L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Giappone: Tokyo dichiara nuovo stato di emergenza, cinema a capienza ridotta, eventi cancellati e rimandati

Giappone: Tokyo dichiara nuovo stato di emergenza, cinema a capienza ridotta, eventi cancellati e rimandati

Di Marlen Vazzoler

LEGGI ANCHE: Box Office Giappone – Demon Slayer supera i ¥35 miliardi, visto dal 20% della popolazione

Nella giornata di giovedì sono stati registrati 7000 nuovi casi di covid-19 in Giappone, saliti in serata a 7,490 riporta NHK, superando il precedente record registrato mercoledì di 6000 casi.

A Tokyo il numero giornaliero è di 2447 casi, per la prima volta è stata superata la soglia dei 2000 contagiati. Record giornalieri registrato anche nella prefettura di Chiba (450), Kanagawa (679) e Saitama (460). Altre prefetture ha registrato record giornalieri.

Secondo stato di emergenza

Il primo ministro Yoshihide Suga ha dichiarato un nuovo stato di emergenza per Tokyo e le tre vicine prefetture: Kanagawa, Chiba, Saitama, dall’8 gennaio fino al 7 febbraio.

Alle aziende è stato chiesto di ridurre gli orari di apertura e di chiudere entro le ore 20. L’ottemperanza è volontaria a causa delle restrizioni su delle misure più rigorose imposte dalla Costituzione giapponese. Ma ci si aspetta un’aderenza da parte della maggior parte delle aziende.

Scuole e negozi rimarranno aperti.

I cinema

Le catena cinematografiche TOHO, Aeon, United e Shochiku hanno annunciato che a partire da venerdì non sarà più possibile comprare biglietti in prevendita. Venderanno solamente biglietti giornalieri, alcune proiezioni speciali sono escluse. Sabato la catena Sunshine aveva annunciato simili restrizioni.

Nelle quattro prefetture è stato inoltre richiesto di abbassare la capacità delle sale, probabilmente al 50%. Ricordiamo che le sale di queste prefetture coprono circa il 75/80% del box office giapponese.

Come reagirà il box office?

Ricordiamo che i cinema sono stati riaperti a livello nazionale lo scorso giugno da luglio sono passati a capacità ridotta (50%) fino a settembre, e in alcuni casi fino a ottobre. Solo la catena Aeon ha mantenuto costantemente la capienza al 50%.

Durante l’estate, gli inizi di ottobre gli incassi al box office giapponese sono andati molto bene, quindi non dovrebbe esserci un particolare impatto sugli incassi.

Per quanto riguarda Evangelion 3.0+1.0, la cui uscita è prevista per il 23 gennaio, non ci aspettiamo ulteriori rinvii. E il Box Office? Possiamo aspettarci un andamento simile a Fate/stay night Movie: Heaven’s Feel – III. Spring Song, uscito la scorsa estate con le sale a capacità ridotta.
L’apertura del film della Ufotable è stata in linea con quella dei capitoli precedenti, inoltre il film ha ottenuto il maggior incasso della trilogia.

Eventi

Wonder Festival 2021 [7 febbraio, evento invernale] è stato cancellato. Dato che l’affluenza è stata abbassata a un numero di 5000 persone agli eventi, solo la presenza dei rivenditori (6500) superava il limite.

Final Fantasy XIV Artwork Exhibition (8-12 gennaio), Square Enix ha rinviato l’evento.

L’attrazione The Quintessential Quintuplets ∬ (13 febbraio-4 aprile) al parco a tema Fuji-Q Highland è stato rinviato a data da destinarsi.

Hypnosis Mic -Division Rap Battle- 6th Live <<2nd D.R.B>> (30 gennaio-21 febbraio), i sei concerti previsti a Osaka, Aichi e Tokyo si potranno seguire dal vivo online.

Noitamina Shop e Café chiuderanno un’ora prima, alle 8:00 p.m.

Banana Fish Cafe e Bar stanno cancellando le prenotazioni dopo le 7:00 p.m., non accettano più clienti senza prenotazione.

Il parco a tema Sanrio Puroland chiude dal 9-31 gennaio, nei giorni in cui rimane aperto la chiusura è stata anticipata alle 5:00 p.m.

Gundam Factory Yokohama ha fermato le prevendite dal 9-11 gennaio. In seguito verrà annunciato come acquistare i biglietti per visitare in giornata il Gundam.
Non verranno più venduti in prevendita i biglietti per la Gundam Dock Tower per le 7:45 p.m. timeslot e in seguito dal 13-31 gennaio.

Fonti Variety, Deadline, ANN, Japan Times

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Cary Fukunaga, una carriera imprevedibile da True Detective a No Time to Die 22 Settembre 2021 - 11:00

Ha esordito con un dramma in lingua spagnola per dirigere poi film in costume, serie TV epocali e film di guerra: ecco chi è il regista del nuovo Bond

Willie Garson è morto, aveva interpretato Stanford Blatch in Sex and the City 22 Settembre 2021 - 10:12

L’attore statunitense Willie Garson è morto, aveva 57 anni. Nel corso della sua carriera Willie Garson era comparso in oltre 50 film, ma il suo ruolo più famoso rimarrà quello di Stanford Blatch, interpretato nella serie televisiva Sex and the City dal 1998 al 2004.

Venom: La furia di Carnage – Lo scontro continua sul poster IMAX 22 Settembre 2021 - 10:00

I due simbionti si scontrano sul poster IMAX di Venom: La furia di Carnage, in uscita il prossimo 14 ottobre nelle sale italiane.

Star Wars: Visions, la recensione 21 Settembre 2021 - 18:00

In un Giappone vicino vicino: arrivano su Disney+ i corti anime di Star Wars.

He-Man and the Masters of the Universe, la recensione 16 Settembre 2021 - 9:30

Un godibilissimo remake della storia di He-Man e dei Masters, per ragazzini di ogni età (pure sopra i quaranta, sì).

Guida pratica al mondo di Dune 14 Settembre 2021 - 9:15

Dai film ai videogiochi, da Star Wars a Miyazaki, tutto quello che è nato dal romanzo di Dune (che nessuno voleva pubblicare).