L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Wolfwalkers – Dalle influenze alla realizzazione del film di Tomm Moore e Ross Stewart

Wolfwalkers – Dalle influenze alla realizzazione del film di Tomm Moore e Ross Stewart

Di Marlen Vazzoler

Da qualche giorno è possibile vedere su Apple TV+ il lungometraggio animato Wolfwalkers – Il popolo dei lupi diretto da Tomm Moore e Ross Stewart. Quarto film dello studio Cartoon Saloon di base a Kilkenny, è co-prodotto da Dentsu Ent., Melusine Productions (Ernest & Celestine) e Folivari.

Moore lo descrive come l’ultima opera del suo trittico folkloristico irlandese iniziato con The Secret of Kells e continuato con La canzone del mare.

La storia

Ambientato nella metà del diciassettesimo secolo a Kilkenny, il film racconta la storia di Robyn, una giovane apprendista cacciatrice inglese che assieme al padre si reca in Irlanda per dare la caccia all’ultimo e temuto branco di lupi del paese. Tutto cambia quando fa amicizia con uno dei lupi a cui suo padre sta dando la caccia: una misteriosa ragazza di nome Mebh.
Spiega Moore:

“Il suo viaggio personale la porta dall’essere una ragazza che vuole essere libera di andare a caccia con suo padre alla scoperta di una maggiore libertà quando entra nel mondo dei Wolfwalkers”.

Durante la lavorazione, Ross e Will Collins hanno scritto diverse bozze della sceneggiatura dove il focus della storia era più spostato sul padre, o la storia del tempo o la guerra civile che si stava combattendo in Inghilterra. Spiega Moore:

“Era un periodo con molte cose oscure da esplorare. E se non fosse stato un film per famiglie, avremmo potuto esplorare l’angolo della stregoneria, che è rimasto nelle bozze fino a quando non ci siamo resi conto che semplicemente non era dove volevamo andare con il film. Quindi, abbiamo continuato a tornare alle bambine. Abbiamo continuato a tornare a ‘Qual è la storia di Robyn?'”

Ispirazioni

I wolfwalkers

Moore e Ross si sono ispirati alle leggende dei wolfwalkers della loro città natale, Kilkenny, dove è ambientato il film.

“Ross e io ci siamo ispirati alle leggende dei Wolfwalkers a Kilkenny, che abbiamo imparato quando eravamo bambini. È fondamentalmente la versione irlandese della storia dei lupi mannari. Abbandonano i loro corpi e attraversano le foreste come lupi, mentre i corpi umani rimangono addormentati a casa.”

Ha aggiunto Stewart:

“Uno dei motivi principali per cui abbiamo deciso di fare Kilkenny è perché potevamo semplicemente guardare fuori dalla nostra finestra e iniziare a disegnare il castello come riferimento. Ma, durante quel periodo in Irlanda, ci fu un enorme conflitto con un’enorme forza invasiva che aveva delle idee completamente diverse da quelle delle persone che vivono qui, su come vivere, come lavorare con l’ambiente e su come vivere nella natura. Quindi, in quel conflitto, ci sono ottimi motivi per una grande storia.”

Cromwell

La scelta di ambientare la storia nel 1651, non è casuale. Dice Moore:

“Penso che sia stato Cromwell, in quel periodo, a sbarazzarsi deliberatamente dei lupi. Volevamo lavorare con alcuni di questi temi sulla distruzione ambientale delle specie e sulla polarizzazione delle persone su due lati opposti. E sembrava proprio il periodo di tempo giusto.
Ricordo che una delle prime cose in cui ci siamo imbattuti è stata una serie di documentari chiamata Wolfland; l’Irlanda una volta era stata chiamata Wolfland.
Nessuno di noi ne era a conoscenza perché i lupi sono estinti da tempo. E anche molto del folklore sui lupi si è estinto. Molte cose considerate parte della cultura irlandese, su come si vedevano gli stessi irlandesi, furono sterminate sterminando i lupi.”

In quel periodo in Inghilterra si stava combattendo la guerra civile. Dopo aver abbattuto temporaneamente la monarchia inglese Oliver Cromwell ha instaurato la repubblica del Commonwealth of England.

“Quindi quel periodo ci è sembrato un passaggio importante nella storia del nostro Paese e nel modo in cui ci vedevamo; il folklore ha cambiato le persone e le persone sono cambiate perché i lupi sono andati perduti, così come i boschi e le foreste. Ci ha toccato molto. È stato un periodo potente. Voglio dire, con Secret of Kells, stavamo osservando l’impatto dei Vichinghi, ma questo era più vicino a casa. Siamo entrambi di Kilkenny. Siamo cresciuti qui.”

Con il titolo di Lord Protettore Cromwell ha governato l’Inghilterra, la Scozia e l’Irlanda. Ancora oggi le sue repressioni in Irlanda sono un argomento molto controverso.

