L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Megan is Missing: come un horror del 2011 è diventato virale su TikTok

Megan is Missing: come un horror del 2011 è diventato virale su TikTok

Di Marco Triolo

Il caso di Megan is Missing, diventato recentemente virale su TikTok, dimostra ancora una volta il potere del passaparola sui social. Una cassa di risonanza fenomenale, che si autoalimenta ed è in grado di rendere popolare persino un film del 2011, che alla sua uscita non è che fosse stato proprio accolto a braccia aperte.

Per la verità, Megan is Missing, un horror found footage diretto da Michael Goi (American Horror Story, Le terrificanti avventure di Sabrina), fu girato addirittura nel 2006, ma gli ci vollero cinque anni per ottenere uno straccio di distribuzione. All’epoca, venne persino bandito in Nuova Zelanda, dove l’Office of Film and Literature Classification lo definì “sgradevole” e “nocivo al bene pubblico” a causa dell’eccesso di violenza e contenuti sessuali con protagonisti adolescenti.

Insomma, Megan is Missing non è certo considerato un classico. Per quanto sia un bene che un horror sappia scioccare il pubblico, il film di Goi ha più che altro scatenato reazioni di disgusto ed è stato giudicato eccessivo e gratuito. Questo nonostante il regista abbia sottolineato come la violenza snervante del suo film fosse voluta, per mostrare ai più giovani il pericolo dei predatori online.

La trama

Megan is Missing è incentrato su due amiche di 14 anni, Megan Stewart (Rachel Quinn) e Amy Herman (Amber Perkins). La prima è una ragazza popolare ma con un passato di abusi da parte del patrigno. La seconda è invece tormentata dai bulli. Un giorno, dopo aver conosciuto un ragazzo online, Megan sparisce, e Amber inizia a cercarla. Il finale è cupissimo e molto violento, e include una scena di violenza sessuale che è stata parecchio criticata all’epoca.

Perché è diventato virale

Alcuni utenti di TikTok hanno visto oggi il film e hanno iniziato a sconsigliare la visione ai più sensibili, o per lo meno a prepararsi allo shock. Ovviamente, questo tipo di commenti funziona all’opposto, come una calamita per i curiosi. Ciò ha spinto Michael Goi a intervenire di persona, con un video in cui ha dato qualche consiglio ai potenziali spettatori:

Non guardate il film in piena notte. Non guardate il film da soli. E se vedete le parole “foto numero uno” comparire sullo schermo, avete circa quattro secondi per spegnere il film se già vi siete presi male, prima di iniziare a vedere cose che magari non vorreste vedere.

@michaelgoi##meganismissing♬ original sound – Michael Goi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

The Morning Show: iniziate le riprese della stagione 3 18 Agosto 2022 - 18:54

Sono iniziate le riprese della terza stagione di The Morning Show, la serie Apple TV+ interpretata da Jennifer Aniston e Reese Witherspoon.

Samaritan: lunga intervista col coprotagonista Javon Walton 18 Agosto 2022 - 18:30

Prime Video è intenzionata a mostrarci footage inedito del film con Sylvester Stallone in arrivo il 26 agosto: Samaritan. Per cominciare, ecco l'intervista al suo coprotagonista, Javon Walton.

Black Mirror: Rory Culkin entra nel cast della stagione 6 18 Agosto 2022 - 18:00

La star di Signs e Lords of Chaos affiancherà i già annunciati Zazie Beetz, Aaron Paul, Josh Hartnett e Kate Mara

She-Hulk e una quarta parete infranta da oltre trent’anni 18 Agosto 2022 - 11:20

Come She-Hulk, un'eroina a fumetti nata per paura, è stata trasformata in uno dei personaggi Marvel più ironici di sempre.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?