L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
The Mandalorian 2: la recensione del settimo episodio, The Believer

The Mandalorian 2: la recensione del settimo episodio, The Believer

Di Marco Triolo

Il bello di The Mandalorian – o, per lo meno, una delle cose belle di The Mandalorian – è che, come nei film western e noir, gli avversari sono costretti a diventare alleati di fronte a cause di forza maggiore. Quando insomma c’è un cattivo più grande, un nemico comune inviso a tutti. È una costante nella serie di Jon Favreau, che in questi ultimi episodi della stagione 2 sta raggiungendo l’apice.

Guarda The Mandalorian su Disney+!

Nella scorsa puntata, avevamo lasciato Din “Mando” Djarin nell’ufficio di Cara Dune su Nevarro, intento a chiedere un favore alla sua amica e alleata: la liberazione di Mayfeld (Bill Burr, lo avevamo visto nel sesto episodio della stagione 1), indispensabile per la missione di salvataggio di Grogu (assente questa settimana) dalle grinfie dell’Impero. Qualcuno sui social ha scherzato dicendo che Mando stava costruendo i suoi Avengers. E quel qualcuno non aveva tutti i torti, anche se, nel senso più ampio, l’idea di “mettere su la squadra” per un colpo ad alto rischio è qualcosa che abbiamo visto infinite volte al cinema.

Quella sporca dozzina… nello spazio!

Il settimo, e penultimo, episodio della stagione 2, The Believer, è scritto e diretto da Rick Famuyiwa e di tradizioni ne porta avanti tante, come ci ha abituati la serie. Non solo questo feeling da “sporca dozzina” a cui abbiamo già accennato, ma l’idea che tutta The Mandalorian sia un susseguirsi di missioni, sempre più difficili e pericolose, sempre più spesso in territorio nemico e con una posta in gioco ogni volta più alta. Nonostante siamo ormai in territorio serie orizzontale, cosa inevitabile visto che ci stiamo avviando verso il finale di stagione, Favreau e la sua squadra non sembrano disposti a cedere di un millimetro sulle coordinate della serie.

Un rigore e una coerenza che sono la pasta di cui è fatta The Mandalorian. Ora che Disney ha annunciato dieci nuove serie ambientate nel mondo di Star Wars, la botta di entusiasmo provata dai fan potrebbe essere smorzata, in parte, solamente dall’idea che Favreau e Dave Filoni non prenderanno parte a tutte (ok, Filoni di sicuro si occuperà di Ahsoka Tano, ma ci siamo capiti). Traduzione: non è che The Mandalorian sia bella perché è Star Wars. The Mandalorian è bella come serie, punto. E lo è grazie ai suoi autori, e alla coerenza delle loro scelte creative.

Mad Mando

Ciò detto, e parlando più concretamente dell’episodio di questa settimana, potete tirare un sospiro di sollievo perché è un’altra bella puntata. C’è, come detto, l’ennesima missione: estrarre informazioni da una base imperiale. I partecipanti: Mando, Boba Fett, Cara Dune, Fennec Shand e Mayfeld. Una bella squadra di carogne con un obbiettivo in testa: salvare un bambino. La cosa più Disney in assoluto! Stavolta, a svettare su tutto sono due cose. La prima è un inseguimento tra un veicolo imperiale (guidato da Mayfeld e Mando) e dei pirati. È letteralmente l’assalto alla diligenza western con una spruzzata di Mad Max: Fury Road, e se non avete mollato tutto subito per andare a vederlo non siete degni di questa serie.

La seconda non la possiamo dire qui, ne parleremo nella sezione spoiler più sotto. Basti dire che è un momento molto atteso e non delude. Famuyiwa dimostra un’ottima gestione dei tempi comici e alleggerisce anche le scene più tese con gli scambi tra Mando e Mayfeld, alleati improbabile eppure irresistibili.

Alla fine, un’altra missione è compiuta, un’altra tappa superata e un’altra attende. Il ciclo continua, l’avventura anche. Va bene così.

E ora qualche SPOILER…

Ok, non c’è moltissimo da rivelare in questo episodio. La squadra cerca delle coordinate per rintracciare Baby Yoda, va nel posto in cui si trovano, le trova e se ne va. Niente rivelazioni pazzesche, niente camei incredibili. Ahsoka Tano l’abbiamo già incontrata. Boba Fett pure, e stavolta è solo un altro personaggio. I giochi sono in gran parte fatti.

E allora cosa succede di tanto pazzesco in The Believer? Beh, che, come probabilmente da contratto, il povero Pedro Pascal si toglie il casco. Solo che stavolta lo fa di sua volontà e resta a volto scoperto per un tempo che, paragonato al resto della serie, è infinito. Scopriamo anche che Din Djarin ha gli stessi baffetti curatissimi di Pedro Pascal e allora sorge una domanda: perché mai uno che non mostra la faccia a nessuno tranne che a se stesso mette così tanta cura nei suoi baffi? Vanità? Sogna ancora Omera? O anche i baffi fanno parte della “via”?

Scherzi a parte, il fulcro della puntata è forse proprio questa scena: ci dice che Mando è ormai disposto a tutto pur di salvare quello che a tutti gli effetti è suo figlio. Anche lui ha accettato la sua paternità, e il gesto di sacrificare il suo credo per il bene Grogu serve a farlo capire allo spettatore. Non stupiamoci, ora, se Mando finalmente rinuncerà al suo estremismo religioso: ha capito che nella vita ci sono cose ben più importanti.

Guarda anche

Boba Fett ritratto sul nuovo poster
Top Streaming: da Qualcuno salvi il Natale a The Mandalorian, i film e le serie tv più viste degli ultimi sette giorni
The Mandalorian: Le citazioni e i riferimenti nell’episodio 2×06
Rogue Squadron: Patty Jenkins da Wonder Woman a Star Wars, il nuovo film nel 2023!
Cassian Andor: un primo sguardo alla nuova serie di Star Wars per Disney+

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Acapulco: il trailer della colorata serie con Eugenio Derbez, dall’8 ottobre su Apple TV+ 23 Settembre 2021 - 20:15

Apple ha diffuso il trailer di Acapulco, una nuova serie comica in lingua spagnola e inglese con Eugenio Derbez, in arrivo su Apple TV+ il prossimo 8 ottobre.

È morto Roger Michell, regista di Notting Hill 23 Settembre 2021 - 19:38

Michell aveva 65 anni; la causa della morte non è stata rivelata

So cosa hai fatto: il trailer ufficiale della serie Amazon (e la reazione del cast al trailer) 23 Settembre 2021 - 19:26

Il trailer ufficiale di So cosa hai fatto ha fatto il suo debutto nel web. E c'è anche un altro video che mostra la reazione del cast della serie al trailer.

Michael Jordan e la storia di Space Jam: tutto era iniziato da Spike Lee (FantaDoc) 23 Settembre 2021 - 18:00

Il bello di The Mandalorian – o, per lo meno, una delle cose belle di The Mandalorian – è che, come nei film western e noir, gli avversari sono costretti a diventare alleati di fronte a cause di forza maggiore. Quando insomma c’è un cattivo più grande, un nemico comune inviso a tutti. È una […]

Ms. Marvel – La serie è stata rinviata all’inizio del 2022 23 Settembre 2021 - 12:30

Era ovvio, ma ora la conferma giunge da Variety: Ms. Marvel, inizialmente prevista per la fine dell'anno su Disney+, uscirà all'inizio del 2022.

What If…?, E se Thor fosse stato John Belushi? 22 Settembre 2021 - 15:10

Il settimo episodio di What If...? è Animal House all'asgardiana. No, sul serio.