L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Legendary vuole prevenire l’uscita di Dune e Godzilla vs. Kong su HBO Max [RUMOR]

Legendary vuole prevenire l’uscita di Dune e Godzilla vs. Kong su HBO Max [RUMOR]

Di Marlen Vazzoler

L’annuncio di WarnerMedia di portare su HBO Max tutto il listino del 2021 della Warner Bros ha colto tutti di sorpresa, in particolare i co-finanziatori e i talent dietro ad alcuni di questi progetti, che hanno venduto il film o hanno scelto lo studio perché è considerato uno dei migliori per quanto riguarda il lancio distributivo su larga scala.

Alcuni si sono chiesti se la mossa sia del tutto legale. Lo studio si sta essenzialmente auto-regolamentando per costruire il suo servizio streaming: HBO Max.

Questi film non sono stati messi a disposizione ad altri, un’opzione che avrebbe potuto portare ad un aumento del prezzo e non esiste un’analisi di terze parti per l’assegnamento del valore in una strategia di auto-negoziazione.

Se Godzilla vs Kong vale $250 milioni per Netflix, che aveva proposto mesi fa di acquistare il film – ma l’accordo è stato bloccato da WarnerMedia – avrà lo stesso valore per HBO Max?

Infine in molti si chiedono se la redditività a lungo termine dei franchise verrà danneggiata dall’offerta HBO Max. Una domanda che l’industria ha cominciato a farsi da quando è stato annunciata l’uscita in contemporanea di Wonder Woman 1984 nelle sale e su HBO Max.

Legendary Entertainment

Secondo le fonti di Mike Fleming Jr., la Legendary non ha avuto alcun preavviso prima dell’annuncio della scorsa settimana, sulla presenza di Dune e Godzilla vs Kong nel piano di HBO Max. Pare che Denis Villeneuve sia rimasto deluso dal piano di HBO Max, preferirebbe una distribuzione tradizionale. Altri filmaker coinvolti in Dune hanno espresso privatamente il loro scontento.

Legendary e i suoi partner hanno coperto il 75% del budget di $165M di Dune, e un simile ammontare è stato speso anche per Godzilla vs. Kong.

Dovrebbero esserci altri tre film finanziati per la maggior parte da Legendary che verranno offerti agli abbonati di HBO Max, non rispettando gli accordi che erano stati fatti per la distribuzione nelle sale, e di conseguenza la tradizionale sequenza dei flussi delle entrate.

Lo studio ha o deve mandare entro oggi delle lettere legali alla Warner Bros in cui contesta la decisione di inserire Dune e forse anche Godzilla vs Kong.

Secondo le fonti di Variety, Legendary spera di negoziare un accordo più generoso (ad esempio l’acquisto dei film da parte della WB) prima di procedere con un’azione legale che potrebbe entrare in moto questa settimana.

Warner in una situazione difficile

La Warner Bros si trova in una situazione difficile, con i film a prendere polvere e ad accumulare costi di interesse (sebbene l’interesse sia basso in questo momento). A questo aggiungiamo la probabilità che per sei mesi o più, le presenze nelle sale (americane) sarà irrisoria prima che il mercato cinematografico possa riprendersi.

Con il vaccino dietro l’angolo, alcuni sono rimasti esterrefatti dalla scelta di Warner. Si chiedono perché continuare questo esperimento per tutto il 2021, una volta sradicata la pandemia?

Diversi rappresentanti dei talent hanno affermato di temere che la mossa di WarnerMedia sia poco lungimirante e che gli sia stata imposta senza discussioni. Se la battaglia legale tra la Writers Guild e due delle più grandi agenzie di Hollywood, CAA e WME, arrivasse a un accordo, potrebbero spostare l’attenzione su quanto sta accadendo. Sarebbero gli unici ad avere una leva tale da poter far pressione sullo studio.

Questo perché gli esercenti sono chiusi e stanno rischiando il fallimento, di conseguenza hanno poca voce in capitolo su quanto gli viene imposto dalla Warner.

