L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Le star de Il signore degli anelli e Lo Hobbit vogliono salvare la casa di Tolkien

Le star de Il signore degli anelli e Lo Hobbit vogliono salvare la casa di Tolkien

Di Marco Triolo

La casa di J.R.R. Tolkien, la stessa in cui ha scritto Lo Hobbit e parte de Il signore degli anelli, sta per essere messa in vendita. E le star della saga cinematografica si sono messe in moto per salvarla.

La casa si trova al numero 20 di Northmoor Road a Oxford. Tolkien vi si trasferì con la famiglia nel 1930 e ci visse per diciassette anni, mentre insegnava letteratura anglosassone nella vicina università.

La campagna, chiamata Project Northmoor, è stata lanciata dalla scrittrice Julia Golding e mira a trasformare la casa di Tolkien in un museo dedicato all’autore. L’obbiettivo è raggiungere i 4,5 milioni di sterline (circa 5 milioni di euro) per acquistare la villa. Ad appoggiare questo ambizioso progetto ci sono nomi molto legati alla fama della saga della Terra di Mezzo. Parliamo di Ian McKellen (Gandalf), Martin Freeman (Bilbo) e John Rhys-Davies (Gimli). A questi si aggiungono anche John Howe, illustratore dei romanzi di Tolkien, e Annie Lennox, premiata nel 2004 con l’Oscar per il brano Into the West, tratto da Il signore degli anelli: Il ritorno del re.

Non solo un museo, ma un centro creativo

Julia Golding ha dichiarato:

Raccogliere sei milioni di dollari in tre mesi è una grossa sfida. Tuttavia, basta guardare al viaggio di Frodo e Sam da Gran Burrone al Monte Fato, che aveva la stessa durata, per convincerci che ce la possiamo fare anche noi.

John Rhys-Davies ha aggiunto:

Incredibilmente, considerando la sua importanza, non esiste un centro dedicato a Tolkien da nessuna parte nel mondo. L’idea è fare della casa di Tolkien un centro letterario che ispirerà nuove generazioni di scrittori, artisti e filmmaker per molti anni a venire.

Ian McKellen:

Non possiamo raggiungere questo obbiettivo senza il sostegno della comunità internazionale di fan di Tolkien, la nostra compagnia di finanziatori.

Golding ha negoziato con gli attuali proprietari della villa una finestra di tre mesi per raccogliere la somma necessaria a comprarla. La villa costa 4 milioni di sterline: il resto verrebbe utilizzato per mettere a norma l’edificio e sviluppare i primi programmi. “La nostra idea”, spiegano gli organizzatori, “non è trasformare la casa di Tolkien in un freddo museo, ma in una casa accogliente di infinita creatività”. Se l’obbiettivo della raccolta fondi non verrà raggiunto, il denaro verrà usato comunque per promuovere il lavoro di Tolkien attraverso corsi ed eventi incentrati sull’autore.

Fonte: The Guardian


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Corto Circuito: La seconda stagione su Disney+ dal 4 agosto 2 Agosto 2021 - 22:00

Scopriamo i cinque nuovo cortometraggi dei Walt Disney Animation Studios che compongono la seconda stagione di Corto Circuito

Nella giungla di Park Avenue diventerà una serie TV 2 Agosto 2021 - 21:00

Il libro di Wednesday Martin sarà adattato da Yahlin Chang, produttrice esecutiva e sceneggiatrice di The Handmaid's Tale

Neon Genesis Evangelion: Per la prima volta la serie e i 2 film in Blu-Ray, in edizione limitata 2 Agosto 2021 - 20:30

La serie animata Neon Genesis Evangelion e i film Death(True)² e The End of Evangelion per la prima volta in un edizione Blu-Ray. Aperti i pre-ordini

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.