Lo stile

Al film hanno lavorato diversi animatori di Klaus che questa volta si sono trovati a disegnare un film in cui le linee di contorno erano vive.

I filmaker hanno deciso di procedere in questa direzione dopo aver visto i fumetti disegnati da uno dei concept artist del film: Cyril Pedrosa, un ex animatore della Disney che ora disegna fumetti per la Francia. Spiega Moore:

“Quando disegna un personaggio triste, tutto quello che lo riguarda è triste, come l’inchiostro che è blobby e triste. Quando disegna un personaggio arrabbiato, le linee sembrano arrabbiate, saltano fuori dal personaggio.

Abbiamo provato a portare un po’ di questo nell’animazione perché il modo in cui disegni il personaggio, non solo come parla o come si muove o cosa fa, ma le linee usate per delineare il contorno del personaggio, possono mostrare cosa sta succedendo dentro di loro.”

Due mondi

Kilkenny è una città abitata dai coloni inglesi e circondata dai boschi che ospitano i lupi e le forze magiche. Per crearla è stata usata una palette di colori che vanno dal grigio ai marroni, il suo design è caratterizzato da linee dritte e pulite, e da forme spigolose.

“Usiamo molti linguaggi sulla forma, sul design e sul colore e fondamentalmente utilizziamo tutti gli strumenti della nostra cassetta degli attrezzi per raccontare la nostra storia nel modo più espressivo possibile.

Una delle tipiche cose dell’animazione disegnata a mano, che la differenzia dagli altri film, è che puoi usare l’intero linguaggio del disegno, la storia della pittura e la rappresentazione visiva. Puoi usare lo spazio per comporre in modo molto pittorico o in modo molto astratto a seconda di quello che vuoi che il pubblico provi durante una specifica scena”.

Nella foresta le forme sono più arrotondate e fluide, le linee sono più sporche. I colori sono il verde e quelli tipici dell’autunno. Il team artistico composto per la maggior parte da artisti mediterranei ha faticato all’inizio nel catturare i colori della natura irlandese. Spiega Moore:

“Abbiamo cercato di rendere [il modo in cui sono disegnati i personaggi] una parte della narrazione. Se i personaggi sono arrabbiati, potrebbero avere delle linee arrabbiate; ogniqualvolta che sono felici e liberi, avranno delle linee molto selvagge e libere; se sono molto tesi, potrebbero avere delle linee molto sottili”.

Le tecniche e la wolfvision

Come nelle precedenti opere di Moore, viene utilizzata abbondantemente una prospettiva non lineare. Tuttavia in alcuni punti lo studio si è trovato a a utilizzare delle nuove tecniche, con un software 3D ad esempio hanno creato delle riprese dinamiche e dei movimenti sull’asse Z.

In termini produttivi la ‘wolfvision’ è stata la sfida più grande, hanno impiegato l’intera lunghezza della produzione, quasi tre anni, per creare soli tre minuti di film. In queste sequenze in cui vediamo come appare il mondo dal punto di vista dei lupi, ci sembra di vedere il paesaggio muoversi su tre dimensioni.

Il regista e animatore Evan McNamara ha creato i set in VR per consentire di volare attraverso il paesaggio, e ottenere il tipo di scena di cui avevano bisogno. Poi hanno stampato ogni fotogramma per il rendering manuale su carta, con carboncino e matita. Stewart:

“Ogni pagina è come uno sfondo completamente renderizzato con personaggi ed effetti. Quindi ci è voluto molto tempo”.

Una pipeline decisamente complessa, afferma Moore:

“È una pipeline complessa. Ma volevamo che quello che fosse finito sullo schermo fosse carta e matita. Quindi, anche se abbiamo usato la CG per mappare quello che stava per fare, il risultato sullo schermo è completamente disegnato a mano, 12 fotogrammi al secondo; l’intero sfondo, i personaggi e tutto su una pagina di carta, il che è davvero laborioso. Ma penso che sia spettacolare.”

Fonti Annecy, AWN


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Alex Kurtzman ha esteso il suo contratto con CBS Studios fino al 2026 1 Agosto 2021 - 19:06

Alex Kurtzman rimarrà a capo dell'universo di Star Trek per altri sei anni, dopo il rinnovo del suo contratto con CBS Studios

Il revival di Criminal Minds su Paramount+ forse non si farà 1 Agosto 2021 - 19:00

Lo ha rivelato su Twitter la star della serie originale Paget Brewster

Stallone ha un nuovo anello fortunato… Expendables 4 si avvicina! 1 Agosto 2021 - 17:00

Il protagonista e creatore del franchise ha postato su Instagram la foto del nuovo anello del suo Barney Ross. Ci siamo?

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.