solo le persone gay che interpretano i ruoli gay, ma garantire che tutti i ruoli siano aperti a tutti gli attori.

È importante che i personaggi gay siano rappresentati come individui a tutto tondo e completamente umani. E ci sono molti attori eterosessuali che hanno interpretato brillantemente personaggi gay.

Penso che Brokeback Mountain sia una delle più toccanti storie d’amore e film gay che abbia mai visto, e quei due attori etero [Heath Ledger e Jake Gyllenhaal] sono stati la scelta migliore per quei ruoli”.

Fonte LATimes


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Julia Butters da C’era una volta a Hollywood al biopic di Spielberg 16 Giugno 2021 - 10:30

L'attrice, attualmente impegnata sul set di The Gray Man dei fratelli Russo, sarà la sorella del protagonista, ispirato a Steven Spielberg

Morbius farà parte del MCU? Secondo Tyrese Gibson sì, ma la Sony smentisce 16 Giugno 2021 - 10:09

Nelle ultime ore Morbius, il cinecomic con Jared Leto basato sull’omonimo vampiro della Marvel, è tornato alla ribalta.

Bullet Train – Sony fissa l’uscita americana per aprile 2022 16 Giugno 2021 - 9:45

Bullet Train, l'atteso action di David Leitch con Brad Pitt e altre star, uscirà l'8 aprile 2022 nelle sale americane, stesso giorno di Sonic 2 e The Northman.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.