L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Se succede qualcosa, vi voglio bene: il corto animato che ha conquistato Netflix

Se succede qualcosa, vi voglio bene: il corto animato che ha conquistato Netflix

Di Filippo Magnifico

Se avete letto il nostro articolo sui contenuti più visti in streaming negli ultimi sette giorni, vi sarete sicuramente accorti di un titolo Netflix che occupa un posto di onore in Italia ma anche a livello globale: Se succede qualcosa, vi voglio bene.

Si tratta di un breve cortometraggio animato della durata di appena 12 minuti, scritto e diretto da Michael Govier e Will McCormack, che racconta la storia di due genitori devastati dalla perdita della loro giovane figlia, intenti ad affrontare il vuoto emotivo che questo tragico evento ha causato dentro di loro.

Il trailer

Nessun dialogo, solo la potenza delle immagini. Quanto basta per rendere quest’opera un piccolo, grande gioiello, in grado di commuovere per la sua semplicità.
Una semplicità che, attenzione, non è una mancanza ma un vero e proprio pregio. Perché di cose da dire, da raccontare, Se succede qualcosa, vi voglio bene ne ha parecchie.
La sua è una storia che affonda le radici in alcuni dei più tragici eventi di cronaca nera degli Stati Uniti.
Ma è giusto dire che il cortometraggio è ispirato ad aventi realmente accaduti?

Se succede qualcosa, vi voglio bene è tratto da una storia vera?

Al centro della storia c’è un massacro scolastico, quello in cui ha perso la vita la giovane figlia dei due genitori. Da questo punto di vista possiamo dire che Se succede qualcosa, vi voglio bene – l’ultimo messaggio che la giovane riesce a mandare ai suoi genitori prima di morire – si ispira ad aventi realmente accaduti, senza però prenderne in considerazione uno in particolare.
Per realizzare il corto, Michael Govier e Will McCormack si sono confrontati con alcuni genitori che hanno perso i figli in circostanze simili e hanno anche ricevuto l’approvazione finale di Everytown for Gun Safety, un’organizzazione non-profit che sostiene il controllo delle armi da fuoco negli Stati Uniti.

Laura Dern, che ha partecipato come produttrice, ha descritto così il corto:

Il fatto che parlasse in un modo così bello del problema era quasi un miracolo. Abbiamo trovato così commovente il fatto che fosse in grado di raggiungere tutti pur essendo senza dialoghi. Il modo in cui i registi e gli animatori hanno catturato quella storia non raccontata di dolore, di come le nostre memorie sono in grado di sopravvivere, era così concreto.

Queste, invece, le dichiarazioni dei registi:

Volevamo creare un’elegia per questi genitori che affrontano un dolore che nessuno dovrebbe sopportare. […] Quello a cui assistiamo è un processo di lutto, ma c’è anche della speranza al suo interno. Perché stiamo vedendo il modo in cui lo spirito umano può sopportare il dolore e andare avanti.

Fonte: Distractify

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Cary Fukunaga, una carriera imprevedibile da True Detective a No Time to Die 22 Settembre 2021 - 11:00

Ha esordito con un dramma in lingua spagnola per dirigere poi film in costume, serie TV epocali e film di guerra: ecco chi è il regista del nuovo Bond

Willie Garson è morto, aveva interpretato Stanford Blatch in Sex and the City 22 Settembre 2021 - 10:12

L’attore statunitense Willie Garson è morto, aveva 57 anni. Nel corso della sua carriera Willie Garson era comparso in oltre 50 film, ma il suo ruolo più famoso rimarrà quello di Stanford Blatch, interpretato nella serie televisiva Sex and the City dal 1998 al 2004.

Venom: La furia di Carnage – Lo scontro continua sul poster IMAX 22 Settembre 2021 - 10:00

I due simbionti si scontrano sul poster IMAX di Venom: La furia di Carnage, in uscita il prossimo 14 ottobre nelle sale italiane.

Star Wars: Visions, la recensione 21 Settembre 2021 - 18:00

In un Giappone vicino vicino: arrivano su Disney+ i corti anime di Star Wars.

He-Man and the Masters of the Universe, la recensione 16 Settembre 2021 - 9:30

Un godibilissimo remake della storia di He-Man e dei Masters, per ragazzini di ogni età (pure sopra i quaranta, sì).

Guida pratica al mondo di Dune 14 Settembre 2021 - 9:15

Dai film ai videogiochi, da Star Wars a Miyazaki, tutto quello che è nato dal romanzo di Dune (che nessuno voleva pubblicare).