La decisione è di ATT&T, non di Warner

Chi ha fatto l’annuncio? Non Toby Emmerich al comando della WB ma il capo di ATT&T che ha comprato lo studio.

John Stankey, Jason Kilar ed Ann Sarnoff non fanno parte dell’ambiente cinematografico, e non sappiamo se conoscono le miriadi di benefici di una distribuzione nelle sale.

La pellicola crea anticipazione, innesca una cascata di entrate e diventa un prezioso titolo. Pensiamo a film che sono diventati dei casi al botteghino come Black Panther, Knives Out e Joker.

Quello che hanno raggiunto nelle sale sarebbe stato possibile con lo streaming?

Il cambio degli accordi

WarnerMedia e Warner Bros cercheranno di convertire gli accordi cinematografici in una compensazione che rifletta il passaggio dei film a HBO Max. Secondo le fonti quando è stato deciso che Wonder Woman 1984 sarebbe uscito contemporaneamente su HBO Max e nelle sale americane a Natale, la regista e i talent hanno ottenuto milioni di dollari grazie all’acquisizione dei backend che sono stati calcolati ipotizzando che il film avrebbe incassato nelle sale $1 miliardo in tutto il mondo.
Un accordo concettualmente simile è stato fatto per Le Streghe, di Robert Zemeckis che è uscito direttamente su HBO Max ed ha bypassato i cinema.

Nel caso de 17 film:

I talent che hanno stipulato degli accordi per ricevere dei bonus legati alla performance della pellicola al botteghino, Warners ha accelerato della metà il punto di inizio in cui inizieranno a incassarli.
Ad esempio, se un talent avrebbe dovuto ricevere un bonus quando il film avesse raggiunto $300M al botteghino mondiale, quel numero ora è stato dimezzato, quindi $150M, per riflettere la potenziale perdita al botteghino negli Stati Uniti, dovuta alla visione del film a HBO Max.

Inoltre, Warners, che di solito mette a disposizione dei partecipanti al cash break circa una media del 50% delle entrate del botteghino, per questi 17 film includerà lo stesso importo come diritto di concessione per la finestra di 31 giorni su HBO Max.

Quei soldi andranno nel piatto in cui viene calcolato il back-end. Gli accordo per i talent e i registi non verranno cambiati.

La Warners sta anche accettando dei piani minimi per questi diritti di concessione maggiori di $10M o del 25% del costo netto del film. Sta anche modificando il canone di licenza di 31 giorni di HBO Max per i cinema chiusi, quando i film saranno distribuiti.

Se la media del numero di sale è inferiore al 75%, rispetto del solito, invece del canone di licenza HBO Max pari al 100% dei noleggi cinematografici statunitensi, sarà del 125%; se sono aperti meno del 50% dei cinema, il canone di licenza sarà calcolato sulla base del 150% dei noleggi negli Stati Uniti; se inferiore al 25%, sul 175% dei noleggi.

Fonti Deadline, Variety


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Batman Unburied: Winston Duke e Jason Isaacs saranno Bruce Wayne e Alfred nel podcast 27 Luglio 2021 - 18:45

Il podcast nasce da un'idea di David Goyer e vedrà Bruce Wayne nell'insolito ruolo di patologo forense. In arrivo su Spotify

Venezia 78: Teaser trailer di Inu-Oh di Masaaki Yuasa, in uscita nel 2022 27 Luglio 2021 - 18:33

Dopo Ping Pong Masaaki Yuasa e Taiyo Matsumoto tornano a collaborare di nuovo insieme, questa volta per il musical Inu-Oh che verrà presentato in anteprima mondiale a Venezia 78. Inoltre il resoconto della presentazione ad Annecy 2020

Com’è bella l’avventura: la recensione di Jungle Cruise 27 Luglio 2021 - 18:01

Jungle Cruise rielabora i vecchi film d'avventura con una sensibilità contemporanea, dimostrando di aver appreso la lezione dei primi Pirati dei Caraibi.

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.